Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 30 GIUGNO 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Fascicolo Sanitario Elettronico, una grande opportunità di salute

di Claudia Biffoli

In Italia, se ne parla e ci si lavora già da tempo ma un’occasione alla sua implementazione giunge ora dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza dove 1,38 miliardi sono destinati specificatamente al FSE, per garantirne diffusione, omogeneità e accessibilità su tutto il territorio nazionale da parte degli assistiti e degli operatori sanitari.

16 MAG -

E’ davvero ricco il patrimonio di dati clinici e di servizi che il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) può offrire ai professionisti sanitari e ai cittadini. E le aspettative sono molte: per i primi il fascicolo diverrebbe una fonte unica di informazioni; i cittadini, dal canto loro, potrebbero accedere in qualunque regione si trovino o si spostino, ai propri dati sanitari e socio-sanitari e li potrebbero condividere col proprio medico, ma anche prenotare visite mediche online, consultare referti, ottenere autocertificazioni e molto altro. All’insegna per tutti della semplificazione e dell’uniformità di accesso sul territorio nazionale e al fine di poter disporre di cure migliori e personalizzate. Non solo. Il FSE prevede anche, da parte delle Regioni e del Ministero della salute, un utilizzo secondario dei dati sanitari per la ricerca scientifica e l'innovazione, nonché per la definizione delle politiche sanitarie e di regolamentazione. Si intuisce come le persone con malattia rara e i loro medici e operatori di riferimento possano giovare significativamente del FSE, che conterrà anche i relativi piani terapeutici.

Un progetto impegnativo ma d’altra parte in linea con quanto chiede la Commissione Europea che punta proprio sulla digitalizzazione dei sistemi sanitari come parte fondamentale della strategia per costruire una società in salute. A questo scopo, gli Stati membri hanno concordato lo scorso 11 maggio un mandato negoziale relativo al programma strategico per il 2030 dal titolo Percorso per il decennio digitale, e tra gli indicatori di digitalizzazione da raggiungere è previsto proprio il 100% di disponibilità online dei FSE per tutti i cittadini dell’Unione.

In Italia, se ne parla e ci si lavora già da tempo, sotto l’egida del Ministero della salute. Istituito nel 2012, il FSE ha visto nel 2015 la definizione dei suoi primi contenuti a livello nazionale (il profilo sanitario sintetico e il referto di laboratorio). Nel 2017 è stato messo a punto il sistema informatico di interoperabilità che consente la circolarità dei documenti tra fascicoli di Regioni diverse (sono infatti le regioni che gestiscono i fascicoli sanitari regionali) e nel 2020 sono stati aperti per legge tutti i fascicoli.

Tuttavia, anche nelle Regioni in cui è stata attuata la realizzazione del cosiddetto “nucleo minimo” di documenti obbligatori, il fascicolo non viene alimentato uniformemente da parte delle strutture sanitarie operanti. Ad esempio, se i referti di laboratorio e il profilo sanitario sintetico del paziente vengono in genere caricati, non così i verbali di pronto soccorso, i referti di radiologia, quelli più specialistici e altro.

Inoltre, se è vero che si usufruisce abbastanza di alcuni dei servizi offerti, come le comunicazioni di ricette e le consultazioni di referti, è altrettanto vero che i servizi più avanzati (la prenotazione di visite online, la consultazione di dati provenienti da dispositivi per telemedicina, di immagini diagnostiche e dei tempi di attesa) rimangono molto poco diffusi. A conferma di ciò, una ricerca dell’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità della School of Management del Politecnico di Milano ha evidenziato che sebbene cresca la propensione dei cittadini a utilizzare i canali digitali rispetto a problemi di salute e malattie (69%), a farmaci e terapie (65%) e per cercare di formulare una propria diagnosi sulla base dei sintomi (62%), il FSE non rappresenta ad oggi un punto di riferimento per acquisire tali informazioni.

Un’occasione alla sua implementazione giunge ora dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), che dedica alla missione 6 (salute) 15,63 miliardi di euro, di cui 8,63 all’innovazione, ricerca e digitalizzazione del Sistema Sanitario Nazionale e 7 miliardi alle Reti di prossimità, alle strutture di telemedicina e all’assistenza sanitaria territoriale. Nel primo ambito, quello della digitalizzazione, 1,38 miliardi sono destinati specificatamente al FSE, per garantirne diffusione, omogeneità e accessibilità su tutto il territorio nazionale da parte degli assistiti e degli operatori sanitari.

Gli obiettivi specifici sono quelli di garantire i requisiti minimi entro 12 mesi (indicati nelle Linee Guida approvate in Conferenza Stato-Regioni, tra essi: uniformare a livello nazionale i servizi del FSE già esistenti, estendere il nucleo minimo di documenti obbligatori, realizzare un’anagrafe nazionale degli assistiti, adottare un sistema per il monitoraggio della qualità delle informazioni cliniche che alimentano il FSE); creare, entro il 2024, una repository centrale, ovvero una piattaforma di servizi con un’interfaccia per l’utente, tramite cui il fascicolo possa essere alimentato dai documenti digitali e integrato con quelli cartacei che devono essere migrati; formare i medici di medicina generale all’utilizzo del FSE entro il 2025 e adottare il FSE a livello nazionale, in tutte le sue funzionalità, entro giugno 2026.

I prossimi passi per camminare nei tempi di questo calendario di lavori sono, nel breve termine, la messa a punto del supporto normativo e regolamentare per l’attuazione dei requisiti minimi e l’adozione delle Linee Guida. Seguiranno i Piani di adozione da parte di ciascuna regione e la conseguente suddivisione su base regionale dei fondi necessari fino alla predisposizione della repository centrale e alle campagne di formazione digitale per medici e operatore sanitari.

Claudia Biffoli

Direzione generale della digitalizzazione, del sistema informativo sanitario e della statistica del Ministero della salute

Fonte: malattierare.gov.it



16 maggio 2022
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy