Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 23 SETTEMBRE 2017
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Contributi alla famiglia e ai bambini. Italia fanalino di coda in Europa: meno del 5% della spesa sociale contro media UE dell'8,4%

Il peso dei contributi alla famiglia/figli varia tra gli Stati membri, e rappresenta oltre il 12% della spesa totale per prestazioni sociali in Lussemburgo, Irlanda e Ungheria, ma meno del 5% in Portogallo, Grecia, Italia e Paesi Bassi. Allo stesso modo, nei paesi non UE la quota di famiglia/benefici per i bambini variava dal 12,4% in Norvegia al 3,2% in Turchia.

16 MAG - I sistemi di protezione sociale verso i bambini hanno portato nel 2013 a una spesa nell’Ue 28 di 315.768 milioni di euro a famiglia, il 2,3% del Pil . 

L’ultima analisi Eurostat  relativa a gennaio 2017 (l’aggiornamento è previsto ad ottobre) sottolinea che il livello di spesa varia tra gli Stati membri , che vanno da oltre il 3,5% del Pil in Danimarca e il Lussemburgo a circa l'1% nei Paesi Bassi. Variazioni simili si registrano  nei paesi extra-UE (Slovenia, Norvegia, Svizzera, Serbia e Turchia), con importi spesi dal 3,0% del Pil in Norvegia all’1,2% in Serbia.
 
Le spese per la famiglia / bambini a livello UE sono state pari all’8,4% della spesa per le prestazioni sociali . L'importanza relativa della famiglia/figli varia tra gli Stati membri, e rappresenta oltre il 12% della spesa totale per prestazioni sociali in Lussemburgo, Irlanda e Ungheria, ma meno del 5% in Portogallo, Grecia, Italia e Paesi Bassi. Allo stesso modo, nei paesi non UE la quota di famiglia/benefici per i bambini variava dal 12,4% in Norvegia al 3,2% in Turchia.
 
 
Tuttavia, la quota di spesa sociale assegnato alla famiglia/benefici per i bambini non fornisce necessariamente una base utile per il confronto tra i vari paesi, perché è influenzata dagli importi spesi per tutte le altre funzioni, che sono a loro volta comprese in una vasta gamma economica e di fattori demografici e sociali. Per esempio, la spesa per prestazioni relative di disoccupazione è legata allo stato del mercato del lavoro, mentre la spesa per le pensioni di vecchiaia è legata alla struttura per età della popolazione. Nel caso della famiglia/figli influiscono i tassi di fertilità e le relative dimensioni della popolazione giovanile.
 
Un confronto più significativo delle spese per la famiglia/benefici per bambini può quindi essere quello di considerare la spesa per bambino (cioè per residente di età inferiore ai 18 anni). Il confronto viene effettuato secondo  il potere di acquisto standard  (PPS) per eliminare le differenze tra i vari Stati.
 
Le spese per la famiglia/benefici per i bambini nel 2013 sono state pari a poco più di 3.314 PPS per bambino a livello di UE, ma variano considerevolmente da paese a paese. L'importo speso è stato eccezionalmente elevato nel caso del Lussemburgo (oltre 11.000 PPS per bambino). Tuttavia, questa cifra rischia di sovrastimare in modo significativo il vero livello di spesa per ogni bambino: gran parte (più di un quarto) di questi benefici sono forniti ai non residenti. Altrove in Europa, importi spesi nel 2013 variavano da più di 6.597 PPS per bambino in Germania a 924 PPS per bambino in Romania. Tra i paesi extracomunitari le cifre variavano da 6.328 PPS in Norvegia a soli 211 PPS in Turchia.
 
Alcune questioni metodologiche devono essere prese in considerazione quando si confrontano i dati sulla famiglia/ benefici per i bambini tra paesi:



16 maggio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy