Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 LUGLIO 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Alcol. E’ una strage: ogni anno 3,3 milioni di morti nel Mondo. Ma in Italia consumi sotto la media europea. Il rapporto dell’Oms

Pubblicato il report dell’Oms sul consumo di alcol. L’Europa resta la regioni con i tassi di consumo più elevati. In Italia consumo procapite di 6,7 litri l’anno contro una media di 10,9 litri della regione europea. Bassa anche l'alcol dipendenza con una media dello 0,5% contro il 4% della media europea. Prevale il consumo di vino (65,6%). IL RAPPORTO INTEGRALE. LA SCHEDA ITALIA.

12 MAG - In tutto il mondo nel 2012 3,3 milioni di persone sono morte come conseguenza dell’abuso di alcol. Questo il dato drammatico evidenziato dall’ultimo rapporto dell’Oms diffuso oggi. Il consumo di alcol – sottolinea l’Oms - può portare non solo alla dipendenza, ma aumenta anche il rischio di sviluppare più di 200 malattie, tra cui la cirrosi epatica ed diversi tipi di cancro. Senza contare i rischi connessi alle conseguenze di comportamenti violenti verso terzi da parte di persone sotto gli effetti dell’alcol.
 
Il rapporto rileva inoltre come l’abuso di alcol renda le persone più suscettibili alle malattie infettive come la tubercolosi e la polmonite e fornisce anche i profili del consumo di alcol in 194 Stati membri dell'OMS, l'impatto sulle risposte di salute e di ordine pubblico (vedi scheda Italia).
 
"Molto deve essere fatto per proteggere le popolazioni dalle conseguenze negative sulla salute del consumo di alcool” , dice il Dott. Oleg Chestnov , Vice Direttore Generale dell’Oms per le malattie non trasmissibili e la salute mentale . "Il rapporto mostra chiaramente che non c'è spazio per il compiacimento quando si tratta di ridurre l’abuso di alcol".

 
Alcuni paesi stanno già rafforzando le misure per proteggere le persone. Queste includono l'aumento delle tasse sugli alcolici, limitando la disponibilità di alcol innalzando il limite di età e regolando la commercializzazione di bevande alcoliche.
 
 
La relazione sottolinea inoltre la necessità di un'azione da parte dei paesi, tra cui:
 
- leadership nazionale per sviluppare politiche per ridurre l’abuso di alcol (66 Stati membri dell’Oms hanno già messo a punto politiche nazionali di alcol nel 2012);
- attività nazionali di sensibilizzazione (quasi 140 paesi hanno riferito di almeno una di queste attività negli ultimi tre anni);
- servizi sanitari per fornire servizi di prevenzione e di trattamento, in particolare aumentando la prevenzione, il trattamento e la cura per i pazienti e le loro famiglie, e iniziative di sostegno per lo screening e brevi interventi.
 
Inoltre, il rapporto evidenzia la necessità per la comunità ad essere impegnata nel ridurre l'uso nocivo di alcol.
 
In media ogni persona nel mondo di età compresa oltre i 15 consuma 6.2 litri di alcol puro all'anno. Ma dato che meno della metà della popolazione (38,3 % ), in realtà beve alcool, questo significa che coloro che ne fanno uso regolarmente ne consumano in media 17 litri all'anno.
 
La relazione sottolinea inoltre il fatto che una più alta percentuale di decessi tra gli uomini che tra le donne sono per cause alcol-correlati (7,6 % dei decessi degli uomini e il 4 % delle morti delle donne) anche se ci sono prove che le donne possono essere più vulnerabili all’alcol se si considerano le condizioni di salute correlate rispetto. Inoltre  gli autori notano che c'è preoccupazione per il costante aumento dell'uso di alcol tra le donne.
 
"Abbiamo scoperto che in tutto il mondo circa il 16 % dei bevitori sonmo soggetti al cosiddetto ' binge - drinking ' - che è la forma di consumo più nocivo per la salute", spiega il dottor Shekhar Saxena , Direttore per la Salute Mentale e Abuso di sostanze dell'Oms . "I gruppi a basso reddito sono i più colpiti dalle conseguenze sociali e sanitarie dell'alcol. Spesso manca un'assistenza sanitaria di qualità e sono meno protetti da reti familiari o comunitarie funzionali".
 
A livello globale , l'Europa è la regione con il più alto consumo di alcol pro capite, con alcuni dei suoi paesi che hanno consumi particolarmente elevati. L’analisi dei trend mostra che il livello di consumo è stabile negli ultimi 5 anni nella regione, così come in Africa e nelle Americhe, anche se aumenti sono stati segnalati nel Sud-Est asiatico e nelle regioni occidentali del Pacifico.
 
Attraverso una rete globale, l'OMS sostiene i paesi nel loro sviluppo e per l’attuazione di politiche volte a ridurre l'uso nocivo di alcol. La necessità di un'azione più intensa è stata approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 2011, individuando l'alcol come uno dei quattro fattori di rischio comuni per le malattie non trasmissibili (MNT) epidemiche.

12 maggio 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy