Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 27 GENNAIO 2023
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Riabilitazione. Oms Europa: “In Italia sono oltre 27 milioni le persone che ne avrebbero bisogno”


Lo rileva un nuovo rapporto di Oms Europa che stima che il 42% della popolazione della Regione europea, ovvero circa 394 milioni di persone, vive con una condizione di salute che richiede cure riabilitative. E l’Italia non fa eccezione con il 44,9% della sua popolazione che necessiterebbe di interventi riabilitativi: per il 61,2% si tratta di disfunzioni al sistema muscolo scheletrico e per un altro 18,9% di disturbi sensoriali. IL RAPPORTO.

07 DIC -

Un nuovo rapporto pubblicato ieri dall'Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa avverte che 394 milioni di persone - ovvero oltre il 40% della popolazione della Regione composta da 53 Paesi europei e dell'Asia centrale per un totale di oltre 931 milioni di abitanti - vivono con una condizione di salute che richiede cure riabilitative, ma la maggior parte delle persone non riceve le cure di cui ha bisogno.

Il rapido invecchiamento della popolazione, un aumento significativo del numero di persone che vivono con malattie croniche e la mancanza di consapevolezza dei benefici della riabilitazione, secondo l’Oms, sono tra i principali motori di questo bisogno insoddisfatto in Europa e in Asia centrale.

Il rapporto mostra che la maggior parte delle persone che necessitano di prestazioni riabilitative non riceve le cure di cui ha bisogno, portando a un totale stimato di 49 milioni di anni di vita sana persi a causa di una condizione di salute che richiede riabilitazione.

Tra i principali ostacoli all'accesso delle persone alla riabilitazione il rapporto indica la scarsa consapevolezza di cosa sia la riabilitazione, di come funziona e dei suoi benefici, nonché la presenza di idee spesso errate sull'accessibilità economica.

Ma tra tutti pesa una grave carenza di professionisti della riabilitazione: il rapporto evidenzia che ci sono 12 volte meno fisioterapisti, 141 volte meno terapisti occupazionali e sei volte meno professionisti di protesi e plantari di quanti servirebbero nei paesi a reddito medio rispetto a quelli ad alto reddito.

Nella Regione nel suo complesso, alcune delle condizioni più comuni che guidano la necessità di riabilitazione includono lombalgia, fratture, perdita dell'udito e della vista, nonché ictus e demenza.

Poiché queste condizioni influenzano la vita delle persone, compresa la loro capacità di lavorare, i paesi devono affrontare costi per milioni di dollari a causa della mancanza di produttività economica e dell'aumento della povertà e della disoccupazione.

"È sbalorditivo che quasi la metà della popolazione della regione abbia bisogno di una qualche forma di riabilitazione", ha affermato il dott. Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell'OMS per l'Europa aggiungendo che “la riabilitazione è un servizio sanitario essenziale che dovrebbe essere disponibile per tutti coloro che ne hanno bisogno ea tutti i livelli di assistenza sanitaria. Se non viene intrapresa alcuna azione, i paesi rischiano di limitare le opportunità delle persone e limitare la produttività economica perché così tanti semplicemente non sono in grado di contribuire pienamente alla società”.

L'obiettivo principale della riabilitazione, spiega il rapporto, è supportare qualcuno con una condizione di salute per migliorare e mantenere il proprio funzionamento. Le difficoltà nel funzionamento si verificano a causa di menomazioni come dolore o debolezza muscolare e limitazioni nelle attività, come prendersi cura di sé o camminare.

È importante sottolineare che la riabilitazione dovrebbe essere disponibile nelle strutture sanitarie primarie, dove viene gestita la maggior parte dei casi di malattie croniche, ma anche a casa e a scuola.

"L'integrazione dei servizi di riabilitazione nell'assistenza sanitaria primaria è importante perché molte persone che potrebbero beneficiare dei servizi di riabilitazione potrebbero non entrare mai nel sistema ospedaliero e potrebbero richiedere una riabilitazione a lungo termine vicino alla loro casa e alla comunità locale", ha spiegato la dott.ssa Natasha Azzopardi Muscat, Direttore delle politiche e dei sistemi sanitari nazionali, Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa.

“Tuttavia – ha aggiunto - in molti Paesi della nostra Regione, i servizi riabilitativi sono forniti in strutture di livello secondario e terziario che si trovano in aree urbane, lasciando le aree rurali e remote scarsamente servite. Nella maggior parte dei sistemi sanitari, la riabilitazione non è stata pienamente o efficacemente integrata nell'assistenza sanitaria di base. E questo deve cambiare”.

Ci sono progressi, sottolinea comunque il rapporto, ma è necessario molto di più per rendere la riabilitazione più ampiamente disponibile

Le prove dimostrano che le attività di riabilitazione sono convenienti e aiutano a raggiungere e mantenere i migliori risultati di altri interventi sanitari. Fondamentalmente, l'accesso alla riabilitazione sostiene la realizzazione del diritto di tutte le persone alla salute.

Negli ultimi anni sono stati compiuti progressi per garantire che la riabilitazione sia più facilmente disponibile per le persone che ne hanno bisogno. In alcuni paesi è ora disponibile in contesti di emergenza e ci sono azioni concrete per sostenere le persone con assistenza a lungo termine.

Inoltre, il COVID ha puntato a lungo i riflettori sulla riabilitazione, poiché i paesi stanno ora riconoscendo quanto sia grave la condizione e il ruolo chiave che i servizi di riabilitazione possono svolgere nel sostenere le persone che vivono con essa.

La ricerca dell’Oms mostra inoltre che la riabilitazione ha il potenziale per evitare costosi ricoveri e ridurre il tempo trascorso in ospedale, diminuire i ricoveri e ridurre i rischi di complicanze dovute a problemi di salute.

Migliorando le funzioni fisiche, mentali e sociali e la capacità di partecipare alla vita quotidiana, la riabilitazione riduce i costi delle cure in corso e sostiene le persone a partecipare all'istruzione e all'occupazione.

L'Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa esorta quindi i paesi a:

"La maggior parte di noi richiederà la riabilitazione ad un certo punto della propria vita o conoscerà qualcuno molto vicino a noi che la richiede", ha concluso il dott. Kluge. "La riabilitazione può avere un impatto che trasforma la vita degli individui e dei loro cari, riducendo il dolore, ottimizzando l'indipendenza, sostenendo il benessere mentale, responsabilizzando le persone e consentendo la partecipazione al lavoro o all'istruzione, aiutando così le persone e le comunità a prosperare".

La situazione italiana
Secondo il rapporto dell’Oms sono oltre 27 milioni gli italiani, pari al 44,9% della popolazione (i dati sono riferiti al 2019) che hanno almeno una condizione per la quale dovrebbero fruire dei servizi riabilitativi per un totale di 3,6 milioni di anni di vita vissuti con problemi di disabilità.

La maggior parte (vedi tabella) sta nella fascia di età tra 15 e 64 anni, in tutto oltre 15,3 milioni e nella fascia oltre i 65 anni, in tutto altri 11 milioni di persone.

Fino ai 64 anni il numero di donne e uomini è sostanzialmente apri mentre tra gli over 65 in maggioranza (6,3 milioni a fronte di 4,7 milioni) sono donne.

Per quanto riguarda le patologie (vedi grafico) per il 61,2% si tratta di disfunzioni al sistema muscolo scheletrico e per un altro 18,9% di disturbi sensoriali.



07 dicembre 2022
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy