QS EDIZIONI
Sabato 26 MAGGIO 2018
Ospedalità
Più di otto italiani su dieci vuole scegliere liberamente il medico e l’ospedale tra pubblico e privato. Mentre sei consiglieri regionali su dieci riconoscono il ruolo positivo delle strutture private accreditate. Questi i dati ricerca del Censis realizzata in collaborazione con Aiop su “Il valore sociale dell’ospedalità privata nella sanità pluralista” Leggi...

Assistenza socio sanitaria e assistenziale residenziale: quasi 13mila strutture con 390mila letti
L’Istat conduce annualmente un’indagine sull’offerta di strutture residenziali socio-assistenziali e socio-sanitarie e sulle tipologie di utenti assistiti. Rilevanti gli squilibri territoriali: l’offerta raggiunge i più alti livelli nelle regioni del Nord, dove si concentra il 64% dei posti letto (9,1 ogni 1.000 residenti) e tocca i valori minimi nel Mezzogiorno, con il 10,4% (soltanto 2,9 posti letto ogni 1.000 residenti). L'INDAGINE. Leggi...

Tempo determinato (precari): l&rsquo
L'Italia occupa posti alti in classifica soprattutto nelle fasce di età più giovani ed è comunque tra le prime dieci nazioni con i risultati peggiori. E secondo il Conto annuale il tempo determinato è la modalità più diffusa di assunzione proprio nel Servizio sanitario nazionale. Leggi...

Data protection officer
Tralasciando ospedali e case di cura che devono senza dubbio nominarlo, in area sanitaria i soggetti per cui sorge il dubbio circa l’obbligo di tale nomina sono numerosi: dai poliambulatori ai medici di base, dagli odontoiatri alle case di riposo. Alcuni vorrebbero evitare nuove "spese". Siamo sicuri che il possibile risparmio di qualche migliaio di euro l’anno valga la perdita delle garanzie e dei vantaggi che può offrirmi un DPO preparato?   di Silvia Stefanelli Leggi...

Reati stradali e prelievi coattivi
Va stigmatizzata qualsivoglia forma di ritrosia da parte degli addetti al servizio sanitario rispetto allʼeffettivo adempimento del dovere di immediata collaborazione con la polizia giudiziaria, essendo espressamente previsto il rilascio della certificazione relativa agli accertamenti svolti, "estesa alla prognosi delle lesioni accertate, assicurando il rispetto della riservatezza dei dati in base alle vigenti disposizioni di legge" (artt. 186, comma 5 e 187, comma 5 d.lgs. n. 285 del 1992).  di Carlo Bonzano Leggi...

XIII Giornata malato oncologico
I successi della medicina sono inequivocabili. Il cancro oggi si cura con molta più efficacia. Ma di cancro si muore ancora e la Favo nel suo rapporto apre questa pagina con coraggio parlando di "emergenza cure palliative". Secondo le ultime proiezioni dell’American Society of Clinical Oncology, nella nostra parte del pianeta, nel 2040, il 70% dei pazienti oncologici avrà più di sessantacinque anni. Una vera e propria emergenza sociale che rende evidente la centralità dell’assistenza domiciliare per le cure palliative. Sul fronte delle terapie invece sono gli oncologi a lanciare l'allarme budget. IL RAPPORTO FAVO. di Ester Maragò Leggi...

spacer Il test genetico BRCA: "Facciamo chiarezza"   spacer Quale futuro per i  farmaci   spacer L’organizzazione, "la migliore medicina"   spacer Caregiving, strumento imprescindibile per la sostenibilità dei sistemi sanitari   spacer Prestazioni previdenziali: “nuovi bisogni” per il lavoratore con patologia oncologica   spacer Nutrizione, un fattore fondamentale per l’esito positivo delle cure   spacer Prevenzione oncologica: come migliorare strumenti e linguaggi di comunicazione per aumentare cultura e accesso allo screening   spacer Tumore del pancreas: arriva Pep, il primo "programma integrato" a misura di paziente  
Italia deferita alla Corte UE per inquinamento aria insieme a Francia, Germania, Ungheria e 
La Commissione UE lo ha deciso dopo la verifica degli indici di presenza in eccesso di particolato e per l'assenza di misure efficaci. In Italia in 28 zone di qualità dell’aria, comprese le regioni Lazio, Lombardia, Piemonte e Veneto, i valori limiti giornalieri del particolato (PM10) sono stati costantemente superati, arrivando nel 2016 fino a 89 giorni di sforamento Leggi...

Più
Pubblicato il nuovo rapporto “Salvare vite umane, spendendo meno: una risposta strategica alle NCD" in cui si illustrano per la prima volta le esigenze di finanziamento e il ritorno degli investimenti delle politiche di "spesa migliore" economicamente convenienti e fattibili dall'Oms per proteggere le persone dalle malattie non trasmissibili (NCD) ), le principali cause di salute e morte nel mondo. IL RAPPORTO. Leggi...

Rapporto annuale Istat
Questa la fotografia degli italiani e dei residenti nel nostro Paese scattata oggi dall’Istat nel suo 26° Rapporto annuale presentato stamattina alla Camera. In Italia, si dichiarano in buona salute sette persone su dieci e rispetto ad altri paesi europei c'è una maggiore omogeneità dello stato di salute rispetto alla condizione economica. C’è, però, una sostanziale differenza tra le Regioni rispetto alla diseguaglianza in salute. In generale, al crescere della spesa sanitaria pro capite questa diminuisce; alcune regioni si discostano da questa tendenza. IL RAPPORTO 2018. Leggi...

spacer Istat 2018. L'offerta dei servizi dal distretto all'ospedale. "Quattro profili" per la diagnostica   spacer Istat 2018. La demografia aumenta le differenze: al Sud si vive meno e non sempre in buona salute   spacer Cimo: “Invecchiamento popolazione richiede fondi per piano di cura delle cronicità”  
Alcol
Tra i consumatori a rischio, 1,7 milioni sono giovanissimi tra 11 e 25 anni e 2,7 milioni ultrasessantacinquenni. Non diminuiscono neanche i consumatori ad alto rischio che si attestano sui 650 mila.  Questo lo scenario epidemiologico tracciato dai dati Istat e dall’analisi che ne fa l’Osservatorio Nazionale Alcol dell’Iss. Ricciardi: "Urgente rilanciare la prevenzione e educare agli stili di vita corretti, ne va della sostenibilità del sistema sanitario”. LE INDAGINI SUL CONSUMO DI ALCOL Leggi...

Biotestamento
Il medico non può assumere peraltro una posizione notarile rispetto alla volontà del paziente. Trovare la misura rappresenta la sfida non solo per rinnovare il ruolo sociale del medico ma anche per limitare l'intervento massiccio del biodiritto che rischia, prevalendo sull'etica, di proceduralizzare la cura contro l'interesse del paziente, di favorire tuttora la medicina difensiva, di porre in mano a un terzo, il giudice, situazioni che paziente e medico debbono risolvere di Antonio Panti Leggi...

Poliomielite
Il Comitato ha concordato all'unanimità che il rischio di diffusione internazionale del poliovirus rimane un'emergenza sanitaria pubblica di preoccupazione internazionale (PHEIC) e ha raccomandato l'estensione delle raccomandazioni provvisorie per ulteriori tre mesi. Il comitato ha considerato una seire di fattori per il raggiungimento di questa conclusione. IL REPORT OMS LUGLIO-DICEMBRE 2017. Leggi...

Cosa fare per le demenze
Tra gli ultimi Piani di azioni ufficializzati in ordine di tempo c’è quello del Galles, varato nel mese di febbraio. Il Piano sarà valido sino a tutto il 2022 e potrà contare su nuovi investimenti per 10 milioni di sterline annui, che integreranno le risorse già impegnate su questo fronte e garantiranno l’implementazione delle azioni previste dalla nuova programmazione. di Stefano A. Inglese Leggi...

Rapporto ISPRA: salgono a 400 i pesticidi ricercati e arrivano a 259 quelli trovati nelle acque italiane
Secondo il  Rapporto Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) sulla contaminazione delle acque nel 2016, che presenta i risultati relativi al biennio 2015-2016 sulla base dei dati provenienti dalle Regioni e dalle Agenzie regionali per la protezione dell’ambiente, glifosate e AMPA sono le  sostanze che risultano superiori agli standard di qualità ambientale per le acque (SQA) previsti dalla norma rispettivamente nel 24,5% e nel 47,8% dei siti monitorati per le acque superficiali. IL RAPPORTO Leggi...

Italia terzo produttore (in aumento) di CO2 per usi energetici dell&rsquo
Secondo i dati Eurostat l'Italia è terza per produzione di anidride carbonica per usi energetici nell'Ue. Fanno peggio solo Germania e Regno Unito in cui tuttavia i valori sono in calo. Le emissioni di CO2 sono un importante contributo al riscaldamento globale (per circa il 70%) e rappresentano circa l'80% di tutte le emissioni di gas serra dell'Unione. Leggi...

Pil europeo 2017
Nel 2017, il prodotto interno lordo dell'Unione europea ammontava a 15 300 miliardi di euro a prezzi correnti. Oltre la metà è stata generata da tre Stati membri: Germania, Regno Unito e Francia. Dall’Italia arriva invece l’11,2% del Pil europeo che porta il nostro Paese al quarto posto nella classifica Eurostat. Leggi...

L&rsquo
Sono ormai 100 milioni gli ultrasessantacinquenni che vivono nell'Unione Europea, il 19,4% della popolazione totale. Ma quanto "dipendono" dalle nuove leve per la loro pensione? Lo ha calcolato Eurostat rapportando il numero degli over 65 alle persone in età attiva con un'età compresa tra i 15 e i 64 anni. In media il tasso di dipendenza è del 29,9%, pari a 3,3 persone che producono reddito per una persona in pensione o comunque non attiva. In Italia questo indice è il più alto in assoluto ed è pari al 34,8%. Sopra la media UE altri 8 paesi. Leggi...

&ldquo
Presentata ieri a Milano la nuova indagine dell’Osservatorio innovazione digitale in sanità della School of Management del Politecnico di Milano. I dati parlano chiaro: la maggior parte dei cittadini preferisce accedere di persona per consulto medico (86%), solo il 15% comunica con il medico via email, il 13% via sms e il 12% via WhatsApp. Intanto la spesa per la sanità digitale  tocca 1,3 mld, con una crescita del 2% rispetto all’anno precedente. Leggi...

Salute mentale, Fabrizio Starace (Siep): &ldquo
Come si rileva dall'analisi condotta sui dati del Ministero della Salute relativi all’anno 2016, e considerando il finanziamento indistinto (comprensivo della quota di riequilibrio) assegnato nello stesso anno alle Regioni, la percentuale della spesa sanitaria dedicata alla Salute Mentale è pari al 3,5%, con una profonda sperequazione inter-regionale. Solo Trento e Bolzano ed Emilia Romagna rispettano il parametro di riferimento fissato dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni di Ettore Mautone Leggi...

Salute mentale
Per la Associazione, che raggruppa a sua volta 27 soggetti associativi e professionali, l’accesso ai servizi di salute mentale è garantito esclusivamente a quei cittadini che versano in condizioni gravi e di grande crisi, esponendo i pazienti meno gravi e in condizioni di maggior svantaggio socio-economico, al rischio di peggioramento o cronicizzazione, con grandi ricadute in termini di costi economici e sociali. IL DOCUMENTO, LE TABELLE. Leggi...

Popolazione
Lo scenario è stato tracciato oggi dall’Istat che ha pubblicato le previsioni regionali della popolazione residente. Il Mezzogiorno perderebbe popolazione per tutto il periodo mentre nel Centro-nord, si avrebbe un progressivo declino della popolazione soltanto dal 2045 in avanti. Le future nascite non saranno sufficienti a compensare i futuri decessi: dopo pochi anni di previsione il saldo naturale raggiunge quota -200 mila, per poi passare la soglia -300 e -400 mila nel medio e lungo termine. IL RAPPORTO. Leggi...

Il seme del malaffare nella normalità
Il sistema incorpora le condizioni di “moral hazard” che, quando si oltrepassa la linea della legalità, evolve in malaffare. Evidente, allora, l’utilità di una separazione più definita, direi manichea, tra erogazione di pubblico e privato quando a carico del Ssn, valevole in una direzione o nell’opposta, liberista o welfarista, per ridurre quell’area grigia di sovrapposizione ad alto rischio di devianza. di Fabrizio Gianfrate Leggi...

Oms, allarme inquinamento atmosferico: oltre 7 milioni di decessi l&rsquo
L'Oms riconosce che l'inquinamento atmosferico è un fattore di rischio critico per le malattie non trasmissibili (NCD), causando circa un quarto (24%) di tutti i decessi per adulti a causa di malattie cardiache, 25% da ictus, 43% da malattia polmonare ostruttiva cronica e 29% dal cancro ai polmoni. Più di 4.300 città in 108 paesi sono ora incluse nel database della qualità dell'aria dell'ambiente dell'Oms, rendendolo il database più completo al mondo sull'inquinamento atmosferico. LA SINTESI DEI RISULTATI 2016 DEL DATABASE OMS - LE LINEE GUIDA OMS SULL'INQUINAMENTO. Leggi...

Salute mentale: il rapporto 2016 del Sistema informativo nazionale
Secondo la sintesi del ministero della Salute gli utenti psichiatrici assistiti dai servizi specialistici nel 2016 sono stati 807.035 con tassi standardizzati che vanno dal 17,6 per 10.000 abitanti adulti in Sardegna fino a 206,5 in Emilia Romagna (valore totale Italia 160,9). Il costo medio annuo per residente dell’assistenza psichiatrica, sia territoriale che ospedaliera, è stato di 75,5 euro. Il 32,3% degli interventi è rappresentato da attività infermieristica a domicilio e nel territorio, il 24,1% da attività psichiatrica, il 16,3% da attività di riabilitazione e risocializzazione territoriale, il 6,4% da attività psicologica psicoterapica e il 5,6% da attività di coordinamento e il resto è rappresentato da attività di supporto. Il consumo di antidepressivi, antipsicotici e litio erogati in regime di assistenza convenzionata e in distribuzione diretta. IL RAPPORTO - L'APPENDICE STATISTICA - LE TABELLE. Leggi...

L&rsquo
I tassi di occupazione superiori al 75% sono stati registrati in Svezia (81,8%), Germania (79,2%), Estonia (78,7%), Repubblica Ceca (78,5%), Regno Unito (78,2%), Paesi Bassi (78,0%), Danimarca (76,9%), Lituania (76,0%) e Austria (75,4%). Dall'altra parte, il tasso di occupazione più basso è stato osservato in Grecia (57,8%), sebbene sia cresciuto nel corso dell'anno (+1,6%), seguita dall'Italia (62,3%, +0,7%), Croazia (63,6%, +2,2%), così come dalla Spagna (65,5%, +1,6 %). Leggi...

spacer Il 1° Maggio al Quirinale. Mattarella: “Welfare va adeguato ai nuovi bisogni di assistenza”  
Infortuni mortali sul lavoro: Italia al 14°
Secondo la rilevazione Eurostat nell'Ue il tasso standardizzato di incidenti mortali sul lavoro ogni 100mila lavoratori è del 2,4, in Italia del 3,11. Il tasso maggiore si registra in Romania (7,49), quello minore nei Paesi Bassi (0,76). Leggi...

Obiezione di coscienza, diritti umani e fine vita (<em>3ª
C’è però da chiedersi se l’erroneo diritto all’esercizio dell’obiezione di coscienza del medico nel fine vita della persona non sia la spia di un altro malessere di cui i professionisti non hanno però ancora piena consapevolezza. La verità è che la nuova legge sul consenso informato e sulle disposizioni anticipate di trattamento ha amputato l’autonomia del medico subordinandola alla giurisdizione. Se ne è parlato ancor poco. di Fabio Cembrani Leggi...

Obiezione di coscienza, diritti umani e fine vita (<em>2ª
Focalizzandomi sulla questione dell’ipotetico diritto del medico ad astenersi dai contenuti della volontà espressa dalla persona sana (dichiarazione anticipata di trattamento) e da quella malata (pianificazione anticipata della cura), l’errore più eclatante è quello di aver messo sullo stesso piano la legge e la deontologia professionale (art. 1, co 6) fratturando così la linearità della gerarchia delle fonti che pur continua ad esistere di Fabio Cembrani Leggi...

Obiezione di coscienza, diritti umani e fine vita (<em>1ª
La libertà di coscienza non deve essere salvaguardata a tutti i costi e con ogni mezzo estendendola a tutti quei campi del vivere collettivo sui quali esistono visioni morali inconciliabili perché è soggetta all’interposizione del legislatore nella sua opera di attento bilanciamento degli interessi in gioco, non avendo uno statuto assolutamente illimitato, estendibile a nostro piacimento a tutti quegli ambiti del vivere collettivo in cui le visioni etiche non sono simili di Fabio Cembrani Leggi...

Governo e Parlamento
 
 
 
 
segui quotidianosanita.it
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy