Quotidiano on line
di informazione sanitaria
22 SETTEMBRE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Sport. Ogni anno 22 mila morti in meno e 1,5 mld di risparmi per il Ssn. Ma l'Italia è troppo sedentaria

Il dato emerge dal Libro Bianco dello Sport presentato dal Coni. Grazie agli attuali livelli di pratica fisica e sportiva, agonistica e non, ogni anno si evitano infatti circa 52 mila malattie. Se le persone attive aumentassero dell’1%, si risparmierebbero altri 80 milioni. Sedentario il 40% della popolazione.

19 DIC - Lo sport fa bene alla salute e anche alle casse dello Stato. A dimostrarlo, e quantificarlo, è la seconda parte del “Libro Bianco dello Sport Italiano, Sport-Italia 2020” presentata ieri al Coni e incentrato sullo sport italiano di alto livello, sull’evoluzione dei contributi pubblici a favore dello sport e sull’impatto della pratica agonistica sulla spesa sanitaria nazionale, ma non solo. “Investire nello sport fa risparmiare sulla sanità e fa diminuire la sedentarietà. Il 2% del PIL che aumenta e diminuisce se si fa attività sportiva ne è l'esempio lampante”, ha sottolineato il presidente del Coni, Giovanni Petrucci, presentando il volume.

Ma i dati più evidenti sono quelli in termini di salute e di risparmi per il Ssn. “Per cinque patologie – ha spiegato Lanfranco Senn, Docente Ordinario del Dipartimento di Analisi delle Politiche e Management Pubblico della Bocconi di Milano - è provata la relazione tra la pratica sportiva e i benefici sulla salute: malattie cardiovascolari, ictus, tumori al colon, tumore al seno e diabete di tipo II. Grazie allo sport, agli attuali livelli di pratica agonistica, sono 25.580 le malattie evitate ogni anno”, mentre con gli attuali livelli di pratica sportiva moderata o saltuaria le malattie evitate ogni anno sono 26.560. “Il costo delle cure risparmiati per questi casi ammonta a 1,23 miliardi all’anno, ai quali vanno aggiunti 178 milioni di costi non sanitari”, ha proseguito Senn. La stima delle morti evitate è di 22.000 all’anno. “Il risparmio sulla spesa sanitaria con i livelli di pratica sportiva è stimabile in 1,5 miliardi di euro all’anno”, pari a circa l’1,3% della spesa sanitaria complessiva e valori simili, ad esempio, alla spesa sanitaria di regioni come il Molise o la Basilicata.


In totale, lo sport agonistico e saltuario oggi permette di evitare ogni anno circa 22.000 morti e di salvaguardare il valore della vita, inteso come monetizzazione della mancata produttività e del danno morale, per 32 miliardi di euro all’anno.

Purtroppo, però, gli italiani sono pigri (il 40% della popolazione è "sedentaria") e nel nostro Paese si investe ancora troppo poco nello sport. “La spesa pubblica per la pratica agonistica ammonta a circa 2,5 miliardi l’anno, erogata dallo Stato per il 27%, dalle Regioni con l’11%, dalle Province con l’8% e dai Comuni con il 54%. L’Italia è agli ultimi posti in Europa per la spesa in rapporto al Pil con il circa il 2%, contro il 7% dell’Olanda e il 5% di Spagna e Francia”, ha spiegato Giuseppe Pisauro, Docente ordinario di Scienza delle Finanze della Sapienza di Roma. Le Regioni che investono di più sono quelle a Statuto Speciale (Trento-Val d’Aosta, Bolzano, Friuli), “mentre i Comuni hanno una spesa maggiore tanto più sono piccoli”.
L’appello del Coni è quindi quello di puntare sempre di più sullo sport. Anche considerato che, ha concluso Pagnossi, “la riduzione dell’1% di soggetti inattivi in Italia (circa 215 mila persone) porterebbe un beneficio incrementale annuo di 80 milioni di euro di risparmio di spesa sanitaria e non, e di 1,7 miliardi di euro di Valore della Vita ‘salvaguardato’”.
 

19 dicembre 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy