Quotidiano on line
di informazione sanitaria
26 GIUGNO 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Ricerca biomedica di base. Il ruolo delle università e degli enti pubblici


20 APR - Negli ultimi anni il mondo delle aziende farmaceutiche ha messo in atto un processo di concentrazione che ha portato allo sviluppo di poche realtà molto grandi che si affiancano ad una ventina di più piccole dimensioni. Un processo ha influenzato anche le strategie di ricerca, comportando un tasso maggiore di esternalizzazione della ricerca di base, “spesso troppo dispendiosa per le grandi multinazionali”, spiega il Rapporto del Censis-Forum per la ricerca Biomedica. Sono dunque nate molte realtà spin off, sufficientemente piccole e flessibili per potersi concentrare su singoli progetti di ricerca, mentre la tradizionale azienda farmaceutica tende a preferire seguire “a distanza” queste attività di ricerca, eventualmente contribuendovi con specifici finanziamenti, ed inserendosi nel processo di sviluppo del farmaco (anche acquistando lo spin off stesso) in un secondo momento, se il progetto ha successo.

“La ricerca di base – spiega il Rapporto - sembra sempre più basarsi sul lavoro delle strutture universitarie e di ricerca, o su realtà economiche da queste scaturite, per cui diventa fondamentale l’equilibrio tra investimenti pubblici e privati. Da questo punto di vista, la differenza tra realtà come quella statunitense, tuttora il più grande mercato farmaceutico, e realtà come l’Italia è significativamente marcata”. Negli Stati Uniti, così come in altri paesi dove si pone maggiore attenzione all’importanza strategica della ricerca farmacologica sia dal punto di vista industriale sia sotto l’ottica del miglioramento della salute pubblica, l’investimento pubblico nella ricerca di base è elevato, e a questo si aggiunge quello delle charities. “Ciò – spiega il Rapporto - permette di sviluppare ‘prodotti intermedi’, ad esempio nuove molecole cui il mercato farmaceutico fa riferimento per lo sviluppo di nuovi farmaci”.

Anche in Italia, comunque, specie negli ultimi 10 anni, si è sviluppato il fenomeno degli Spin-off di universitari e di enti pubblici di ricerca. Secondo i dati citati dal Censis-Forum per la ricerca biomedica, al 31 dicembre 2013 gli spin off della ricerca pubblica erano 1.102, di cui l’87,4% costituito nell’ultimo decennio. In relazione ai settori di attività, quello biomedicale rappresenta l’8,0% degli spin-off, pari a 88 imprese, mentre quello delle scienze della vita consta di 174 spin-off (15,8%).

Nodale nel contesto italiano è inoltre il ruolo del Consiglio nazionale delle Ricerche (Cnr), il più grande Ente pubblico di ricerca del nostro paese. Lavorano al Cnr più di 11.000 addetti, di cui il 60% composto da ricercatori e tecnologici e l’ente si compone di una rete di 107 istituti di ricerca, organizzati in 7 dipartimenti tematici. Tra questi il Dipartimento Scienze biomediche (Dsb).
A fine 2013, si registravano 59 società spin off, la cui nascita è stata favorita dal Cnr, di cui 6 a partecipazione diretta di tale Ente. “Alcune di questi spin off – spiega il Rapporto - hanno goduto di finanziamenti pubblici, del Miur o di fondi regionali, e/o hanno usufruito di premi nazionali o internazionali per le migliori idee di start up. In altri casi, si è avuto il sostegno di partner industriali o di investitori specializzati nell’early stage financing. Per le iniziative più recenti, si sono aggiunti anche gli strumenti istituti dalle banche per la promozione ed il sostegno di nuove realtà imprenditoriali”.

20 aprile 2015
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy