Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 04 OTTOBRE 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Lorenzin: “Italia meglio di Gran Bretagna e Svezia. Ma occorre fare di più”


24 MAG - “I dati Eurostat sulle mortalità evitabile si riferiscono al 2013 e per quanto ci riguarda, come dice il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, prof. Walter Ricciardi, indicano che il nostro Paese ha performance migliori della media europea. E’ chiaro che questo risultato va migliorato”. È quanto dichiara il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin in una nota a commento dei dati Eurostat sulle morti evitabili.
 
“Negli ultimi tre anni – ha detto il Ministro abbiamo incentivato investimenti in prevenzione, che devono continuare a crescere. L’approvazione dei nuovi Lea, un grande lavoro che abbiamo ultimato e che adeguano i livelli essenziali di assistenza fermi dal 2001, fornirà uno strumento fondamentale per la riduzione della mortalità evitabile. E nel frattempo abbiamo lavorato sull’appropriatezza organizzativa e professionale, che mette al centro strategie diagnostiche che devono trovare attuazione in tutte le Regioni italiane, anche in quelle che oggi fanno fatica ad adeguarsi ai moderni standard organizzativi. Noi abbiamo un tema aperto, ed è quella della diseguaglianza tra le sanità regionali. I nostri sforzi tendono a migliorare ancora la qualità in quelle regioni che hanno secondo tutte le statistiche rappresentano eccellenze di livello europeo e alzare il livello delle regioni che sono rimaste indietro”.
 
“I risultati del nostro lavoro si vedranno nel tempo ha precisato - . Oggi, per quanto riguarda le mortalità evitabile, le statistiche ci pongono a livello della Germania e in posizioni migliori di sistemi evoluti come la Gran Bretagna o la Svezia, ma l’Italia, con il suo sistema universalistico riconosciuto tra i migliori del mondo, deve puntare a essere primo anche in questa statistica. Come giustamente sottolineato dalla direzione della prevenzione del Ministero, quello che però conta di più nella verifica della mortalità sono i tassi pesati per classi di età, essendo, come detto, l’Italia un Paese molto più anziano di altri, anche in ambito europeo. Infatti, vediamo come il pur buon posizionamento dell’Italia, considerando i valori assoluti della mortalità evitabile, diviene molto più chiaro, con una diminuzione di tasso di mortalità standardizzato tra il 2012 e il 2013 dall’89.6 per 100mila a all’85 per 100mila, trovandosi il nostro Paese al secondo posto in Europa appena dopo la Spagna e molto prima di tutti gli altri Stati Membri. Se si considera la statistica più estesa della mortalità prevenibile (che comprende anche quella evitabile) il nostro Paese è di gran lunga il migliore in Europa, con un tasso che da 150,7 per 100mila è passato a 143,5 per 100mila, molto migliore ad esempio del 199,2 della Germania, 174,5 dell’Olanda e della Francia, al 205,9 dell’Austria, al 195,4 della Gran Bretagna”.
 
“L’unico dato negativo  -ha sottolineato Lorenzin - su cui è indispensabile riflettere è l’aumento della mortalità evitabile da patologie infettive, peraltro condiviso a livello europeo. Questo dato riscontra la caduta delle coperture vaccinali (soprattutto nell’adulto e nell’anziano) e la diffusione dell’antimicrobico-resistenza, con conseguente diffusione di patologie settiche soprattutto in ambito ospedaliero, che colpiscono soggetti anziani e defedati, per cui la terapia antibiotica si rivela inutile”. 

24 maggio 2016
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy