Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 02 DICEMBRE 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Malasanità. Associazione Giustacausa: “Nel 77% dei casi non ci sono i requisiti per un’azione legale”


Il settore specialistico dove si sospettano più errori è la chirurgia (29% dei casi), seguito da ortopedia (13%), oculistica (8%), ginecologia e ostetricia (con alto numero di decessi), oncologia e cardiologia tutti con il 7%. Almeno secondo le segnalazioni che i cittadini hanno inviato all’Associazione Giustacausa, che ha presentato oggi a Milano i dati preliminari di questi primi 6 mesi di attività. Da cui emerge che l’88% dei casi si è verificato in una struttura pubblica. Ma nel complesso, il 77% non presenta i requisiti per intraprendere un’azione legale.

20 LUG - Un osservatorio permanente sul fenomeno della malasanità su tutto il territorio nazionale e sulla sua evoluzione tra la cittadinanza. E’ il compito che si propone l’Associazione Giustacausa, attiva dal gennaio di quest’anno, che ha presentato stamani, a Milano, i dati preliminari raccolti in sei mesi tra quanti l’hanno contattata via telefono o Internet. I dati, con aggiornamento semestrale, offriranno uno spaccato del fenomeno agli organismi preposti. Un’attività che ha ricevuto anche il plauso del Sottosegretario alla Salute Francesca Martini, come è stato ricordato stamani. “Il nostro obiettivo - ha spiegato il presidente Francesco Nobili, medico legale (presidente onorario il Procuratore generale onorario della Corte di Cassazione Pier Luigi Vigna) - è aiutare e assistere chi si ritiene vittima di episodi di malasanità mettendo a disposizione i migliori professionisti nei settori della medicina e della tutela legale, basandosi su criteri di eticità e solidarietà. Al tempo stesso facciamo opera di dissuasione tra le persone i cui casi non presentano i presupposti per azioni legali, per evitare loro perdite di tempo e di denaro. Seguiamo criteri di obiettività, non siamo a priori dalla parte della presunta vittima o del presunto autore del danno”. L’associazione ha una task force di professionisti in tutte le Regioni e si avvale di un comitato scientifico con consulenti legali di fama.

“I dati che abbiamo sono interessanti anche se riguardano solo chi si è rivolto alla nostra associazione per presunta malasanità, spesso persone appartenenti a fasce deboli di popolazione disorientate rispetto a un’eventuale azione legale” precisa Nobili. Le persone che chiedono aiuto (per ora con una media di 250-300 al mese) sono per tre quarti donne, effettuano il contatto per il 65% via telefono e solo per il 35% via e-mail, sono venute a conoscenza di Giustacausa nel 73% dei casi dalla pubblicità televisiva (testimonial personaggi come Giorgio Panariello, Piero Chiambretti e Marcello Lippi) e poi attraverso stampa, radio e solo il 7% Internet.

Gli episodi di malasanità riferiti riguardano tutte le Regioni – unica eccezione l’Umbria - con numeri più alti in quelle con più popolazione (Lombardia, Lazio, Sicilia, Campania); nell’89% dei casi gli episodi sono avvenuti nella Regione di residenza e nell’11% in un’altra.

Il settore specialistico maggiormente interessato è la chirurgia con il 29%, seguono, con possibili sovrapposizioni, ortopedia con il 13%, oculistica con l’8%, ginecologia e ostetricia (con alto numero di decessi), oncologia e cardiologia tutti con il 7%, infine neurologia con il 2%, più un 27% catalogato come altro ed eterogeno (dalla psichiatria all’odontoiatria); l’esito dell’episodio è in metà dei casi invalidità grave e nel 21% lieve, nel 19% decesso e nel 5% nessun postumo. Nell’88% dei casi il fatto è avvenuto in una struttura pubblica e nel restante 12% in una privata. “Tra i casi esaminati il 77% però non presentava i requisiti per intraprendere un’azione legale - fa notare Nobili - ed è quindi stato dissuaso, contro il 23% che li presentava”. I requisiti si riferiscono principalmente alla cartella clinica e ai consulti specialistici. Allo stato attuale non si è in grado di analizzare i risultati delle eventuali azioni legali che saranno intraprese a breve e sono già avviate.

E.V.
 

20 luglio 2011
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy