QS EDIZIONI
22 GENNNAIO 2017
Come migliorare la salute con il diritto
Approfondimento sul ruolo che rivestono le normative nelle politiche di salute pubblica. Dai successi delle norme antifumo, alle leggi per l’allargamento della copertura sanitaria (dal Ghana agli Usa), passando per le imposte sulle bevande zuccherate. Oms: “Si potrebbe fare molto di più per esempio sui cibi non sani, l'uso eccessivo di alcol e salute mentale”. IL RAPPORTO Leggi...

Ocse
Eliminare le diseguaglianze nelle cure, combattere la resistenza agli antibiotici, trattare le patologie croniche della popolazione che invecchia. Sono questi alcuni dei principali punti di partenza dell’analisi condotta dai ministri della Salute degli Stati Ocse riuniti a Parigi il 16 e 17 gennaio, per prepararsi alle sfide future e soprattutto per adeguare la Sanità Pubblica alle innovazioni tecnologiche. IL DOCUMENTO Leggi...

Pronto Soccorso al collasso
Ci risiamo. Quest’anno è stata la foto dei pazienti a terra a Nola a scatenare il tam tam mediatico e politico sul sovraffollamento dei pronto soccorso. Ma solo due anni fa le stesse immagini le avevamo viste al San Camillo di Roma. Da allora non è cambiato nulla e c’è un perché. Anzi "tre" perché di Cesare Fassari Leggi...

Tac, risonanze e mammografi
A rilevarlo è Eurostat che indica il nostro Paese insieme a Grecia, Cipro e Finlandia tra gli stati europei ad avere un numero più elevato di apparecchi per la diagnostica per immagini. Abbiamo il doppio delle Tac e delle risonanze rispetto alla Francia. IL REPORT. Leggi...

Fecondità
Lo Stato transalpino è quello che a livello europeo ha il primato (ultime nella Ue Italia e Portogallo ndr.) del numero di figli per donna anche se negli ultimi due anni il tasso è in continuo calo ed è sceso sotto la soglia di 2 (ritenuta il minimo). Leggi...

L&rsquo
Il virus predominante è l’A (H3N2). Nel vecchio continente tra i paesi con il più alto tasso l’Albania, la Macedonia e la Serbia. Livelli alti anche in Francia e Svizzera. In Italia segnalata intensità media. Leggi...

spacer Gli ultimi dati sull’influenza in Italia  
Ocse chiede che sia data più
Mentre gli altri settori si sono reinventati intorno al consumatore, nella sanità esiste un vero e proprio gap tra le persone, che hanno un piede nel futuro, e i servizi che sono bloccati nel passato. A Parigi l’Organizzazione internazionale affronterà la questione in un focus di due giorni. “Solo quando misuriamo i risultati riportati da pazienti emergono le differenze nei risultati delle cure”. Ecco le raccomandazioni per gli Stati. Leggi...

Il Ssn in deflazione
Definanziamento progressivo, ma anche incapacità di riorganizzarsi. Gli ospedali pubblici spendono troppo e male. I conti li ha fatti l’Aiop, che ha stimato il valore dei possibili “sovraricavi” delle strutture ospedaliere pubbliche che celerebbero di fatto un ripiano sommerso dei deficit ospedalieri. E la deflazione del sistema si traduce in un minore trasferimento di risorse al privato accreditato mettendo a rischio la sua capacità di offrire servizi ai pazienti. Una maggiore trasparenza dei bilanci aiuterebbe a misurare il livello di efficienza. LA SINTESI DEL RAPPORTO Leggi...

L&rsquo
Quello che stiamo vedendo quest'anno è diverso da quello che abbiamo visto nel recente passato. I pronto soccorso sono al collasso non si riesce a far fronte alla domanda continua che si riversa sulle strutture ospedaliere britanniche e freddo, influenza e malati cronici costituiscono il calvario quotidiano dei cittadini inglesi con attese che raggiungono in media le 23 ore nei pronto soccorso. E se Theresa May sceglierà di non affrontare le emergenze non c’è Brexit che tenga, la crisi sociale si acuirà. di Grazia Labate Leggi...

Ocse: &ldquo
Tra sprechi, inefficienze e corruzione i sistemi sanitari perdono per strada un quinto delle risorse. E i numeri sono inquietanti: un paziente su dieci nei paesi OCSE è inutilmente danneggiato presso il punto di cura. E ancora: più del 10% della spesa ospedaliera viene impiegata per correggere gli errori medici prevenibili o infezioni che le persone prendono negli ospedali. Senza contare i ritardi sui generici e l'eccessivo uso degli antibiotici. LO STUDIO Leggi...

Fumo
I numeri pubblicati nel report su Economia e controllo del tabacco. “I ricavi annuali dal consumo di sigarette a livello globale potrebbero aumentare del 47% se tutti i paesi elevassero le accise di circa 0,80 dollari per confezione. Inoltre, l’aumento delle tasse farebbe aumentare i prezzi di vendita in media del 42%, portando ad un calo del 9% del tasso di fumatori”. LO STUDIO Leggi...

Ospedali e pronto soccorso
Se non si cambia verso, il rischio di ripetere con un decennio di ritardo gli errori del NHS non è trascurabile. Il nostro SSN sta precipitando nel baratro dell’incapienza. Un’incapienza di posti letto, di medici, di infermieri, di operatori socio-sanitari, di risorse in conto capitale, di formazione che sempre di più rende incompatibili assistenza, sicurezza delle cure e rispetto dei diritti e della dignità degli utenti di Carlo Palermo (Anaao Assomed) Leggi...

Sanità
Il Piemonte butta giù dallo scalino più alto del podio il Trentino Alto Adige, che però conquista il maggiore apprezzamento da parte dei cittadini. Dieci milioni di italiani nel 2016 hanno rinunciato a curarsi per le lunghe liste di attesa o perché non si fidano del sistema sanitario della loro regione. Per la mobilità sanitaria attiva Molise in testa e Sardegna in coda, la Basilicata è la Regione più “infedele”. Le spese legali hanno superato i 190 milioni di euro. Leggi...

spacer Viérin (Valle D'Aosta): “Risultati positivi rappresentano uno stimolo”   spacer Frattura (Molise): “La nostra riorganizzazione funziona”   spacer Basilicata: “Indagine superficiale e fuorviante”  
Emergenza smog: 32 città
La classifica stilata da Lega Ambiente prende in considerazione tutti i capoluoghi di provincia che hanno superato con almeno una centralina urbana la soglia limite di polveri sottili in un anno. Male anche Milano, Venezia, Vicenza, Padova e Treviso. E per invertire la rotta l'associazione ha messo a punto un vero e proprio piano anti smog in 10 mosse. Leggi...

Italia senza posti letto
Nell’ultimo compendio annuale la fotografia del nuovo Ssn dopo la dieta dei tagli: meno strutture, meno posti letto ordinari negli ospedali, meno laboratori e medici di base e più assistenza residenziale (ma solo al Nord). E il centro sud arranca tra ospedali senza letti e assistenza residenziale inesistente. Torna invece a crescere il personale del Ssn. CAPITOLO SANITÀ - RAPPORTO INTEGRALE di L.F. Leggi...

spacer Sintesi del capitolo sanità dell'Annuario Istat. Italiani sempre più vecchi ma in buona salute. Prosegue calo nascite, crescono fumatori. Difficoltà accesso al PS per 55% italiani  
La spesa sanitaria Usa è
Pubblicata su Jama la classifica delle patologie per le quali si spende di più negli Stati Uniti. Al primo posto il diabete, per il quale nel 2013 sono stati bruciati 101 miliardi di dollari. A seguire, la cardiopatia ischemica, principale causa di morte stelle-e-strisce negli ultimi 18 anni. La spesa pro capite record si registra nelle donne dagli 85 anni in su, ed è imputabile per il 58% alla retta delle case di riposo. Molto alta anche la spesa per cure odontoiatriche, gravidanza e post partum di Maria Rita Montebelli Leggi...

La cronicità
Uno studio Ocse mette in rilievo le difficoltà lavorative per le persone affette da malattie croniche. A fronte di un'occupazione media del 74% chi ha 2 o più patologie croniche resta senza lavoro nel 50% dei casi. Il fenomeno meno presente nei Paesi scandinavi e in Svizzera. Più grave in Slovenia e Spagna. L'Italia si colloca di poco sotto la media dei 14 paesi europei presi in esame Leggi...

Antidoping, positivo il 3 per cento degli atleti
La Sezione per la Vigilanza e il controllo sul doping ha pubblicato i risultati delle analisi condotte nel 2016: tre sportivi su cento fanno uso di doping, sono soprattutto uomini. In otto mesi, analisi in 105 manifestazioni. IL RAPPORTO Leggi...

Dispositivi medici
Dopo la pubblicazione del report del ministero della Salute, Assobiomedica invita ad una lettura attenta delle percentuali: se la spesa totale risulta aumentata è solo perché è cresciuto il numero di strutture sanitarie che hanno fornito i loro dati. Il commento del presidente Luigi Boggio e i dettagli dello studio di Assobiomedica sui dispositivi medici e sulla condizione delle apparecchiature diagnostiche troppo obsolete. IL RAPPORTO SUI DISPOSITIVI MEDICI. Leggi...

spacer "In Italia sono 58 mila gli apparecchi obsoleti. Solo il 30% ha meno di 10 anni"  
Il 2016 visto dall&rsquo
L’Organizzazione mondiale della sanità ha ricostruito mese per mese le principali iniziative avviate in tutto il pianeta. Dalle epidemia di Zika alle emergenze in Siria passando per lotta al tabacco fino alla chiusura dell’emergenza Ebola in Africa. VAI ALLA STORY MAP. Leggi...

&ldquo
Approfondimento con l'economista di Tor Vergata sul futuro del Ssn. "C'è bisogno di fare manutenzione. Ma per capire in che senso, bisogna prima decidere cosa fare su alcune questioni che riguardano complessivamente la società italiana: l’equità fiscale e la questione meridionale in primis". E poi ancora: "Ministero della salute tecnocratico e poco autorevole. Iniziamo ad ascoltare e responsabilizzare cittadini e professionisti" di Luciano Fassari Leggi...

Conferenza nazionale dispositivi medici
In Italia il mercato dei dispositivi medici coinvolge più di 4 mila imprese, per un fatturato medio di 5,4 milioni, che creano occupazione per 68 mila persone. Attenzione alla contraffazione: lo sono il 20% dei prodotti che girano sul mercato. E poi ecco la mappa di anzianità degli apparecchi: una Tac su 5 ha più di 10 anni. Ecco il report del Ministero della Salute. IL RAPPORTO di Isabella Faggiano Leggi...

spacer Da Ministero e Anac arriva Fast Track per sperimentazioni più veloci e sicure  
Incidenti stradali
Rispetto al 2015, evidenziata una riduzione dello 0,8% degli incidenti con lesioni a persone, del 4,7% delle vittime e dello 0,5% delle persone ferite. – 15% decessi in autostrada. Per uso del cellulare alla guida e per eccesso di velocità le multe sono cresciute rispettivamente del 25% e del 22%. Ma tutto ciò non basta: obiettivi Ue 2020 ancora lontani. IL REPORT Leggi...

Focus sul Piano nazionale esiti 2016
Siamo andati a vedere cosa cela il nuovo sistema di valutazione Treemap (che misura la qualità delle strutture come previsto dal decreto sui piani di rientro) e abbiamo scoperto che 11 tra Ao, Aou e Irccs pubblici presentano valori oltre i limiti entro cui può essere richiesta la presentazione del Piano di efficientamento. L’80% sono ospedali concentrati al Sud. Primato alla Campania con 4 Aziende a rischio. Ecco quali sono le aziende a rischio di L.F. Leggi...

spacer “Italia ancora a due velocità ma si riduce gap Nord-Sud. E il caso Sicilia dimostra che PNE funziona”. Intervista a Braga (Agenas)   
Il nuovo Piano nazionale esiti: 1
Il quadro mostra molti indicatori di qualità in crescita ma con ancora troppe aree di difficoltà. Dalla permanenza di punti nascita troppo piccoli e quindi poco sicuri, alla bassa percentuale (solo 30%) di strutture oncologiche con un range di interventi a polmone, stomaco e mammella superiore ai livelli minimi sotto i quali la qualità e la sicurezza sono a rischio. Molte novità in questa edizione con più indicatori e un nuovo sistema di valutazione che consente di fotografare la qualità di ogni ospedale attraverso gli indicatori di 7 aree cliniche principali. SINTESI PNE 2016 Leggi...

spacer Arriva ‘Treemap’: la nuova analisi di qualità degli ospedali. Al top quelli lombardi, in coda i campani. E la Sicilia fa come la Toscana   spacer Coletto e Bevere (Agenas): “Strumento di valutazione sempre più trasparente e capace di comunicare al cittadino”  
Lavoro, famiglia e benefici: ecco 
Un quadro preciso di chi, nel 2015, ha potuto contare su assegni di sostegno familiare o di giorni lontano dal lavoro per assistere una persona cara o per festeggiare una nascita. Si tratta di benefici economici che vengono concessi a diverse categorie lavorative. Ma ogni settore ha le sue peculiarità . Ecco la statistica dell’Inps. IL REPORT Leggi...

&ldquo
Il Servizio Sanitario Pubblico, in Italia, non è più la prima opzione. Non può esserlo perché i tempi di attesa sono lunghissimi, i farmaci sono troppo costosi, il prezzo del ticket continua ad aumentare, mentre il numero delle persone che hanno diritto ad esenzione diminuisce. Questi sono solo alcuni dei dati più preoccupanti emersi dalla 19° edizione del Rapporto Pit Salute, che ha messo sotto la lente d’ingrandimento tutto il 2015. VIDEO di Isabella Faggiano Leggi...

spacer Aceti: “Tra barriere architettoniche, vetustità e scarsa sicurezza strutture il Ssn destinato all’obsolescenza”. VIDEO   spacer M5s: “Ecco le ‘vittorie’ del Governo: il privato che supera il pubblico”   spacer Gelli (Pd): "Dobbiamo ripensare al nostro Ssn. Pensare ad una nuova legge quadro". VIDEO   spacer Scassola (Fnomceo): "Rilancio Ssn passa da valorizzazione professioni". VIDEO   spacer La tavola rotonda del Pit-Salute. Il Ssn? Se non funziona va modificato. Serve una nuova legge che ascolti la voce dei pazienti  
Medici
Molti i Paesi della Ue dove il fenomeno dell’invecchiamento della forza lavoro si fa sentire. Tra il 2009 e il 2014 la quota di medici over 55 è cresciuta del 13%. All’Italia il gradino più alto del podio con il 52% dei dottori sopra i cinquantacinque anni.  “Rapido invecchiamento da quando la generazione del baby-boom ha cominciato a raggiungere l'età pensionabile”. IL REPORT Leggi...

Spesa del Ssn inferiore del 36% rispetto a quella dell&rsquo
La Sanità tra equilibri istituzionali e sociali questo il titolo dell'XIIª edizione del rapporto curato dal team di economisti di Tor Vergata. Il focus di quest’anno si concentra sull’equità in tempi magri di risorse. E la strada degli esperti è chiara: “Va governata la transizione del SSN, da attore unico capace di fornire una risposta globale, ad attore compartecipe e integrato di un sistema complesso composto da offerte diversificate”. SCHEDE DI SINTESI - EXECUTIVE SUMMARY Leggi...

spacer “Referendum a parte serve una diversa vision del ruolo del Ssn”   spacer Coletto (Veneto): “Tor Vergata ha indicato chiaramente la via futura: serve sempre più federalismo in sanità”  
 
 
 
 
segui quotidianosanita.it
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy