Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 07 FEBBRAIO 2023
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Rezza: “Su AstraZeneca non generare un allarme ingiustificato”


12 MAR - "Non bisogna generare un allarme ingiustificato perché per ora non è stato dimostrato alcun nesso di causalità". Così il direttore della Prevenzione del Ministero della Salute Gianni Rezza oggi in conferenza stampa in riferimento al lotto di vaccini AstraZeneca bloccato dopo tre decessi sospetti.
 
"È importante - ha detto - una vigile attesa. Non è detto che non ci saranno casi ma non è detto che siano legati a vaccini. Secondo Ema i rischi sono trascurabili mentre i benefici sono molto alti. Quello che dobbiamo chiedere ad AstraZeneca è la massima trasparenza e che dia il suo supporto perché è anche il suo interesse escludere un nesso di causalità tra vaccino ed eventi avversi. La collaborazione è assolutamente doverosa".
 
Il lotto di vaccino AstraZeneca«che è stato bloccato da Aifa a scopo precauzionale, ha spiegato poi Rezza, "conteneva 560mila dosi, di cui 250mila destinate all'Italia e le rimanenti credo a 7 Paesi europei".
 
Quanto al quadro epidemiologico: "Abbiamo avuto un cambiamento qualitativo nell'epidemia. Perché, evidentemente, la circolazione di varianti a più elevata trasmissibilità determina un'accelerazione della velocità di circolazione del virus. E quindi questo deve corrispondere, per forza, all'implementazione di interventi rapidi tempestivi ed efficaci", ha aggiunto Rezza.
 
"L'Rt medio è in aumento rispetto alla settimana precedente e sopra la soglia epidemica - ha spiegato il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro -. Così come sale l'incidenza e crescono i tassi di occupazione in terapia intensiva e in area medica. Per questo, occorre intervenire in modo deciso per riportare il più velocemente possibile tutti i parametri sotto controllo, ovviamente anche anticipando ulteriori interventi laddove necessario. Questo diventa ancora più importante perché ci troviamo in un quadro epidemiologico caratterizzato dalla presenza di varianti: quella inglese che ormai circola in maniera maggioritaria nel Paese, ma anche quella sudafricana e brasiliana e altre che potrebbero insorgere e vengono segnalate da livello Ue e nazionale".
 


12 marzo 2021
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy