Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 22 NOVEMBRE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

I medici italiani sono i più vecchi della Ue. 1 su 2 ha più di 55 anni

I dati sono contenuti nell’ultimo focus di Eurostat sulla professione nella Ue. In totale in tutto il continente lavorano 1,7 mln di camici bianchi. Più della metà è impiegato negli ospedali. Il nostro Paese quello con i professionisti più anziani e al secondo posto (dopo la Germania) per numero di medici con 235mila. IL FOCUS

15 DIC - Nel 2013, sono stati circa 1,7 milioni di medici che praticano nell'UE-28. Il più alto numero complessivo di camici bianchi è stato registrato nel più grande degli Stati membri dell'UE: Germania (327.000), seguita a distanza da Italia (235 mila), Francia (203.000), Spagna (178.000) e Regno Unito (anche 178 mila). Insieme, questi cinque Stati membri rappresentano i due terzi (67%) del numero totale di medici praticanti nella UE, un numero più elevato della loro quota del 63% della popolazione dell'UE. Questi alcuni numeri contenuti in un focus curato da Eurostat sulla professione medica in Europa.
 
La Grecia il paese con il maggior numero di medici in rapporto alla popolazione
Sulla base di un confronto in relazione al numero della popolazione, la Grecia ha registrato il maggior numero di medici tra gli Stati membri dell'UE, 627 per 100.000 abitanti nel 2013. Un dato notevolmente più elevato rispetto a qualsiasi altro Stato Ue, come la Lituania (428) e Portogallo (426;) aveva i prossimi più alti rapporti di medici praticanti di abitanti ed eravamo gli unici altri Stati membri a registrare più di 425 praticanti medici ogni 100.000 abitanti. L’Italia è al settimo posto con quasi 400 medici ogni 100 mila abitanti. Al contrario, ci sono stati che hanno meno di 265 praticanti medici ogni 100.000 abitanti e sono Romania, Slovenia e la Polonia, dove è stato registrato il più basso rapporto (224 medici ogni 100.000 abitanti).

 
L'Italia ha il più alto numero di medici over 55 anni
C'è stato un rapido invecchiamento della forza lavoro sanitaria nell'UE come la generazione del baby-boom iniziato a raggiungere l'età pensionabile. Ciò si riflette nella proporzione del numero totale di medici che sono stati compiuto 55 anni, che è passato dal 24% nel 2003 al 36% nel 2013. L’Italia è prima in classifica con il 49% dei camici bianchi over 55. La quota dei medici 55 anni rispetto al numero totale di medici è stata nel range di 40-45% in Ungheria, Germania, Belgio, Lettonia, Estonia e la Francia.. Per contro, l'importanza relativa di questo gruppo di età era meno di un sesto a Malta (15%) e nel Regno Unito (13%).
 
In Italia il 60% dei medici è di sesso maschile
Una ulteriore analisi che dimostra che ci sono notevoli differenze tra gli Stati membri dell'Unione europea per quanto riguarda la quota di medici rappresentato da ciascuno dei due sessi. Nel 2013, sono state registrate le maggiori quote femminili (60% o più del numero totale dei medici) negli Stati membri baltici, la Romania, la Slovenia e la Croazia, con un picco in Estonia e Lettonia, dove le donne rappresentavano quasi i tre quarti del totale dei medici. Per contro, la percentuale più alta di medici di sesso maschile (68%) è stato registrata in Lussemburgo; relativamente elevate quote per gli uomini si sono registrate anche a Malta (63%), il Belgio (62%), Italia (60%), la Grecia e l'Irlanda (entrambi 59%).
 
Negli ospedali è impiegato più di metà del numero totale dei medici nella UE
I medici impiegati in ospedali rappresentavano l’82% del numero totale di medici in Francia e 74% in Danimarca (dati 2012). Al contrario, i medici impiegati in ospedali hanno rappresentato circa un quarto del totale dei medici a Cipro (29%) e in Belgio (25%; dati 2012); altrove la quota variava dal 40% al 66%. Nel 2013, il più alto numero assoluto di medici impiegati negli ospedali è stato registrato in Germania (174.000), davanti alla Francia (167 mila) Italia (128 mila) e la Spagna (102.000).

 
Luciano Fassari

15 dicembre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy