Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 17 NOVEMBRE 2017
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

In Inghilterra la “disuguaglianza sanitaria sta crescendo”

Allarmi seri che se, alla ripresa dei lavori dopo la pausa estiva, istituzioni e politica non prenderanno in seria considerazione, l’autunno per il NHS si prospetta difficile e ricco di tensioni, in una Inghilterra in difficoltà immersa nel difficile percorso della Brexit

22 AGO - Il divario sanitario tra ricchi e poveri è in crescita in Inghilterra, secondo le cifre rilevate dal Dipartimento della Salute del ministero inglese. Nonostante le promesse governative di ridurre le disuguaglianze in settori quali l’aspettativa di vita e la sensibilità alla disabilità e alle malattie, coloro che vivono nelle aree più disagiate del paese hanno un maggior rischio di morte prematura, e di finire in ospedale come caso di emergenza. I diversi risultati di salute per i ricchi e i poveri erano stati stigmatizzati dal Premier Theresa May lo scorso anno come “un’ingiustizia che brucia sulla pelle della società inglese”.

I dati del dipartimento sanitario dimostrano che nei settori chiave il divario si è ampliato dal 2010 dopo un rallentamento del decennio precedente.

Sette anni fa l’aspettativa di vita per gli uomini nelle aree più indigenti dell’Inghilterra era di 9,1 anni meno rispetto a quelli delle aree più ricche. Nel 2015 la cifra era salita a 9,2 anni. Il divario equivalente per le donne povere inoltre è cresciuto nello stesso periodo da 6,8 anni a 7,1 anni. Le statistiche sono contenute nella relazione annuale del dipartimento sanitario, pubblicata questa estate.


David Buck, un ricercatore del Fondo del re e un esperto in salute pubblica e disuguaglianze sanitarie, ha affermato: “Sono dati sconvolgenti. È sconvolgente che viviamo in un paese sviluppato dove le diseguaglianze nella salute sono così ampie e stanno peggiorando”. “Per i più poveri del paese questo è un duro colpo perché si tratta di morte precoce e di una salute più povera mentre si è ancora vivi”. “Questo dovrebbe essere una sveglia per i ministri”. Ha affermato che la tendenza negativa indica che i ministri e il NHS non stanno adottando misure efficaci per porre fine a decenni di disuguaglianze nei risultati.

L’analisi è l’ultima prova delle disuguaglianze sanitarie in Inghilterra. La scorsa settimana, uno studio dell’Università di Manchester ha rivelato che le persone che vivono nel nord dell’Inghilterra avevano il 20% di probabilità di morire prima dell’età di 75 anni rispetto a quelli che vivevano nel sud.

Tenuto conto di 15 indicatori di salute riconosciuti come tali a livello internazionale i dati del dipartimento mostrano che i tassi di morte per cancro, attacchi di cuore, ictus sono in aumento tra i residenti dei posti più poveri rispetto a quelli in aree ricche. Il divario tra ricchi e poveri in relazione a “l’aspettativa di vita sana” - definita come una vita senza malattia o disabilità è recentemente aumentata di quasi 20 anni. L’accesso delle persone più povere ai servizi GP è anche peggiorato, così come la loro esperienza di assistenza ricevuta presso gli ambulatori GP.

Tom Cottam, responsabile politico del progetto del Ministero per la lotta contro il cancro ha espresso uno sgomento al “gap ineccepibile” socioeconomico nel rischio di morire dalla malattia. “Le possibilità di morte del cancro non dovrebbero dipendere da dove vivi ed il fatto che c’è una crescente differenza tra i gruppi nelle diverse zone del paese è una grave preoccupazione”, ha detto. “Il governo, l’NHS England e i servizi di cancro locale devono lavorare insieme per affrontare questa ingiustificata ingiustizia e migliorare i tassi di sopravvivenza per le persone con diagnosi di cancro, a prescindere da dove sono”.

Il professor Neena Modi, presidente del Royal College of Pediatrics and Child Health, ha dichiarato che le politiche governative hanno contribuito ad allargare le disuguaglianze sanitarie. “La salute nell’infanzia condiziona la salute per tutta la vita, i dati del Dipartimento della Salute mostrano che la disuguaglianza nella mortalità infantile si è allargata. Nel Regno Unito - uno dei paesi più ricchi del mondo - il divario tra ricchi e poveri sta crescendo e il problema comincia nell’infanzia”.
 
“Questi nuovi dati forniscono ulteriori prove che le politiche attuali non solo non riescono ad affrontare la salute, ma stanno peggiorando le cose. Il miglioramento incrementale della salute e del benessere della popolazione richiede una messa a fuoco e una determinazione chiara e sostenibile. Eppure la frammentazione perversa dell’assistenza sanitaria, la crescente deviazione dei fondi in fornitori for-profit e l’alienazione della forza lavoro sanitaria sono stati chiaramente evidenti negli ultimi mesi. C’è stato un fallimento delle politiche pubbliche per affrontare lo scandalo del cibo spazzatura, frenare l’inquinamento atmosferico e fornire assistenza sanitaria preventiva”.
 
Il NHS sta fallendo su tre sfide chiave: “Sta facendo troppo poco per gestire le persone con condizioni di cronicità, così come troppo poco si fa sul territorio per fermare i pazienti con condizioni acute che inevitabilmente finiscono In ospedale come ricoveri di emergenza e troppo poco per ridurre la mortalità precoce”.

Una portavoce del dipartimento ha dichiarato che le ineguaglianze sanitarie sono difficili da sradicare. “La disuguaglianza sanitaria è un’area impegnativa e complessa e profondamente radicata”.
 
Norman Lamb, segretario di salute ombra del partito liberale,
ha dichiarato: “Qualsiasi ampliamento delle disuguaglianze sanitarie può essere considerato solo un fallimento della politica e siamo impegnati a sviluppare un approccio per ridurre le disuguaglianze sanitarie del tutto inaccettabili. Il governo deve ora sviluppare una strategia nazionale chiara per ridurre le disuguaglianze sanitarie in via di urgenza”. “Le disuguaglianze sanitarie costano vite. Sebbene ci siano segni incoraggianti per i tassi di fumo più bassi, occorre chiaramente intervenire sui più grandi determinanti sociali della salute” altrimenti avremmo fallito il nostro compito.

Allarmi seri che se la ripresa dei lavori dopo la pausa estiva, da parte delle istituzioni e della politica non prenderanno in seria considerazione l’autunno per il NHS si prospetta difficile e ricco di tensioni in una Inghilterra in difficoltà immersa nel difficile percorso della Brexit.

Grazia Labate
ricercatore in economia sanitaria, già sottosegretario alla Sanità


22 agosto 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy