Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 23 SETTEMBRE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Welfare day. Per Visintin (Federsanità): “Un'occasione di confronto mancata”

I primi interlocutori di questa trasformazione devono essere però le istituzioni locali e la governance della sanità. Questo tema, e la crescente rinuncia alla cure da parte degli italiani, sono stati al centro del “Welfare day” che si è svolto oggi a Roma. Sotto questo profilo, il convegno odierno ha fornito stimoli di un certo rilievo, benché in parte, sia apparso un'occasione mancata di confronto tra operatori e governance. 

07 GIU - Finalmente da qualche tempo anche in Italia si discute di welfare, ma soprattutto di come modernizzarlo.  Negli ultimi decenni, si è assistito ad una sempre maggiore crisi del welfare state, in senso tradizionale. Il graduale invecchiamento della popolazione ha difatti profondamente alterato gli equilibri demografici sottostanti allo stesso, aggravando i già acuti problemi di ordine finanziario.

Questi temi sono stati al centro del “Welfare day” che si è svolto oggi a Roma ed organizzato da Censis-Rbm. Il dibattito sviluppato ha disegnato una sanità italiana sempre “meno universale” che registra una spesa privata di 35,2 mld, ovvero +4,2% in tre anni. Queste sono le ragioni per cui milioni di italiani rinunciano addirittura alle cure.

La soluzione è coniugare sostenibilità, equità e promozione della salute. Bisogna programmare politiche strategiche per operare in maniera innovativa e rispondere ai crescenti bisogni di salute e benessere. I primi interlocutori di questa trasformazione devono essere però le istituzioni locali e la governance della sanità. "Senza un adeguato ed opportuno confronto - osserva Lucio D'Ubaldo, Segretario generale di Federsanità Anci - il rischio è di fotografare esperienze e condizioni parziali o riduttive, ma soprattutto individuare soluzioni non rispondenti ai cambiamenti socio sanitari in atto".


Sotto questo profilo, il convegno odierno ha fornito stimoli di un certo rilievo, benché in parte, con l'attenzione crescente della pubblica opinione, sia apparso un'occasione mancata di confronto tra operatori e governance.
 
Serena Visintin
Direttore Federsanità ANCI
 

07 giugno 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy