Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 13 AGOSTO 2020
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Tagli. Cgia di Mestre: negli ultimi 5 anni le Regioni hanno rinunciato a 13 miliardi


Tra 2011 e 2015 le Regioni a Statuto ordinario hanno perso 9,7 miliardi, mentre per quelle a Statuto speciale l'erosione è stata di 3,3 mld. Considerando anche le sforbiciate a Comuni e Province, gli Enti locali hanno dovuto rinunciare a 25,1 miliardi. LO STUDIO

07 APR - Negli ultimi cinque anni Regioni e Comuni sono stati destinatari di tagli pesantissimi. A lanciare l’allarme è l’Ufficio studi della Cgia di Mestre che rileva come, tra 2011 e 2015, le Regioni a Statuto ordinario siano state falcidiate da mancati trasferimenti pari a 9,7 miliardi. Per quella a Statuto speciale l’erosione ha invece raggiunto quota 3,3 miliardi. Complessivamente, considerando anche le sforbiciate a Comuni e Province, gli Enti locali hanno dovuto rinunciare a 25,1 miliardi.

Nel corso del quinquennio analizzato, le Regioni hanno rinunciato complessivamente a quasi 2,6 mln incasellabili sotto la voce ‘spending review’. Per le Regioni a Statuto speciale ha inciso notevolmente il decreto Salva Italia, che nel 2012 ha portato via 920 mln. Per quelle a Statuto ordinario la mannaia più pesante è arrivata invece con la legge di Stabilità 2015, che ha determinato tagli per 3,5 mld.

Una cifra imponente – commenta il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi - che, in buona parte, Sindaci e Governatori hanno compensato aumentando le tasse locali e tagliando i servizi alla cittadinanza. Grazie a questi tagli, lo Stato centrale si è dimostrato sobrio e virtuoso, scaricando il problema sugli amministratori locali che, ‘obtorto collo’, hanno agito sulla leva fiscale. Morale: la minor spesa pubblica a livello centrale è stata pagata in gran parte dai cittadini e dalle attività produttive che hanno subito un fortissimo aumento delle tasse locali”.

 

07 aprile 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy