Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 21 SETTEMBRE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Dieci anni di Oms. Primo capitolo, il successo dei vaccini: con 10 milioni di morti evitate sono una prioprità per tutti gli Stati

I vaccini hanno impedito almeno 10 milioni di morti tra il 2010 e il 2015, e molti altri milioni di vite sono state protette dalla sofferenza e dalla disabilità associata a malattie come la polmonite, la diarrea, la pertosse, il morbillo, la poliomielite. I programmi di immunizzazione di “successo” sono, secondo l'Oms, priorità nazionali e non si fermano alla salute, ma riguardano settori come l'istruzione e lo sviluppo economico, che anche grazie a loro possono prendere piede. E l'Oms dedica ai vaccini il primo capitolo del suo racconto di dieci anni di sanità pubblica sotto la guida di Margaret Chan. 

28 APR - Vaccini: sono il primo capitolo che l’Oms ha deciso di pubblicare per valutare, come annunciato dal suo direttore generale Margaret Chan, successi, battute d'arresto, e sfide ancora aperte.
 
Un capitolo apertissimo in Italia in questo periodo tra polemiche, epidemiologia e azioni legali su cui l’Oms non ha dubbi: i vaccini hanno impedito almeno 10 milioni di morti tra il 2010 e il 2015, e molti altri milioni di vite sono state protette dalla sofferenza e dalla disabilità associata a malattie come la polmonite, la diarrea, la pertosse, il morbillo, la poliomielite. I programmi di immunizzazione di “successo”, chiosa l’Oms,  sono priorità nazionali e non si fermano alla salute, ma riguardano settori come l'istruzione e lo sviluppo economico, che anche grazie a loro possono prendere piede.
Un successo che l’Oms basa su una lunga tradizione di ricerca e innovazione e che ha come obiettivo la copertura del vaccino universale dalle malattie. E l’Oms  lancia la sfida a tutti i leader della salute dei Paesi che ne fanno parte per fare dell’immunizzazione una delle più grandi storie di successo della medicina moderna. 

 
La “storia” raccontata dall’Oms parte da lontano.
Il programma esteso di immunizzazione è nato da un successo in un momento di enorme ottimismo sulla capacità dei vaccini ed è stato istituito nel 1974 quando il mondo si avvicinò alla eradicazione del vaiolo.
 
E la certificazione nel 1979 di eradicazione del vaiolo è stata, secondo l’Oms, la prova del potere di vaccini per migliorare in modo permanente il mondo.
Nei decenni successivi, il programma esteso di immunizzazione è proseguito tra molti successi. Nel 1974, solo il 5% dei bambini di tutto il mondo era protetto dai sei malattie considerate mortali e previste dal Programma. Oggi, quella cifra è dell’86%, con alcuni paesi in via di sviluppo che stanno raggiungendo l’obiettivo di una copertura vaccinale superiore al 95 per cento.
“Nell'era dello sviluppo sostenibile – commenta l’Oms -  i programmi di vaccinazione sono cresciuti al punto tale da fare da modello anche per altre priorità di intervento di sanità pubblica. E questo ruolo è stato ampiamente dimostrato, ad esempio,  dall'iniziativa globale per l'eradicazione della polio”.
 
L'eradicazione globale del poliovirus 2 è stata dichiarata nel settembre 2015. il piano strategico 2013-2018 ha invitato i paesi a introdurre almeno una dose di vaccino antipolio inattivato nei programmi di immunizzazione di routine, rafforzare l'immunizzazione di routine, e ritirare il vaccino antipolio orale in modo graduale. In linea con questo piano, un altro importante passo in avanti è stato fatto durante la primavera del 2016: in due settimane nel mese di aprile, 155 paesi sono passati con successo dal vaccino trivalente a quello bivalenti antipolio orale, che segna il più grande “ritiro” del vaccino coordinato nella storia.
 
Lo scopo primario di introdurre il vaccino antipolio inattivato era quello di garantire che le nuove coorti di nascita avessero una certa protezione contro il poliovirus di tipo 2 e quindi mitigare le potenziali conseguenze di ogni possibilità di riemergere del tipo 2 poliovirus dopo. L'introduzione di almeno una dose di vaccino antipolio inattivato potrebbe anche aumentare l'immunità contro il poliovirus di tipo 1 e 3 e probabilmente accelerando la loro eliminazione.
 
Nel 2017, il programma di eradicazione è praticamente a un passo dal suo obiettivo. Con l'inizio di aprile, l'Afghanistan aveva segnalato tre casi di poliovirus selvaggio e due il Pakistan. La Nigeria non aveva ancora individuato casi. Per salvaguardare i risultati, più di 190.000 vaccinatori in 13 paesi hanno iniziato una campagna di una settimana a fine marzo 2017 per vaccinare più di 116 milioni di bambini. 
La campagna di vaccinazione coast-to-coast, una delle più grandi del suo genere mai realizzate in Africa, fa parte delle misure urgenti per fermare in modo permanente la poliomielite nel continente.
 
“Ma essere sull'orlo del trionfo – afferma l’Oms - non è sufficiente. Il lavoro sarà concluso solo quando il mondo intero sarà certificato polio-free. E l’importanza si questa vittoria – continua - farà senza dubbio aumentare la fiducia del mondo nel potere della salute pubblica  e dei vaccini, per costruire un mondo migliore.
 
La “storia” dell’Oms prosegue ricordando i successi dei vaccini nell’epidemia di Ebola e la costituzione di organismi importanti come la GAVI Alliance (precedentemente “l'Alleanza Mondiale per Vaccini e Immunizzazione”), una partnership di soggetti pubblici e privati con lo scopo di migliorare l'accesso all'immunizzazione per la popolazione umana in paesi poveri. L'Alleanza raccoglie governi di paesi in via di sviluppo e paesi donatori, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, UNICEF, la Banca Mondiale, l'industria di vaccini in paesi industriali e in via di sviluppo, la società civile, la Fondazione Bill & Melinda Gates e altri benefattori privati.
 
Il capitolo “vaccini” dell’Oms racconta anche storie di successo di Paesi in cui l'immunizzazione è diventata una strategia fondamentale per il conseguimento delle priorità sanitarie più recenti, dalla prevenzione del cancro al fegato e del collo dell'utero - le principali cause di cancro nel mondo in via di sviluppo - all'epatite B e al papilloma umano, per frenare la resistenza antimicrobica, fornire una piattaforma per migliorare l'assistenza prenatale e neonatale e soddisfare le esigenze a lungo trascurate degli adolescenti.
 
L’ultimo approfondimento sui vaccini l’Oms lo dedica a un’emergenza attuale: l’influenza.
L'ondata di infezioni umane legate al virus dell'influenza aviaria H7N9 che ha avuto inizio in Cina nel settembre 2016 ha nuovamente sollevato l'allarme per la minaccia di una pandemia influenzale. E l'Oms ha stabilito un piano d'azione globale per influenza nel 2006 per affrontare il grave deficit previsto di forniture di vaccino durante la prossima pandemia.
 
Il piano, che è destinato a funzionare per un decennio, ha definito una strategia di preparazione triplice: migliorare l'uso di vaccini stagionali, aumentare la capacità di produzione di vaccini, in particolare nei Paesi in via di sviluppo, e promuovere la ricerca e sviluppo di vaccini e tecnologie di produzione migliori.
I suoi risultati sono significativi. Gli studi negli ultimi 10 anni, che documentano il peso dell’influenza stagionale, hanno incoraggiato 115 paesi a immettere nelle politiche nazionali l’ aumento dell'uso di vaccini contro l'influenza stagionale.
 
Nel 2006, l'Oms ha stimato che la capacità globale di produzione di vaccino pandemico è stata di circa 1,5 miliardi di dosi l'anno, concentrata in pochi paesi ricchi. Un decennio più tardi la capacità è più che quadruplicato e raggiunge 6,4 miliardi di dosi, con 14 produttori di vaccini nei paesi in via di sviluppo. Sei di questi paesi hanno concesso in licenza vaccini antinfluenzali di produzione locale, di cui tre sono stati prequalificati dall'Oms. Altri paesi stanno facendo progressi costanti verso questo obiettivo.
 
“Come Oms – spiega Margaret Chan – abbiamo ulteriormente dimostrato anche come una riserva di vaccini può avere un impatto sulla risposta di eventuali emergenze migliorando anche molti fattori che influenzano l'accesso ai vaccini”.
L’esempio l’Oms lo fa col colera. Nel 2013 è stata creata una riserva di vaccini orali per il colera in risposta a una situazione critica. Epidemie di colera imperversavano, ma l'uso di vaccini era basso e i produttori avevano pochi incentivi ad aumentare le forniture. Per questo l’Oms è intervenuta con il concetto delle scorte e l’ impegno ad acquistare e utilizzare 2 milioni di dosi l'anno per facilitare la disponibilità per le popolazioni meno abbienti.
L'approvvigionamento e la distribuzione, hanno generato molti benefici per la salute ben al di là perfino delle vite salvate. E' migliorata la segnalazione, fondamentale nel campo della salute pubblica, ma anche  il  potenziale impatto in altri settori come il commercio e il turismo.
 
Inoltre, le scorte hanno portato alla riduzione dei costi e generato dati aggiuntivi sulla sicurezza dei vaccini, l'efficacia e l'impatto.
“Insomma – conclude Chan -  una cosa apparentemente semplice, come la costituzione di una riserva, ha trasformato il circolo vizioso della bassa domanda, bassa produzione, prezzo elevato e distribuzione iniqua, in  un circolo virtuoso di aumento della domanda, della produzione a  prezzi ridotti e una maggiore equità di accesso”.

28 aprile 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy