Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 31 OTTOBRE 2020
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Tumori. Scoperto nuovo biomarker predittivo dell’immunoterapia


L’immunoterapia sta rivoluzionando la cura del cancro. Intanto un gruppo di ricercatori anglo-americano ha identificato un nuovo bio-marcatore in grado di predire la risposta ai farmaci immunoterapici dei pazienti con tumore del polmone.

21 GIU - (Reuters Health) – Un gruppo di ricercatori inglesi e americani ha annunciato di aver scoperto un particolare marcatore cellulare del sistema immunitario in grado di predire con precisione se i pazienti con tumore possono rispondere bene alla terapia con i nuovi farmaci immunosoppressori.
 
La scoperta, riportata dalla rivista Nature Immunology, suggerisce che i medici e chi si occupa di sviluppare farmaci dovrebbero approcciare in modo “più intelligente” i pazienti che potrebbero beneficiare dei costosi farmaci innovativi che stanno rivoluzionando la cura del cancro, grazie alla loto capacità di aiutare il sistema immunitario a combattere i tumori ma che, al momento, funzionano solo in alcuni pazienti
 
L’attuale bersaglio di riferimento, ampiamente utilizzato quando si prescrive l’immunoterapia contro il cancro, è una proteina, chiamata PDL-1. Tuttavia molti esperti considerano PDL-1 come uno strumento “rozzo”, in quanto non corrisponde esattamente alla risposta farmacologica, e li ha portati a considerare altre strategie, come la qualità e la quantità delle mutazioni tumorali.

 

La scoperta
I ricercatrori dell’Università di Southampton e dell’Istituto di Immunologia de La Jolla , studiando pazienti con tumore del polmone con espressione di proteina PDL-1, ne hanno evidenziato il 34% in meno di probabilità di morire rispetto agli altri. “Dopo i primi passi con il test PDL-1 – dice Christian Ottensmeier, un ricercatore che ha partecipato alla realizzazione dello studio – possiamo e dobbiamo usare altri test. In molti tumori c’è il PDL-1, non solo in quello del polmone, per cui risponderanno all’immunoterapia, ma eseguire solo il test di questa proteina non è sufficiente”.
 
Il gruppo di ricerca prosegue le attività con ulteriori sperimentazioni cliniche per capire quanto il nuovo marcatore sia in grado di identificare pazienti che possono trarre beneficio dall’assunzione di nivolumab.
  
Fonte: Nature Immunology

Reuters Staff

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

21 giugno 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy