Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 26 LUGLIO 2017
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Oms: 214 milioni di donne vorrebbero evitare la gravidanza ma non usano alcun contraccettivo

Pubblicata la terza edizione della guida Oms per l'uso responsabile della contraccezione. Rivolta soprattutto alle donne dei Paesi in vi di sviluppo dove la mancata contraccezione porta spesso ad aborti a rischio. Una contraccezione sicura e responsabile, ricorda l'Oms, evita aborti a rischio e prevenendo gravidanze involontarie impedisce la morte di madri e bambini. LE RACCOMANDAZIONI OMS.

13 LUG - Meglio una contraccezione sicura che aborti a rischio. E per questo l’Oms, dopo la pubblicazione nel 2016  del documento sulle raccomandazioni di pratiche selezionate per l'uso contraccettivo (terza edizione), in cui si forniscono indicazioni su come utilizzare i metodi contraccettivi in modo sicuro ed efficace, ha annunciato di stare lavorando per promuovere la pianificazione familiare, producendo linee guida basate su prove, sicurezza e fornitura di servizi di metodi contraccettivi, sviluppando standard di qualità e la pre-qualificazione di prodotti contraccettivi e aiutando i paesi a introdurre, adattare e attuare questi strumenti per soddisfare le loro esigenze.
 
Secondo l’Oms, la pianificazione familiare consente alle persone di raggiungere il numero desiderato di bambini e di determinare le gravidanze attraverso l'uso di metodi contraccettivi e il trattamento dell'infertilità.
 
Questa la situazione secondo l’Organizzazione mondiale della sanità.
• 214 milioni di donne di età riproduttiva nei paesi in via di sviluppo vogliono evitare la gravidanza, ma non stanno utilizzando un moderno metodo contraccettivo;

• alcuni metodi di pianificazione familiare, come i preservativi, aiutano a prevenire la trasmissione di HIV e di altre infezioni sessualmente trasmesse.
• la pianificazione familiare/ contraccezione riduce la necessità di abortire ed evita in particolare gli aborto a rischio.
• la pianificazione familiare rafforza i diritti delle persone di determinare il numero dei loro figli.
• prevenendo la gravidanza involontaria, la pianificazione familiare/contraccettivo impedisce la morte di madri e bambini.
 
La promozione della pianificazione familiare e l'accesso ai metodi contraccettivi preferiti per le donne e le coppie è essenziale secondo l’Oms per garantire il benessere e l'autonomia delle donne, sostenendo la salute e lo sviluppo delle comunità.
 
Prevenire i rischi sanitari legati alla gravidanza
La capacità di una donna di scegliere se e quando restare incinta ha un impatto diretto sulla sua salute e il suo benessere. La pianificazione familiare permette la selezione delle gravidanze e può ritardare le gravidanze nelle giovani donne a maggior rischio di problemi di salute e di morte con una maternità precoce. In più previene gravidanze non intenzionali, incluse quelle delle donne anziane che affrontano un aumento dei rischi legati alla gravidanza.
 
La pianificazione familiare consente alle donne che vogliono limitare le dimensioni delle loro famiglie di farlo e il dato che riporta l’Oms è che le donne che hanno più di 4 bambini hanno un rischio maggiore di mortalità materna.
Riducendo i tassi di gravidanze non intenzionali, la pianificazione familiare riduce anche la necessità di un aborto non sicuro.
 
Ridurre la mortalità infantile
La pianificazione familiare può prevenire gravidanze e nascite a breve distanza le une dalle altre, che contribuiscono ad alcuni dei tassi di mortalità infantile più alti del mondo. I neonati delle madri che muoiono come risultato della nascita hanno anche un maggior rischio di morte e di cattiva salute.
 
Prevenire l'HIV/AIDS
La pianificazione familiare riduce il rischio di gravidanze non intenzionali tra le donne che vivono con l'HIV, con conseguente minor numero di bambini infetti e orfani. Inoltre, i preservativi forniscono a maschi e femmine una doppia protezione contro le gravidanze non intenzionali e contro le infezioni tra cui l'HIV.
 
Migliorare l'istruzione
La pianificazione familiare consente alle persone di fare scelte informate sulla loro salute sessuale e riproduttiva. La pianificazione familiare rappresenta un'opportunità per le donne di partecipare alla vita pubblica e di avere impieghi retribuiti in ambiti non familiari. Inoltre, avere famiglie più piccole permette ai genitori di investire di più su ogni bambino. I bambini con meno fratelli tendono a rimanere a scuola più a lungo di quelli con molti fratelli.
 
Ridurre le gravidanze adolescenziali
Adolescenti in gravidanza hanno maggiori probabilità di avere bambini prematuri. I nati da adolescenti hanno tassi più elevati di mortalità neonatale. Molte ragazze adolescenti che sono in gravidanza devono lasciare la scuola. Ciò ha implicazioni a lungo termine per loro, come individui, le loro famiglie e le comunità.
 
Rallentamento della crescita della popolazione
La pianificazione familiare è fondamentale per rallentare la crescita della popolazione altrimenti insostenibile e per evitare impatti negativi sull'economia, l'ambiente e gli sforzi di sviluppo nazionali e regionali.
 
Chi fornisce pianificazione familiare/contraccettivi
È importante che la pianificazione familiare sia ampiamente e facilmente accessibile per chiunque sia sessualmente attivo attraverso le ostetriche e gli altri operatori sanitari addestrati.
Le ostetriche sono addestrate per fornire (se autorizzate) metodi contraccettivi disponibili localmente e culturalmente accettabili. Altri operatori sanitari addestrati, ad esempio gli operatori sanitari della comunità, forniscono anche consulenza e metodi di pianificazione familiare, ad esempio pillole e preservativi. Per i metodi come la sterilizzazione, le donne e gli uomini devono essere indirizzati a un medico.
 
Uso del contraccettivo
L'uso del contraccettivo è aumentato in molte parti del mondo, in particolare in Asia e in America Latina, ma continua a essere basso nell'Africa sub-sahariana. Globalmente, l'uso della moderna contraccezione è leggermente aumentato, passando dal 54% nel 1990 al 57,4% nel 2015.
 
A livello regionale, la percentuale di donne di età compresa tra i 15 ei 49 anni che segnalano l'uso di un moderno metodo contraccettivo è aumentata tra il 2008 e il 2015. In Africa È passata dal 23,6% al 28,5%, in Asia è salita leggermente dal 60,9% al 61,8%, e in America Latina e nei Caraibi è rimasta stabile al 66,7%.
 
L'uso della contraccezione da parte degli uomini costituisce un sottoinsieme relativamente piccolo di questi tassi di prevalenza. I moderni metodi contraccettivi per gli uomini sono limitati ai preservativi maschili e alla sterilizzazione (vasectomia).
 
Il bisogno globale di contraccezione non soddisfatto
L'Oms ha anche analizzato il perchè del mancato ultizzo di un metodo contraccettivo, soprattuto da parte delle centinaia di milioni di donne dei Paesi in via di sviluppo che hanno dichiarato di non volere una gravidanza.
 
I motivi includono:
• scelta limitata di metodi;
• accesso limitato alla contraccezione, in particolare tra i giovani, i segmenti più poveri delle popolazioni, o le persone non sposate;
• paura o esperienza di effetti collaterali;
• problemi culturali o religiosi;
• scarsa qualità dei servizi disponibili;
• barriere di genere.
 
Il bisogno di contraccezione non soddisfatto rimane troppo elevato.
Questa iniquità è alimentata da una popolazione in crescita e da una carenza di servizi di pianificazione familiare. In Africa, il 24,2% delle donne in età riproduttiva ha un bisogno non soddisfatto della moderna contraccezione. In Asia, America Latina e Caraibi - regioni con prevalenza contraccettiva relativamente alta - i livelli di bisogno non soddisfatti sono rispettivamente del 10,2% e del 10,7 per cento.
 

 

13 luglio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy