Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 10 DICEMBRE 2016
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Cancro. Eurostat: 1,3 milioni di morti l’anno in Ue. Circa 1 decesso su 4 dovuto a malattia. Tumore al polmone prima causa fra gli uomini, quello al seno per le donne

I decessi maggiori tra gli uomini (il 55%) rispetto alle donne (45%). Nel 37% dei casi il cancro è stata la causa delle morti per gli under 65 e un quarto (23%) tra gli over 65. Italia con il 28% delle morti totali dovute al cancro si colloca poco sopra la media del 26%. Il cancro ai polmoni si conferma il più micidiale seguito dal colon-retto, seno e pancreas. LO STUDIO

03 FEB - Nell'Unione europea il cancro ha causato la morte di  quasi 1,3 milioni di persone nel 2013, responsabile di poco più di un quarto (26%) di tutte le morti. Gli uomini (726.500 i decessi dovuti al cancro) sono stati più colpiti rispetto alle donne (570.300). Inoltre, il cancro fatale ha rappresentato più di un terzo (37%) di tutte le morti per la popolazione europea di età inferiore a 65 anni, mentre è stato al di sotto di un quarto (23%) per la popolazione più anziana (quelli di età 65 anni e oltre). Questi alcuni numeri forniti da Eurostat in occasione della giornata mondiale contro il cancro che si celebra domani.

Il cancro ai polmoni quello che causa più decessi. Avendo provocato la morte di circa 270.000 persone, e il 21% di tutti i decessi dovuti al cancro, il tumore al polmone è la principale tipologia di cancro mortale nella UE nel 2013, seguito dal cancro al colon-retto (153.100 decessi, 12%), il cancro al seno (92.600 decessi, 16% della popolazione femminile che ha avuto il cancro ), il cancro al pancreas (81.300 decessi, 6%) e alla prostata (72.700 decessi, il 10% della popolazione maschile che ha avuto il cancro).


Alte percentuali di decesso per cancro in Slovenia, Paesi Bassi e Irlanda. Il cancro è stato nel 2013 la causa di almeno il 30% dei decessi in Slovenia (32%), nei Paesi Bassi (31% nel 2012) e in Irlanda (30%), mentre rappresentava meno di un quinto di tutte le cause della morte in Bulgaria (17%) e Lituania (19%). In tutti gli Stati membri della UE, i tumori mortali hanno ucciso più uomini che donne, con il massimo dei divario di genere osservato in Grecia e in Spagna (in questi due Stati membri, gli uomini rappresentano il 61% di tutti i tumori mortali nel 2013), seguita da Bulgaria e Portogallo.

Come dicevamo, in tutti gli Stati membri, il tumore più diffuso che ha portato alla morte nel 2013 è stato il cancro ai polmoni. La più alta percentuale di cancro al polmone tra tutti i decessi dovuti al cancro è stata registrata in Ungheria (26%), seguita da Belgio, Danimarca, Grecia, Paesi Bassi (nel 2012) e Polonia (tutti al 24%), e la più bassa in Portogallo (15%) e in Svezia (16%). In quasi tutti gli Stati membri, il cancro del polmone ha colpito maggiormente gli uomini rispetto alle donne: a livello di Unione europea, il cancro del polmone ha rappresentato il 26% di tutti i tumori mortali maschili (185.600 decessi), rispetto al 15% per le femmine (83.500 morti).

Per quanto riguarda il cancro al colon-retto, la più alta percentuale di morti a causa di questo tipo di cancro tra tutti i tumori mortali sono stati registrati in Ungheria e Slovacchia (entrambi 16%), Spagna, Croazia e Portogallo (tutti al 15%). Sul lato opposto della scala, il cancro del colon è inferiore al 10% di tutti i decessi per cancro in Grecia e a Cipro (entrambi 9%). A livello globale, gli uomini e donne sono stati ugualmente colpiti da cancro del colon-retto, che per entrambi ha rappresentato il 12% di tutti i tumori mortali. Per quel che riguarda il cancro al pancreas, ha rappresentato il 6% di tutti i decessi per cancro tra la popolazione maschile e il 7% tra la popolazione femminile.

Il cancro al seno ha rappresentato nel 2013 il cancro mortale più comune per le donne, pari al 16% di tutti i decessi per cancro tra la popolazione femminile nella UE (92.600 morti). In tutti gli Stati membri, sono state osservate le più alte quote di morti a causa di cancro a Cipro e a Malta (entrambe il 21% di tutti i decessi per cancro per le donne), nel Lussemburgo (20%) e in Belgio (19%), mentre il più basso è stato registrato in Estonia (12%), seguita da Repubblica Ceca, Polonia e Svezia (tutti al 14%).
 
Il cancro della prostata, che non interessa le donne, ha causato il 10% di tutti i decessi di uomini a causa di cancro nel 2013 nell'Unione europea (72.700 morti). Tra gli Stati membri, la percentuale più elevata è stata osservata in Svezia (20% di tutti i decessi dovuti al cancro tra la popolazione maschile), seguita a distanza dalla Danimarca (15%), Cipro e Finlandia (entrambi 14%) . Al contrario, le percentuali più basse sono state registrate in Ungheria e Romania (entrambe 7%), quindi in Italia, Lussemburgo, Malta, Polonia e Slovacchia (tutti e 8%).

l 37% dei decessi degli under 65 dovuti al cancro. Per quel che concerne l'età,  337.100 persone di età inferiore a 65 anni sono decedute nel 2013 nella UE a causa del cancro, il che significa che i tumori hanno rappresentato il 37% di tutte le cause di morte per questa fascia di età. Tra gli Stati membri, almeno 4 morti su 10 sono avvenute a causa del cancro per le persone di età inferiore a 65 nei Paesi Bassi (47% nel 2012), l'Italia (46%), la Spagna (45%), Slovenia (44%), Croazia (41%), Grecia e Portogallo (entrambi 40%), mentre il cancro fatale rappresentavano meno del 30% dei decessi in questa fascia di età nei tre paesi baltici: Lituania (23%), Lettonia (24%) ed Estonia (26%), seguiti da Finlandia (28%) e Bulgaria (29%).

Per gli over 65 il cancro rappresenta meno di un quarto (23%, 959.800 persone) di tutti i decessi nell'Unione europea nel 2013, con le percentuali più elevate registrate in Slovenia (29%), nei Paesi Bassi (28% nel 2012), Danimarca e Irlanda (entrambe 27%),in Italia e nel Regno Unito (entrambi 26%), in Francia e nel Lussemburgo (entrambi 25%), e il più basso in Bulgaria (14%), in Romania (16%) e in Lituania (18%).
 
In Italia l 28% dei decessi causati da tumore. In Italia nel 2013 sono decedute 168.144 persone per il cancro, di cui 94.449 uomini e 73.695 donne. Il cancro ai polmoni si conferma il più letale: ha colpito il 20% della popolazione deceduta per cancro (26% degli uomini e 12% delle donne). A seguire il cancro al colon-retto l'11% dei colpiti (11% uomini, 12% donne), il cancro al seno il 7% della popolazione colpita (16% delle donne), il cancro al pancreas il 7% della popolazione (6% degli uomini, 7% delle donne), il cancro alla prostata il 4% dei decessi (8% degli uomini).
 

 
 Lorenzo Proia

03 febbraio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy