quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Mercoledì 01 SETTEMBRE 2021
Covid. “Sì all'obbligo di vaccino per chi lavora a contatto col pubblico”. Il parere del Comitato per la Biosicurezza e le Biotecnologie

Nel documento non si fa riferimento alla popolazione generale, ma “a coloro che svolgono funzioni pubbliche e comunque attività lavorative che pongano il cittadino a stretto e continuo contatto con altri soggetti”. La definizione risulta però talmente ampia da fornire al Governo un supporto in caso di futuro dibattito su questo tema.

"I sottoscritti componenti del Comitato Nazionale di Biosicurezza, Biotecnologie e Scienze della Vita (CNBBSV) della Presidenza del Consiglio dei Ministri, nell’ambito delle attività di parere e proposta del Comitato, pur lasciando doverosamente al Governo la sintesi delle posizioni e le modalità esecutive, esprimono parere favorevole a quanto in oggetto, auspicando una obbligatorietà della vaccinazione anti Sars-Cov2, con specifico riferimento a coloro che svolgono funzioni pubbliche e comunque attività lavorative che pongano il cittadino a stretto e continuo contatto con altri soggetti e con l’ovvia esclusione delle situazioni di rischio documentato di una possibile patologia post-vaccinale".
 
Questo il parere espresso dal Comitato nazionale di Biosicurezza, Biotecnologie e Scienze della vita (Cnbbsv) della Presidenza del Consiglio dei ministri in merito alla possibile scelta da parte del Governo di rendere obbligatori i vaccino contro il Covid.
 
Il documento fa riferimento alla popolazione generale, ma solo “a coloro che svolgono funzioni pubbliche e comunque attività lavorative che pongano il cittadino a stretto e continuo contatto con altri soggetti”. La definizione risulta però talmente ampia da fornire al Governo un supporto in caso di futuro dibattito su questo tema.

© RIPRODUZIONE RISERVATA