Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 29 NOVEMBRE 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Giornata mondiale salute mentale. Prima del Covid quasi un miliardo di persone aveva problemi, con la pandemia ansia e depressione aumentati del 25%. E secondo un’indagine oggi la salute mentale preoccupa più del cancro


Si celebra oggi la giornata istituita nel 1992 dalla Federazione Mondiale per la Salute Mentale (WFMH) e riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. La pandemia ha creato una crisi globale per la salute mentale, alimentando stress a breve e lungo termine e minando la salute mentale di milioni di persone. Un’indagine Ipsos, condotta in 34 paesi tra cui l’Italia, certifica che per la prima volta la salute mentale supera il cancro e diventa il secondo problema di salute percepito a livello internazionale, subito dopo il Covid-19.

10 OTT -

Si celebra oggi la Giornata Mondiale della Salute Mentale (World Mental Health Day), un’iniziativa istituita nel 1992 dalla Federazione Mondiale per la Salute Mentale (WFMH) e riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Ogni anno viene portato all’attenzione un aspetto diverso relativo alla Salute Mentale. Per il 2022 è stato scelto il tema “Rendere la salute mentale e il benessere di tutti una priorità globale” (Make Mental Health & Well-Being for All a Global Priority), perché in un mondo scosso dagli effetti della pandemia, delle guerre e dell’emergenza climatica, il benessere di tutti deve essere prioritario.

Già prima della pandemia nel 2019 si stimava che una persona su otto nel mondo (pari a circa 960 milioni di persone) convivesse con un disturbo mentale. Allo stesso tempo, i servizi, le competenze e i finanziamenti disponibili per la salute mentale continuano a scarseggiare e sono molto al di sotto di quanto necessario, soprattutto nei paesi a reddito medio e basso, sottolinea oggi l’Oms.

La pandemia ha creato poi una crisi globale per la salute mentale, alimentando stress a breve e lungo termine e minando la salute mentale di milioni di persone. Le stime calcolano un incremento sia dei disturbi d'ansia che di quelli depressivi di oltre il 25% durante il primo anno della pandemia. 

Allo stesso tempo, i servizi di salute mentale sono stati gravemente interrotti e il divario terapeutico per le condizioni di salute mentale si è ampliato.

Le crescenti disuguaglianze sociali ed economiche, i conflitti prolungati, la violenza e le emergenze di salute pubblica colpiscono intere popolazioni, minacciando il progresso verso un miglioramento del benessere, osserva ancora l’Oms.

Senza contare che stigma e discriminazione continuano a essere una barriera all'inclusione sociale e all'accesso alle cure adeguate.

I governi hanno un ruolo da svolgere, sottolinea  la Federazione Mondiale per la Salute Mentale e la collaborazione tra governi, cittadini e pianificatori va rafforzata.

L'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) adottata alla 70a sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2015 non può essere raggiunta se non facciamo un investimento significativo per migliorare il benessere mentale di tutti, osserva ancora la Federazione che ricorda come la pandemia abbia dimostrato che molti sistemi sanitari sono mal preparati ad affrontare non solo l’impatto fisico ma anche quello derivante dai problemi di salute mentale che una crisi sanitaria e sociale come quella provocata dal Covid possono provocare.

I datori di lavoro generalmente sono impreparati e non c’è cultura sulla salute menatale nei luoghi di lavoro compresi gli ambiti di lavoro sanitario dove la salute mentale e il benessere di molti operatori sanitari, di assistenza sociale in prima linea sono stati colpiti dalla pandemia

Abbiamo bisogno di un nuovo patto per la salute mentale, conclude la Fedrazione che chiede, oltre all’impegno dei Governi anche un rafforzamento del ruolo della società civile.

L’indagine Ipsos: “La salute mentale preoccupa più del cancro”. In occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale 2022, l’Ipsos ha svolto un’indagine condotta in 34 paesi tra cui l'Italia allo scopo di esaminare le opinioni dei cittadini riguardo la salute mentale.

Gli argomenti trattati comprendono il rapporto con il benessere mentale e fisico, il modo in cui si parla dei problemi di salute mentale e le percezioni in merito all'importanza attribuita dal sistema sanitario del proprio Paese.

Ecco alcuni dei principali risultati emersi:

Percezione del problema di salute più importante da affrontare nel proprio Paese (Indagine internazionale Ipsos 2022)


10 ottobre 2022
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy