Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 25 SETTEMBRE 2017
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Oms: 1,2 milioni di morti tra gli adolescenti, in gran parte prevenibili. Per i maschi prima causa di morte sono gli incidenti stradali, per le femmine infezioni respiratorie e autolesionismo

Oltre 3mila morti ogni giorno riguardano gli adolescenti e gran parte sono prevenibili secondo l'Oms, che ha realizzato una guida sulla Strategia Globale per le donne, bambini e adolescenti. Il rapporto include anche la gamma di interventi che i paesi possono adottare per migliorare la loro salute e il benessere e ridurre drasticamente le morti inutili. IL RAPPORTO.

16 MAG - Adolescenti: 1,2 milioni l’anno muoiono (più di 3mila al giorno) per cause in gran parte prevenibili. Secondo un nuovo rapporto dell'Oms, nel 2015 più di due terzi di queste morti si sono verificati in paesi a basso e medio reddito in Africa e Sud-Est asiatico. Incidenti stradali, infezioni delle basse vie respiratorie e il suicidio sono le principali cause di morte tra gli adolescenti.

La maggior parte di queste morti possono essere prevenute, sottolinea l’Oms,  con buoni servizi sanitari, l'istruzione e il sostegno sociale. Ma in molti casi, gli adolescenti che soffrono di disturbi di salute mentale, abuso di sostanze, o scarsa nutrizione, non possono ottenere servizi di prevenzione e di terapia intensiva, sia perché non esistono i servizi, sia perché non ne conoscono l’esistenza.
 
Inoltre, molti comportamenti iniziati nell’adolescenza che hanno impatto sulla salute si manifestano più tardi nella vita, come l'inattività fisica, la cattiva alimentazione, e i comportamenti sessuali a rischio.
 
"Gli adolescenti sono stati del tutto assenti da piani sanitari nazionali per decenni - spiega Flavia Bustreo, Vice direttore generale Oms -. Anche piccoli investimenti fatti sugli adolescenti ora non solo porteranno ad adulti sani che contribuiscono positivamente alle loro comunità, ma avranno effetto anche sulle generazioni future che saranno più sane".
 
I dati  sono contenuti nel rapporto sulla Strategia Globale per le donne, bambini e adolescenti Salute 2016-2030: guida per sostenere l'azione nei Paesi , che rivela forti differenze tra le cause di morte anche in base all’età ad esempio tra i giovani adolescenti di età compresa 10-14 anni e quelli di età compresa tra 15-19 anni e per sesso.
 
Il rapporto include anche la gamma di interventi  che i paesi possono adottare per migliorare la loro salute e il benessere e ridurre drasticamente le morti inutili.
 
Incidenti stradali: una causa di morte che interessa in modo sproporzionato gli adolescenti
Nel 2015, gli infortuni stradali sono stati la principale causa di morte tra gli adolescenti 10-19 anni di età, con circa 115 000 decessi di adolescenti. Adolescenti di età compresa tra 15-19 anni hanno subito il danno maggiore. La maggior parte dei giovani uccisi in incidenti stradali sono utenti della strada vulnerabili, come pedoni, ciclisti e motociclisti.
 
Tuttavia ci sono differenze tra le regioni. Guardando solo in paesi a basso e medio reddito in Africa, le malattie trasmissibili come l'HIV / AIDS, infezioni delle basse vie respiratorie, la meningite, e le malattie diarroiche sono più grandi cause di morte tra gli adolescenti ovviamente in numero maggiore degli di incidenti stradali.
 
Infezioni alle vie respiratorie inferiori e complicazioni durante la gravidanza 
Il quadro per le ragazze è molto diverso. La principale causa di morte per i giovani adolescenti di età compresa tra 10-14 anni sono le infezioni delle basse vie respiratorie, come la polmonite, spesso risultato di inquinamento dell'aria interna. Complicazioni in gravidanza invece, come l'emorragia, sepsi, e complicazioni da aborti non sicuri, sono la causa principale di morte tra le ragazze di 15-19 anni.
 
Gli adolescenti sono a rischio molto elevato di autolesionismo e suicidio
Il suicidio e la morte accidentale da autolesionismo erano la terza causa di mortalità degli adolescenti nel 2015, con una stima di 67.000 morti. L’autolesionismo si verifica in gran parte tra gli adolescenti più grandi, e globalmente è la seconda causa di morte per le ragazze adolescenti di età maggiore. E' la principale causa di morte o la seconda di adolescenti in Europa e Sud-Est asiatico.
 
Una popolazione vulnerabili in contesti umanitari e fragili
I giovani spesso hanno responsabilità da adulti, come la cura dei fratelli o il lavoro, e possono essere costretti a lasciare la scuola, sposarsi presto, o utilizzare sesso transazionale per soddisfare le loro esigenze di sopravvivenza di base. Di conseguenza, soffrono di malnutrizione, lesioni colpose, gravidanze, malattie diarroiche, violenza sessuale, malattie sessualmente trasmissibili, e problemi di salute mentale.
 
Gli interventi per migliorare la salute degli adolescenti
"Migliorare il modo in cui i sistemi sanitari si occupano degli adolescenti è solo una parte di ciò che serve per migliorare la loro salute -  spiega Anthony Costello, direttore, Maternal, Newborn, Child and Adolescent Health dell'OMS -. I genitori, le famiglie, e le comunità sono estremamente importanti, in quanto hanno il maggiore potenziale per influenzare positivamente il comportamento e salute degli adolescenti".
 
La Guida Oms raccomanda interventi in tutti i settori, tra cui l'educazione sessuale completa nelle scuole; limiti di età più elevati per il consumo di alcol; cinture di sicurezza e caschi per legge; ridurre l'accesso e l’abuso di armi da fuoco; ridurre l'inquinamento dell'aria interna attraverso combustibili non inquinanti; aumentare l'accesso alla sicurezza dell’acqua, dei servizi igienico-sanitari e di igiene. Fornisce inoltre spiegazioni dettagliate su come i paesi sono in grado di offrire questi interventi con  programmi di salute specifici per gli adolescenti.
 
“Noi tutti dobbiamo ritenerci responsabili di misurare e monitorare i progressi verso questi obiettivi ambiziosi per garantire che ogni donna, bambino e adolescente abbia accesso ai servizi sanitari di cui ha bisogno per sopravvivere e prosperare “, ha detto Margaret Chan, Direttore Generale, Organizzazione Mondiale della Sanità.
 
“E' un compito grande,  ma è realizzabile – afferma Ban Ki-moon, segretario generale delle Nazioni Unite -.. Con l'attuazione della Strategia globale possiamo operare una trasformazione storica che migliorerà la vita delle generazioni a venire. A tal fine, continuerò a mobilitare l'azione dei leader globali e a promuovere ‘ impegno di tutti i settori della società. Insieme, siamo in grado di porre fine alle morti evitabili delle donne, dei bambini e degli adolescenti in tutto il mondo e creare un mondo in cui, per la prima volta nella storia, tutti possono crescere e raggiungere il loro pieno potenziale ".
 
Il rapporto aiuta i paesi attuare la strategia globale per le donne, la salute degli adolescenti (2016-2030) per bambini e fornendo informazioni complete necessarie per decidere cosa fare per la salute degli adolescenti, e come farlo. La strategia globale, lanciata nel 2015 per sostenere gli obiettivi di sviluppo sostenibile (Oss), offre l'opportunità di migliorare la salute degli adolescenti e di rispondere in modo più efficace alle esigenze degli adolescenti.
 


16 maggio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy