Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 28 MAGGIO 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Aids, tubercolosi e malaria: ancora troppe disuguaglianze nella prevenzione e nelle cure. Il nuovo rapporto Oms-Global Fund


Per la prima volte evidenziati e quantificati i danni di discriminazioni e accesso alle cure in molti Paesi nel mondo e tra diversi target di popolazione. "Le pandemie prosperano sulle disuguaglianze e aggravano le disuguaglianze: lo abbiamo imparato con l'HIV, la tubercolosi e la malaria e lo abbiamo visto di nuovo con il COVID-19", ha affermato Peter Sands, direttore esecutivo del Fondo globale. IL RAPPORTO.

09 DIC - Un nuovo rapporto dell’Oms presentato oggi conferma e valuta sistematicamente il fatto che le disuguaglianze siano un ostacolo concreto al raggiungimento di obiettivi e traguardi globali e nazionali nei programmi contro l'HIV, la tubercolosi e la malaria.
 
Fino a quando tali disuguaglianze non saranno meglio identificate e le loro conseguenze non saranno meglio comprese, sottolinea l’Oms, sarà difficile per i programmi soddisfare i reali bisogni di salute delle persone.
 
Utilizzando gli ultimi dati globali disponibili per 32 indicatori sanitari su 186 paesi, il rapporto Oms mostra che mentre le medie nazionali degli indicatori di HIV, TB e malaria sono generalmente migliorate nell'ultimo decennio, i sottogruppi più poveri, meno istruiti e rurali tendono a rimanere in una posizione di svantaggio nella maggior parte degli indicatori di HIV, TB e malaria.
 
"Sebbene siano stati fatti grandi passi avanti per espandere i servizi sanitari e gli sforzi di prevenzione, dobbiamo concentrarci maggiormente sul raggiungimento delle popolazioni povere, rurali e meno istruite che sopportano il peso maggiore di queste malattie", ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'OMS.
 
Il rapporto mostra, ad esempio, che i dati disponibili sul test dell'HIV tra gli uomini rivelano un divario di almeno 20 punti percentuali tra le famiglie più povere e quelle più ricche in 27 paesi su 48 e il divario è aumentato nel tempo.
 
Molte famiglie colpite dalla tubercolosi spendono una parte consistente del loro reddito per le spese legate alla malattia, soprattutto se la famiglia è povera. I dati di 21 paesi mostrano che il 20-92% delle famiglie spende almeno un quinto del proprio reddito per i costi legati alla tubercolosi.
 
Per la malaria, i gruppi più poveri, meno istruiti e rurali hanno riportato livelli più bassi di ricerca tempestiva di assistenza per i bambini sotto i 5 anni con la febbre.
 
Nel rapporto vengono quantificate anche elevate disuguaglianze legate al sesso sia per quanto riguarda le misure di prevenzione che il numero dei test.
 
"Le pandemie prosperano sulle disuguaglianze e aggravano le disuguaglianze: lo abbiamo imparato con l'HIV, la tubercolosi e la malaria e lo abbiamo visto di nuovo con il COVID-19", ha affermato Peter Sands, direttore esecutivo del Fondo globale che ha rimarcato che “per affrontare le disuguaglianze, dobbiamo andare oltre le semplici nozioni di parità di accesso o di una taglia unica e creare deliberatamente 'disuguaglianze compensative' nella fornitura di servizi per concentrare le risorse sui più vulnerabili. La nostra nuova Strategia mette il turbo a questo approccio ponendo le persone e le comunità al centro e al centro della lotta contro l'HIV, la tubercolosi e la malaria e ponendo un'attenzione ancora maggiore sulla rimozione delle barriere ai servizi sanitari legate ai diritti umani”.
 
Il rapporto illustra anche l'impatto che si può ottenere con l'eliminazione delle disuguaglianze sul miglioramento delle medie nazionali tra HIV, tubercolosi e malaria. Ad esempio, se i paesi migliorassero il livello di test HIV di tutte le donne in gravidanza a quello del sottogruppo più ricco, il livello complessivo di test aumenterebbe dal 40% al 64%.
 
La percentuale di famiglie che affrontano costi catastrofici a causa della tubercolosi diminuirebbe di almeno il 50% in metà dei paesi (da una media ponderata attuale del 61% a una media potenziale del 38%).
 
Nel caso della malaria, le famiglie che cercano assistenza per i bambini sotto i 5 anni con la febbre, l'eliminazione delle disuguaglianze economiche significherebbe un miglioramento del 26% della media ponderata in 28 paesi.
 
Dal 2002, il Fondo globale ha erogato più di 50 miliardi di dollari in più di 155 paesi per aiutare le comunità più bisognose. Attraverso la sua iniziativa Breaking Down Barriers , negli ultimi anni il Fondo globale ha potenziato i programmi che rimuovono le barriere ai servizi legate ai diritti umani: discriminazione, disuguaglianza di genere e violenza, criminalizzazione ed emarginazione socio economica.

09 dicembre 2021
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il rapporto

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy