Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 10 LUGLIO 2020
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Bambini e adolescenti: ecco il ritratto dell’Eurispes


Bullismo per un bambino su 3, mentre la metà di essi è a dieta.
Per i ragazzi più grandi, preoccupa l’uso di internet e il consumo di alcol. Inoltre un adolescente su 20 nell’ultimo anno si è sottoposto a un intervento di chirurgia estetica. 

17 DIC - È stata presentata ieri l’Indagine conoscitiva sulla condizione dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia realizzata da Eurispes. Ecco alcune delle caratteristiche salienti di bambini e adolescenti.

I bambini


1 su 3 vittima di bullismo
Il bullismo è un fenomeno che si manifesta prevalentemente all’interno dell’ambito scolastico. È qui che bambini e ragazzi più prepotenti possono facilmente individuare i soggetti sui quali riversare le proprie azioni. I dati evidenziano che nelle scuole italiane una percentuale consistente di bambini ha assistito in prima persona a episodi di questo genere (39,1%).
Dall’indagine emerge che la maggior parte dei bambini, nell’ultimo anno, è stata oggetto di offese immotivate da parte di uno o più compagni di scuola (27,8%) o, nel 27,4% dei casi, di provocazioni e prese in giro. Particolarmente elevata è la percentuale di quanti hanno dovuto sopportare la diffusione di informazioni false sul proprio conto (20,4%) e l’esclusione dal gruppo dei pari (15,2%). Nella lista di soprusi che spesso i bambini mettono in atto tra loro compaiono, con un valore pari al 16,8%, le azioni volte a provocare danni a oggetti e le minacce (11,4%), oltre che le percosse (7,8%). Infine, tra i comportamenti prepotenti si dimostrano ancora in auge i furti di merendine (9%) e di denaro (4,9%). Le bambine subiscono più frequentemente dei compagni dell’altro sesso,offese immotivate (30,4% vs 25,1%).
Tuttavia, più del 10% del campione, assistendo a situazioni di bullismo, prova emozioni che portano a sostenere il bullo in maniera più o meno diretta: dall’indifferenza (3,4%) al divertimento (3,1%), fino a sentimenti di ammirazione e invidia per colui che gioca la parte del più forte (rispettivamente l’1,7% e il 2,7%).
Dall’analisi è inoltre emerso che nel 30,4% sono i bambini che non sono in grado di difendersi le vittime preferite dai bulli. Nel 6,7% dei casi sono i difetti fisici, più o meno grave, a far diventare un bambino un soggetto “debole”.
 
A dieta la metà dei bambini
Se il 53,9% dei bambini intervistati afferma, infatti, di non seguire una particolare dieta alimentare, il 15,3% dichiara di dover seguire un particolare regime alimentare, su parere del medico, a causa di motivi di sovrappeso. La medesima cosa avviene per il 7,3% dei bambini intervistati, ma per opposti motivi, legati all’eccessiva magrezza. Il 7,9% dichiara di seguire una dieta particolare per motivi legati all’auto-percezione, in quanto si considera troppo grasso, mentre il 7,6% segue ugualmente un regime dietetico particolare, ma perché, al contrario, crede di essere troppo magro. Il problema delle allergie o delle intolleranze alimentari obbliga, invece, a diete particolari quattro bambini su cento tra quelli intervistati.
Preoccupano inoltre le abitudini alimentari dei più piccoli. Il 33,3% dei bambini dichiara di mangiare dolci una o due volte la settimana, il 32,9% dichiara di farlo “spesso”, il 15,6% tutti i giorni nell’alimentazione, il 10% mai. Gli snack e le merendine rappresentano un alimento pienamente integrato nelle abitudini alimentari dei bambini italiani: il 28,7% dei bambini li mangia infatti una o due volte a settimana, il 27,5% spesso, il 21% tutti i giorni, mentre il 15,4% non ne consuma mai.

Gli adolescenti


I tabù: paura, sesso e sentimenti
Gli adolescenti parlano poco in famiglia, soprattutto delle loro paure. Solo il 27% ammette di parlarne e il 36,3% di farlo in parte, a fronte del 34,6% che non lo fa per nulla. Analogo il caso della vita privata: solamente il 12,8% degli adolescenti parla abitualmente di questioni sentimentali; il 30,2% ha indicato di farlo in parte, mentre il 54,6% di non farlo. Il vero tabù è però la sessualità: il tema è affrontato solo nell’8,9% dei casi e in parte dal 21,4% del campione. La maggioranza degli adolescenti (66,7%) non parla con i propri genitori di questo argomento così “delicato”.
 
L’amore viaggia su internet
Il 17,3% degli adolescenti dichiara di aver conosciuto una persona su Internet e di essersene innamorato. Un fenomeno più frequente nei maschi (20,8%) che nelle donne (14,3), più al Sud (20,8%) che al Nord-Est (8,4%).
Il 58,5% degli intervistati si esprime in maniera positiva rispetto all’utilizzo di Internet per incontri sentimentali: il 31,2% del campione elogia la facilità con la quale è possibile conoscere persone sul web, per il 15,3% è positivo il fatto di poter essere più disinibiti e svincolati da giudizi esterni e per il 12% è importante l’opportunità di decidere quanto e come esporsi.
Tuttavia gli adolescenti sono critici sll’uso di Internet in amore: soltanto il 4,3% non vede in questo utilizzo alcun aspetto negativo. I pareri negativi derivano, soprattutto, dal rischio costituito dalla possibilità di finzione che caratterizza gli incontri sul web (nel 51,9% dei casi) ed in secondo luogo dalla difficoltà a fidarsi di chi non si conosce faccia a faccia (per il 16,9%). Il 9,9% degli intervistati sostiene che la conoscenza virtuale di una persona non possa essere profonda, il 7,3% teme una forte delusione al momento dell’incontro faccia-a-faccia, il 6,3% è scoraggiato dalla freddezza e dalla scarsa emotività trasmessa dagli incontri su Internet.
Inoltre, nei confronti di coetanei che su Internet si spogliano, sebbene il giudizio sia prevalentemente negativo (74,5%), fa riflettere il fatto che un adolescente su dieci (9,8%) lo ritenga accettabile.
 
Un adolescente su 20 ricorre al bisturi per ragioni estetiche
Secondo l’indagine si è sottoposto a un intervento di chirurgia estetica il 5,3% degli adolescenti, percentuale minoritaria ma non insignificante se si considera che gli intervistati hanno un’età compresa fra i 12 ed i 19 anni. Per quanto riguarda invece gli altri interventi di manipolazione del proprio corpo più in voga tra i giovani, i dati indicano che il 15,5% è ricorso al piercing e il 6,5% al tatuaggio. Il piercing risulta quindi più apprezzato, forse anche perché non necessariamente permanente.
 
Superalcolici per 1 adolescente su 5
La larghissima maggioranza degli adolescenti afferma di non aver mai fatto uso di eroina (94,9%), di Lsd/ allucinogeni ed ecstasy/acidi (in entrambi i casi 94,5%), di psicofarmaci (92,6%), di cocaina (92,2%), di hashish/marijuana (86,6%).
Quasi la metà del campione non beve mai vino e birra, ma oltre un terzo (36,8%) lo fa occasionalmente, e l’11,7% lo fa spesso. Una discreta percentuale di ragazzi intervistati dichiara di bere superalcolici (occasionalmente il 21% e spesso il 7,8%).
 
1 ragazza su 6 a dieta perché si sente grassa
Dall’indagine effettuata emerge che l’alimentazione dei ragazzi dai 12 ai 19 anni appare, nel complesso, piuttosto equilibrata. La pasta o il riso rappresentano il pasto principale, tanto da essere mangiati “tutti i giorni” dal 42,7% dei ragazzi e “spesso” dal 34,4%. Insieme ai carboidrati (pasta e riso) anche la frutta viene assunta “tutti i giorni” e “spesso” rispettivamente dal 42,4% e dal 29,8% dei giovani intervistati. La carne non fa parte dell’alimentazione quotidiana (il 16,2% dichiara di mangiarla “tutti i giorni”) ma viene, comunque, mangiata “spesso” (56,2%) o “una/due volte la settimana” (23,7%). Il pesce, invece, viene inserito nella dieta dei 12-19enni “una/due volte la settimana” (57,5%) e “spesso” solo nel 22,6% dei casi. La verdura è assunta tutti i giorni solo dal 29,1% degli intervistati, mentre il 35,4% la consuma spesso e il 20,6% almeno una o due volte a settimana.
Gli snack, infine, fanno parte della dieta abituale degli adolescenti nel 58,9% dei casi, a fronte del 27,7% che li consuma solo una o due volte a settimana e dell’11,2% che non li mangia mai.
Un adolescente su 10 ammette di mangiare secondo una dieta particolare perché si considera grasso. Un dato che sale al 16% tra le ragazze (mentre i maschi si fermano al 4,7%). Il 5,5% degli adolescenti è costretto a un’alimentazione particolare perché secondo il parere dei genitori o del medico ha necessità di dimagrire, mentre il 4,8% segue una alimentazione particolare con l’obiettivo di ingrassare. Solo il 3% circa degli adolescenti dichiara di seguire una dieta particolare a causa di problemi di salute effettivi.
 

17 dicembre 2010
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy