QS EDIZIONI
Sabato 21 OTTOBRE 2017
Dal pesce spagnolo ai peperoni turchi: ecco i 13 alimenti più
Ma ci sono anche i pollami olandesi e polacchi, le arachidi americane e i peperoncini indiani. La black list l'ha presentata la Coldiretti a Cernobbio ed è stata redatta sulla base delle rilevazioni dell’ultimo rapporto del sistema di allerta rapido europeo sugli allarmi per rischi alimentari causati da residui chimici, micotossine, metalli pesanti, inquinanti microbiologici, diossine o additivi e coloranti. Confermata la posizione di vertici in termini di qualità e sicurezza dei cibi made in Italy. Leggi...

Allarme dei pediatri: &ldquo
I casi di cyberbullismo e di dipendenza dalla tecnologia tra bambini e adolescenti sono in aumento. Il 30% dei piccoli con meno di due anni ha già avuto un primo contatto con un smartphone. Nove anni è l'età del primo profilo social. I casi di adescamento online sono triplicati in 3 anni. Ma, oltre alle insidie, la rete nasconde anche storie a lieto fine come quella “del bambino autistico che ha scoperto il mondo”. Di questo e di tutti i dati del fenomeno si parla oggi a Milano al sesto Convegno nazionale SiMPeF, il Sindacato medici pediatri di famiglia. Leggi...

Inquinamento killer: oltre 9 milioni di morti premature nel 2015, 15 volte di più
Almeno 12,6 milioni di persone muoiono ogni anno a causa di cause ambientali evitabili: l'analisi Oms mostra che il 23% delle morti globali (e il 26% dei decessi tra i bambini al di sotto dei cinque anni) sono dovuti a fattori ambientali modificabili. I fattori principali di rischio ambientale dovuto all'influenza dell'inquinamento atmosferico sulle malattie non trasmissibili incidono sulle spese sanitarie e consumano circa il 10% del prodotto interno lordo globale. IL DOCUMENTO DELL'OMS. Leggi...

Bimbi meno intelligenti dopo l&rsquo
Lo studio presentato oggi al simposio dei pediatri della Simpe. Secondo i ricercatori, per limitare le possibili ripercussioni negative di un servizio necessario alle famiglie con genitori che lavorano occorrerebbe, in particolare, aumentare il numero di educatrici ed educatori nei nidi: nella primissima infanzia, al di sotto dei due anni, per una stimolazione cognitiva adeguata serve infatti un frequente rapporto “uno a uno” con un adulto. Leggi...

Il fallimento del federalismo sanitario
Al Sud le regioni con maggiori problematicità, ma ormai anche Regioni del Nord faticano più del passato a mantenere i livelli di performance  nell’erogazione dei servizi. Aceti: "È evidente che così le cose non possono più andare avanti. Se da una parte si potrebbe pensare ad una eventuale nuova riforma Costituzionale che parta dal basso, dall’altra è doveroso capire subito se e cosa si può mettere in campo oggi, a normativa vigente, per intervenire su situazioni di iniquità che esistono nel Ssn. In altre parole serve subito un programma di azione”. Leggi...

Ogni giorno muoiono 15mila bambini sotto i 5 anni
IGME (Inter-agency Group for Child Mortality Estimation) spiega nel rapporto "Levels and Trends in Child Mortality 2017" pubblicato oggi che anche se il numero di bambini che muoiono prima di avere compiuto 5 anni non è mai stato così basso nella storia (nel 2016 è stato pari a 5,6 milioni, rispetto ai circa 9,9 milioni del 2000), è preoccupante riscontrare come la mortalità si concentri sempre più nella fascia neonatale: la percentuale dei decessi che avvengono nei primi 28 giorni di vita, da 2000 a oggi, è salita dal 41 al 46%. Secondo il rapporto, se non si interverrà adeguatamente, fra il 2017 e il 2030, 60 milioni di bambini moriranno prima di compiere il quinto compleanno, e metà di essi in età neonatale. IL RAPPORTO.  Leggi...

Sdo 2016
Se i cesarei sono pressoché stabili da un anno all’altro (ma non hanno subito riduzioni evidenti negli ultimi 10 anni (sono il 34,9% nel 2016, erano il 35,4% nel 2015, il 38,2% nel 2010 e il 38,4% nel 2007), le Regioni come sempre, a macchia di leopardo, vanno in altalena e c’è chi scende (poco) e chi sale (otto Regioni) negli interventi chirurgici per un parto. Leggi...

spacer I ginecologi Aogoi: “In Campania, tra le primipare il ricorco è sceso di oltre il 25% nel 2017”  
Malattie non trasmissibili (cardiache, polmonari, tumori, diabete)
Approvata la Montevideo Roadmap 2018-2030 come priorità dello sviluppo sostenibile all'apertura della conferenza globale di tre giorni sulle malattie non trasmissibili di Montevideo. Sul totale dei decessi, 15 milioni si verificano prematuramente tra le persone di età compresa tra i 30 ei 70 anni e 7 milioni nei paesi a basso e medio reddito. LA ROADMAP DI MONTEVIDEO. Leggi...

La cronicità
Abbiamo voluto analizzare il fenomeno studiando i flussi di pazienti negli ultimi 10 anni presso l’Ospedale San Camillo Forlanini di Roma: DEA di secondo livello, dove vengono portatati sia tutti i malati del territorio limitrofo che tutti i casi ritenuti più complicati da un vasto territorio regionale o malati che necessitano di prestazioni super specialistiche non presenti in altri ospedali. di Francesco Medici (Anaao) Leggi...

Ocse
Prevenire l'invecchiamento in modo uniforme” è il volume appena edito dall’Ocse. Le economie emergenti stanno invecchiando più velocemente. Allo stesso tempo, le disuguaglianze sono aumentate da una generazione all'altra e le persone iniziano la loro vita lavorativa a un’età molto più alta di quella degli anziani di oggi. Servono maggiore redistribuzione economica, diversi meccanismi di pensionamento, investimenti sulla vecchiaia attiva e sulla salute, soprattutto per la prevenzione e le Long term care. IL VOLUME OCSE.  LA SCHEDA SULL'ITALIA. Leggi...

Sdo 2016: in un anno quasi 239mila ricoveri in meno (-2,7%)
Rispetto al 2015 il numero complessivo di dimissioni per acuti, riabilitazione e lungodegenza mostra una diminuzione di circa il 2,7%, mentre il corrispondente volume complessivo di giornate si riduce di circa il 2,1%. Migliora l'appropriatezza. La remunerazione teorica passa da 30,9 miliardi nel 2010 a 28,6 miliardi nel 2016. IL RAPPORTO SDO 2016 Leggi...

spacer Saccardi (Toscana): “Ci confermiamo il sistema ospedaliero più efficiente”  
Donne e uomini in Europa: tutte le differenze su salute, lavoro, casa, istruzione
Gli uomini “si sentono” meglio delle donne, ma le donne vivono più a lungo degli uomini. Un terzo dei manager nell'Ue sono donne, ma in campo lavorativo, gli uomini occupano generalmente posizioni più elevate delle donne. E le donne guadagnano in media il 16 % in meno degli uomini. La nuova pubblicazione digitale scaturita da una collaborazione (per l’Italia) Istat-Eurostat “La vita delle donne e degli uomini in Europa - un ritratto statistico”  confronta le donne e gli uomini nella loro vita quotidiana. LA PUBBLICAZIONE INTERATTIVA. Leggi...

I &lsquo
Se lo spreco in sanità è indubbio, esso tuttavia necessita di un’attenta analisi perché si possa prevenire e limitare adeguatamente. Parlare di sprechi senza fornire cifre attendibili è politicamente pericoloso perché rischia di spalancare le porte a chi vuole definanziare il SSN. In particolare invocare ulteriori efficientamenti sulla base di confronti con sistemi sanitari completamente differenti è metodologicamente non corretto di D.Montemurro, C.Rivetti, A.Rossi, D.Giannandrea e S.Agostini Leggi...

Economia sommersa anche in sanità
Sommerso e attività illegali secondo l'ultima analisi Istat valgono circa 208 miliardi nel 2015. La sanità fa gruppo con istruzione e assistenza sociale, ma una stima possibile di Quotidiano Sanità calcola che il valore tra lavoro irregolare e somme non dichiarate nel solo settore sanitario possa raggiungere i 4 miliardi. LO STUDIO ISTAT. Leggi...

Corruzione in sanità
In sanità  il 9,7% delle famiglie (5,5% negli ultimi 3 anni) ha ricevuto la richiesta di fare, per un suo componente, una visita a pagamento nello studio privato del medico prima di accedere al servizio pubblico per essere curati. In sanità la richiesta di denaro o altri beni è avvenuta da parte di un primario di medicina nel 20,2%, da un infermiere nel 10,9% o da altro personale sanitario nel 19,6% dei casi, mentre per un altro 11,1% si è trattato di figure professionali non sanitarie. L'INDAGINE ISTAT SULLA CORRUZIONE. Leggi...

Cecità
In tutto il mondo, le malattie croniche dell'occhio sono la causa principale della perdita della vista. Gli errori di rifrazione non corretti e poi la cataratta non operata sono le prime due cause di compromissione della vista. La cataratta non operata però rimane la causa principale della cecità nei paesi a basso e reddito. La prevalenza di malattie infettive oculari, come il trachoma e l'oncocerciasi, si è ridotta significativamente negli ultimi 25 anni. Oltre l'80% di tutti i disturbi della vista può essere impedito o curato. SALUTE DELL'OCCHIO UNIVERSALE: UN PIANO D'AZIONE GLOBALE 2014-2019 Leggi...

Polizze sanitarie integrative: 4 italiani su 10 sarebbero pronti a stipularle
È il risultato di una ricerca presentata oggi a Milano, che evidenzia tra le principali esigenze la copertura delle spese sostenute in strutture private e l’estensione della copertura anche agli altri componenti del nucleo familiare. Il Ssn giudicato discreto. La debolezza principale individuata nelle liste d’attesa. L'INDAGINE di Michela Perrone Leggi...

spacer Vecchietti (Rbm): "Due linee di polizze assicurative che puntano a prevenzione e inclusione". VIDEO   spacer Le assicurazioni puntano sulla prevenzione   spacer Falez (Roma American Hospital): "Importante gestire spesa sanitaria privata in modo collettivo". VIDEO   spacer Messina (Merck): "Una polizza assicurativa per preservare fertilità potrebbe essere proposta valida". VIDEO  
Giornata della salute mentale
La maggior parte di specialisti è in Germania (18.200 psichiatri, pari al 21% del totale dell'Ue), Francia (15.200 psichiatri, 17%), Regno Unito (11-800 psichiatri, 14%) e Italia (10.800 psichiatri, 12%). Per milione di abitanti invece sono in testa Finlandia (236 psichiatri per milione di abitanti), Svezia (232) Paesi Bassi (230), Francia (228). In Italia ci sono invece 178 psichiatri ogni milione di abitanti. Leggi...

Sicurezza alimentare: ogni anno 600 milioni di persone si ammalano e 420mila muoiono per il cibo contaminato
I bambini al di sotto dei 5 anni di età subiscono il 40% dei danni da malattia alimentare, con 125.000 decessi ogni anno. L’Oms dedica (ottobre 2017) una scheda alla sicurezza alimentare, rispetto alla quale si propone di agevolare la prevenzione, l'individuazione e la risposta globale alle minacce per la salute pubblica associate a prodotti non sicuri. ONERI MALATTIE ALIMENTARIINIZIATIVE PER LA SICUREZZA DEL CIBORESISTENZA ANTIMICROBICA NELLA CATENA ALIMENTARECINQUE CHIAVI OMS PER FRUTTA E VERDURE PIÙ SICURE Leggi...

Salute mentale sul posto di lavoro: ansia e depressione sono i disturbi principali
I problemi sanitari legati al lavoro determinano una perdita economica del 4-6% del Pil per la maggior parte dei paesi. I servizi sanitari di base per prevenire i problemi sul lavoro costano in media tra i 18 e i 60 dollari (parità di potere d'acquisto) per lavoratore. I disturbi della depressione e dell'ansia sono comuni disturbi mentali che hanno un impatto sulla nostra capacità di lavorare e di farlo in modo produttivo. PIANO GLOBALE D'AZIONE OMS SULLA SALUTE DEI LAVORATORI;  PIANO D'AZIONE PER LA SALUTE MENTALE. Leggi...

Corruzione in sanità
Così il presidente dell'Anac ieri a Napoli intervenendo alla presentazione di una ricerca promossa dal Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli Studi di Napoli Federico II e dalla Funzione Pubblica Cgil Campania sulla sanità e le diseguaglianze sociali. “La corruzione percepita – ha detto Cantpone - non ha nulla a che vedere con quella reale: quando chiediamo al cittadino se la sanità è corrotta oppure no, la sua risposta ha un tasso scientificità prossimo allo zero. E se ci fermassimo ai dati giudiziari il tasso potrebbe sembrare fisiologico” di Ettore Mautone Leggi...

Assistenza psichiatrica a macchia di leopardo: dagli 11 &ldquo
La Società italiana di epidemiologia psichiatrica sistematizza i dati del ministero della Salute e tira le somme analizzando tutti i servizi di assistenza psichiatrica Regione per Regione e segnalando per ciascuna i punti forza e debolezza. Si va così da nessun punto di forza in Piemonte agli 11 del Friuli Venezia Giula che tuttavia presenta criticità sui servizi territoriali, nella presa in carico dei casi e in quelli di schizofrenia in particolare. L'ANALISI DELLA SIEP. Leggi...

Sanità
Una Riforma della Sanità Integrativa può schiudere importanti prospettive per il mantenimento della sostenibilità e della qualità delle cure per tutti i cittadini italiani. Bisognerebbe riorientare la Sanità Integrativa a partire dai bisogni effettivi dei cittadini, collegando il campo di azione delle Forme Sanitarie Integrative all’intero perimetro della spesa sanitaria privata di tasca propria e non solo alla cosiddette prestazioni integrative di Marco Vecchietti Leggi...

Anziani: le nuove linee guida Oms
"Entro il 2050, 1 su 5 persone al mondo sarà oltre i 60 anni", ricorda Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms. "Il nostro obiettivo è garantire che tutti possano ottenere i servizi sanitari necessari, ovunque vivano".  In un sondaggio su 11 paesi ad alto reddito, fino al 41% degli adulti più anziani (età ≥65 anni) ha riferito problemi di coordinamento della cura negli ultimi due anni. Le nuove linee guida dell'Oms sulla cura integrata per le persone anziane suggeriscono che i servizi basati sulla comunità possono aiutare a prevenire, rallentare o invertire i declini delle capacità fisiche e mentali tra le persone anziane. LE LINEE GUIDA PER LA CURA AGLI ANZIANI. Leggi...

In Europa più
Eurostat ha pubblicato la situazione degli over 80 e della loro aspettativa di vita nell'Ue: Italia prima per numero di anziani, quarta per aspettativa di vita a quell'età. Gli Stati "più giovani" sono Irlanda, Slovacchia e Cipro. L'aspettativa di vita minore a 80 anni è in Bulgaria. Leggi...

Hiv in carcere
“Free to live well with HIV in Prison” è stato condotto da SIMSPe, NPS Italia Onlus, Università Ca’ Foscari Venezia con la collaborazione dei ministeri della e della Giustizia. Tra le cause di contagio, la sottostima dei rischi legati alle risse e allo scambio di spazzolini e rasoi. Emersa l’importanza dell’educazione e la disponibilità dei detenuti a diventare “educatori” nei confronti degli altri. Leggi...

Eurostat
Statistiche Eurostat sui decessi per patologie cardiocircolatorie in occasione della giornata modniale del cuore (29 settembre): Le donne (994.600 morti) sono state più colpite degli uomini (838.100). Inoltre, le malattie cardiache fatali sono state responsabili del 40% di tutte le morti della popolazione dell'Ue oltre i 65 anni e per meno di un quarto (22%) per la popolazione più giovane (di età inferiore ai 65 anni). Leggi...

La resistenza dell&rsquo
A Trump ieri il ciuffo è andato clamorosamente giù quando i suoi Senatori del GOP gli hanno bocciato per l’ennesima volta, e definitivamente, la tanto strombazzata in campagna elettorale cancellazione dell’Obamacare. I repubblicani che si sono opposti hanno scelto di fare gli interessi dei propri elettori, come rappresentanti per i propri rappresentati, rispondendo direttamente ad essi, pur se ciò ha significato mettersi contro il proprio Capo. di Fabrizio Gianfrate Leggi...

Anziani: la salute peggiora molto tra i 65 e gli 80 anni
I vari indicatori confermano il notevole peggioramento dello stato di salute della popolazione anziana in Italia nel passaggio dai 65 agli 80 anni, con prevalenze che raddoppiano nel caso della presenza di patologie croniche e quintuplicano per le gravi limitazioni motorie. Tra le donne anziane si osservano maggiori prevalenze di multicronicità (55,2% contro 42,4% degli uomini) e limitazioni motorie (28,7% contro 15,7%) e sensoriali (17,0% contro 12,7%). REPORTDATI ITALIANICONFRONTO CON L'UE Leggi...

spacer Invecchiamento. Alleva (Istat): "Rivoluzione grigia pone sfide globali dal punto di vista economico, sociale e culturale"   spacer Alleva (Presidente Istat): "58,3 anni è la speranza di vita media in buona salute in Italia". VIDEO   spacer D'Ubaldo (Federsanità): "Welfare? Italia ora isola felice, ma sostenibilità a rischio". VIDEO  
Governo e Parlamento
 
 
 
 
segui quotidianosanita.it
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy