Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 15 NOVEMBRE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Incontinenza urinaria per 5 milioni di italiani. Un Libro Bianco per affrontarla

Il 60% delle persone che ne soffre è di sesso femminile, ma l’incontinenza urinaria è una patologia che non fa discriminazioni tra uomini e donne, né tra giovani e anziani. D’Ambrosio Lettieri (Pdl): “La sfida è migliorare accesso alle terapie farmacologiche e riabilitative”. Il Libro bianco sull'incontinenza.

30 NOV - L’incontinenza è una patologia che coinvolge nel mondo 260 milioni di persone, in Italia sono 5 milioni le persone sofferenti ed il 60% di queste è composto da donne. L’incontinenza consiste nell’emissione involontaria di urina o feci, i cui effetti negativi possono estendersi a ogni componente della personalità e del comportamento dell’individuo che ne è affetto, con il possibile sviluppo di sentimenti di inferiorità e tendenza all’isolamento sociale.
 
Per trattare tutti questi argomenti e per presentare la Federazione Italiana Incontinenti (Finco) ha realizzato un “Libro Bianco”, i cui contenuti erano stati anticipati in un convegno al Senato e discussi in dettaglio nel corso del IV Convegno Nazionale Finco svolto ieri e oggi (29 e 30 novembre) a Bari, alla presenza, tra gli altri, del senatore Luigi d’Ambrosio Lettieri (Pdl), segretario Commissione Igiene e Sanità del Senato.

“Il libro bianco sulla incontinenza urinaria realizzato dalla Finco, con la collaborazione di valenti esperti del settore, ha il grande merito di mettere a fuoco problematiche e soluzioni  legate ai vari aspetti – da quello farmacologico al sociale allo psicologico - che interessano una patologia assolutamente trasversale, che colpisce sia giovani che anziani, indistintamente uomini, donne e bambini”, ha affermato d’Ambrosio Lettieri nel suo intervento, sottolineando che “l’Italia, più di altri Paesi, ha prestato e presta grande attenzione al tema”.


“Ma – ha concluso il senatore - occorre fare uno sforzo in più perché la sfida che ci attende è quella di migliorare l’accesso alle terapie, sia farmacologica che riabilitativa, per consentire a chi è costretto a combattere quotidianamente con questo disturbo di non sentirsi mai solo con le  paure e il senso di vergogna che spesso li accompagna”.
 

30 novembre 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy