Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 08 APRILE 2020
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

I risultati dell'indagine. L'82% degli intervistati ritiene la sanità integrativa il benefit più ambito

18 MAR - Fino a qualche anno fa in sede di contrattazione il lavoratore dipendente di un’azienda si aspettava pensioni complementari, asili nido, adesso invece il benefit più richiesto e apprezzato, è il fondo sanitario integrativo, estendibile a tutti i membri della famiglia. Lo rileva l’indagine G&G per conto di Fasi.
Su un campione di 2460 intervistati tra dirigenti aziendali, dirigenti in pensione e lavoratori non dirigenti, il 74% è convinto che le risorse disponibili per la sanità pubblica, nei prossimi 5 anni, diminuiranno notevolmente: il 56% è sicuro che la qualità delle cure peggiorerà e il 33% prevede che il Ssn non potrà garantire lo stesso livello di cura di oggi.
 
E’ proprio sulla base di queste considerazioni che l’82% degli intervistati è convinto che la sanità integrativa, più che la previdenza integrativa e più delle assicurazioni su rischi, infortuni e vita, è il benefit più desiderato dai lavoratori. Il 79% degli intervistati sostiene inoltre che la sanità integrativa contribuisce a migliorare la produttività, il 75% è convinto che contribuisce a migliorare la qualitFà del prodotto e il 69% afferma che concorre a migliorare i risultati economici e finanziari dell’azienda.

 
Una visione così negativa del futuro della sanità pubblica “è motivata, nella maggior parte dei casi – osserva l’indagine - sia a fattori connessi all’inefficienza attuale del Ssn sia a fenomeni esterni quali, ad esempio, l’invecchiamento della popolazione e la progressiva diminuzione delle risorse destinate al finanziamento della sanità”. Si rinforza quidi l’importanza di una copertura sanitaria integratia che, però, “incide poco sulla propensione alla copertura sanitaria e su i comportamenti nel campo delle diagnosi e della cura bdi eventuali patologie. Eppure, dal punto di vista degli operatori sanitari, è indubbio il sostegno che i Fondi sanitari potrebbero fornire alla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale”.
Oggi la Sanità integrativa è presente in circa il 15% delle aziende manifatturire italiane con picchi che superano il 25% in alcune aree del Nord. La spesa sanitaria privata è pari a 30 miliardi di euro l’anno di cui l’87% è direttamente a carico dei cittadini e solo il 13% è assorbito da Fondi, Casse e Assicurazioni.
 
Il sistema Fasi assiste più di 310 mila persone. Nel corso del 2011 ha erogato più di 575 mila prestazioni, investendo risorse per oltre 270 milioni di euro. Il Fasi è basato su principi di mutualità e solidarietà: prevede l’estensione dell’assistenza sanitaria al nucleo familiare e ai dirigenti in pensione, in assenza di qualsiasi selezione del rischio.
 

18 marzo 2013
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy