quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Venerdì 24 GENNNAIO 2020
Coronavirus. Vaccino contro Ebola di Gilead potrebbe funzionare anche contro il nuovo virus cinese?

La casa farmaceutica Gilead sta lavorando con il National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) statunitense per testare il vaccino sperimentale contro Ebola, remdesivir, nel trattamento delle persone colpite dal nuovo coronavirus cinese. Sebbene non sia ancora noto se remdesivir sia efficace contro il nuovo ceppo di coronavirus, i test sugli animali hanno mostrato attività contro il coronavirus della SARS.

(Reuters Health) – Il vaccino di Gilead in sperimentazione nel trattamento del virus Ebola, remdesivir, potrebbe essere impiegato contro il coronavirus che si sta diffondendo in Cina e che, ad oggi, ha provocato circa 20 morti.
 
La pharma USA fa sapere che “sta discutendo con i ricercatori americani e cinesi per un potenziale utilizzo di remdesivir come trattamento sperimentale”.
Anthony Fauci, del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) americano, ha confermato che l’agenzia stava lavorando con Gilead per testare l’antivirale nelle persone colpite dal nuovo coronavirus.
 
Le infezioni da coronavirus possono portare a malattie respiratorie, alcune delle quali possono essere gravi e mortali, come la sindrome respiratoria mediorientale (MERS) e la sindrome respiratoria acuta grave (SARS).
 
Sebbene non sia ancora noto se remdesivir sia efficace contro il nuovo ceppo di coronavirus, i test sugli animali hanno mostrato attività contro il coronavirus della SARS. La Cina, nel frattempo, ha isolato la città di Wuham, epicentro dell’epidemia, mentre le autorità di tutto il mondo lavorano per impedire la diffusione del virus a livello globale.

Fonte: Reuters Health News

Julie Steenhuysen e Manas Mishra

(Versione per Quotidiano Sanità)
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA