Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 02 DICEMBRE 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Passiamo dalla percezione ai fatti. Si sanzionino Asl inadempienti sui piani anticorruzione

di Grazia Labate

06 APR - L’evento di oggi è stato un ulteriore  occhio spalancato sulla realtà corruttiva e degli sprechi in sanità, per tutti coloro che lavorano nel settore della sanità, in cui la posta in gioco è alta e le risorse preziose.
Certo il dott. Cantone ci invita sempre alla prudenza sulle stime e le cifre, ma non ha potuto fare a meno di affermare che: “La sanità è un terreno di scorribande da parte di delinquenti di ogni tipo, è un mondo su cui ci sono i maggiori Interessi economici anche in tempi di crisi".
 
La corruzione affama preziose risorse a disposizione del sistema sanitario, in silenzio riduce l'efficacia dei servizi e delle attività sanitarie, paralizza la fiducia civica nelle istituzioni sanitarie. 
In effetti, la corruzione corrode gli sforzi per combattere la malattia e migliorare lo stato di salute della popolazione, e rende vulnerabile il  paziente consumatore.
 
La maggior parte delle persone non riesce a capire che cosa si sta facendo per loro o a valutare se l'assistenza che hanno ricevuto è stata giustificata e di qualità.
In mezzo a tale "asimmetria informativa", sia la "tensione" del sistema, che la "domanda" offrono opportunità lucrative di abuso e di guadagno illecito.
 
La corruzione è un problema mondiale, diffusa nei paesi ad alto e basso reddito. La natura e l'impatto delle pratiche di corruzione nel settore della sanità sono altrettanto diffuse.  furto di forniture mediche; corruzione nella fornitura di servizi medici; frode e appropriazione indebita di farmaci, dispositivi medici;  relazioni di marketing improprie; procedure regolamentari deboli; procedure di appalto opache e impropriamente progettate; deviazione delle forniture nel sistema di distribuzione per i guadagni privati. Le relazioni, le responsabilità e meccanismi di pagamento variano da sistema a sistema, paese a paese, e non esiste una soluzione "one-size-fits-all".
 
Quindi, quali sono gli effetti delle strategie anti-corruzione? Quali attori devono essere coinvolti nel processo? Quali condizioni hanno più probabilità di raggiungere successi, e come possiamo incoraggiare e sostenere i risultati positivi?
Un tema di primo piano sono i dati e la tecnologia nella promozione della trasparenza, la responsabilità e la collaborazione dei cittadini. Anche se non è affatto una panacea o la sostituzione di un cambiamento strutturale, le tecnologie e le reti sociali online possono giocare un ruolo importante nella lotta contro la corruzione - e di sorveglianza - offrendo in tempo reale user-generated feedback .
 
In questo modo non solo si può  garantire che la società civile e i cittadini abbiano accesso alle informazioni critiche, ma anche responsabilizzarli nei confronti della governance e dei fornitori di servizi sanitari.
 
La lotta contro la corruzione è essenziale per raggiungere migliori risultati di salute a livello nazionale. L’indagine va bene, ma passiamo dalle percezioni a chiamare alla responsabilità tutte le Asl e le Ao che non hanno dato corso ai piani previsti dalla legge anticorruzione, 190/2012, perché non è possibile che di 230 aziende sanitarie, il 40% si sono limitate a un adempimento formale dell’obbligo di legge, non inserendo all’interno del Piano, né l’analisi dei rischi di corruzione, né le misure di prevenzione, mentre il 33% ha svolto un’analisi parziale e solo 1 struttura sanitaria su 4 ha risposto in pieno al dettato normativo.
Incominciamo ad applicare il principio di responsabilità ed un sistema di premi e punizioni, decurtiamo il premio di risultato a tutti quei dirigenti che non hanno ancora applicato la legge.
 
Il silenzio uccide, e  la corruzione, è un virus mortale tanto quanto l’inazione.
 
Grazia Labate
Ricercatore in economia sanitaria


06 aprile 2016
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy