Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 21 AGOSTO 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Aids. La situazione in Usa e in Europa. Contagi invariati da dieci anni

21 NOV - Se i paesi a medio o basso reddito, i più colpiti da Hiv e Aids, stanno facendo passi in avanti quasi incredibili nella prevenzione e nella cura, la situazione in Europa e Nord America ha visto minori stravolgimenti, sia in positivo che in negativo. Il numero di morti rimane stabile o al massimo diminuisce lentamente, mentre quello dei nuovi contagi è sostanzialmente invariato da dieci anni a questa parte.
 

Stando ai dati aggiornati al 2011, in Europa Centrale e Occidentale sono circa 900 mila le persone sieropositive, circa 260 mila in più che nel 2001. Qualcosa di simile è successo negli Stati Uniti e in Canada dove le persone che convivono con l’Hiv erano un decennio fa 1,1 milioni, mentre oggi sono 1,4 milioni.
In entrambi i continenti il numero di nuovi contagi nel 2011 era simile a quello del 2001, solo leggermente aumentato: negli Stati Uniti e in Canada si è passati da 50 a 51 mila, in Europa Centrale e Occidentale da 29 a 30 mila. I decessi invece sono diminiti rispettivamente da 21 mila a 20 mila e da 7800 a 7000.
 
In entrambi i continenti la categoria più colpita rimangono ancora gli uomini che hanno rapporti con altri uomini, a prescindere dalla loro identità di genere. Tra loro la prevalenza sale incredibilmente rispetto alla media nazionale: in Francia, Olanda e Canada è pari al 15% in questa categoria, contro lo 0,5% in tutta la popolazione; in Germania, Fracia, Belgio, Svizzera, Spagna e Portogallo pari al 10% contro lo 0,6% di media nazionale.

In Europa, in particolare, si stima che meno di un uomo su tre che ha rapporti con altri uomini ha fatto il test nell’ultimo anno. In particolare, tra le nazioni che hanno fornito questo dato, negli Stati Uniti, in Olanda e in Portogallo in questa categoria la copertura per il test dell’Hiv è tra il 50% e il 74%, mentre in Canada e nella maggior parte dei paesi dell’Europa Occidentale la percentuale crolla tra il 25% e il 49%.
Infine, negli Stati Uniti, in Olanda, in Svezia e in Svizzera ad usare il preservativo regolarmente sono meno del 50% di uomini che hanno rapporti con altri uomini, mentre in Canada, Belgio, Francia, Germania, Portogallo, Spagna e Gran Bretagna la quota sale (tra il 50% e il 74%).

21 novembre 2012
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy