Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 10 DICEMBRE 2016
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Rapporto Eurostat. Primo figlio a quasi 31 anni. In Italia le neo mamme più “vecchie” d’Europa

Nel 2014 nati nella Ue 5,1 mln di bambini. Circa 68mila in più rispetto al 2001. Ma il quadro è estremamente variegato. E il nostro Paese è in coda alla classifica con nascite in calo del 6% e un tasso di fertilità di 1,37 figli per donna (media Ue 1,58). Italia poi ultima per l’età media in cui le donne fanno il primo figlio (30,7 anni) rispetto ad una media Ue di 28,8 anni. Francia al top. IL REPORT

16 MAR - In Europa nel 2014 sono nati 5,132 milioni di bambini. Un dato in crescita rispetto al 2001 dove le nascite erano state 5,063 mln. Tra gli Stati membri, la Francia ha continuato a registrare il maggior numero di nascite (819.300 nel 2014), davanti alla Gran Bretagna (775. 900), Germania (714.900), l'Italia (502.600), la Spagna (426.100) e Polonia (375.200).
 
Ma i numeri non sono omogenei. Il più grande aumento delle nascite c’è stato in Svezia (+ 25,6%), seguita da Repubblica Ceca e Slovenia (entrambe + 21,1%), Irlanda (+ 16,3%) e la Regno Unito (+ 16,0%).
 
Al contrario, la riduzione più elevata si è avuta in Portogallo (-27.0%), seguito da Olanda (-13,5%), Danimarca (-13,1%) e in Romania (-12,4%). In Italia rispetto al 2001 il calo delle nascite è stato del 6%.
 
Età donne primo figlio. In media nell'UE, le donne che hanno dato alla luce il loro primo figlio nel 2014 avevano un’età di quasi 29 anni (28,8 anni). Le più giovani sono risultate quelle bulgare (25,8 anni) mentre le più ‘anziane’ sono proprio le italiane con una media di 30,7 anni.

 
Tasso di fertilità.Nel complesso, il tasso di fertilità in Europa è aumentato da 1,46 figlio per donna del 2.001 a 1,58 nel 2014. Il più alto tasso di fertilità è stato registrato in Francia, mentre il più basso in Portogallo. Da notare come la Francia (2,01) è stato l'unico Stato membro con un tasso di fertilità superiore a 2.0. A seguire troviamo l’Irlanda (1,94), poi Svezia (1,88) e Regno Unito (1,81).
 
Al contrario, il più basso tasso di fertilità è stato osservato in Portogallo (1,23), davanti a Grecia (1,30), Cipro (1,31), Spagna e Polonia (entrambi 1,32), seguite da Italia e Slovacchia (entrambi 1,37).
 
L.F.

16 marzo 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy