Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 20 NOVEMBRE 2017
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Oms: 125 milioni di persone nel mondo sono esposte all'amianto. I rischi e le azioni per eliminare le malattie correlate. Lo sviluppo dei programmi locali 

L'eliminazione delle malattie correlate all'amianto, secondo la scheda informativa appena pubblicata dall’Oms, dovrebbe avvenire: interrompendo l'uso di tutti i tipi di amianto; sostituendo l'amianto con sostituti più sicuri; adottando misure per prevenire l'esposizione all'amianto e durante la sua rimozione; migliorando la diagnosi precoce, il trattamento, la riabilitazione sociale e medica delle malattie legate all'amianto e creando registri di persone con esposizioni passate e / o correnti all'amianto. PROGRAMMI NAZIONALI PER L'ELIMINAZIONE DELLE MALATTIE LEGATE ALL'AMIANTOSALUTE DEI LAVORATORI: PIANO GLOBALE DI AZIONERISCHI GLOBALI DI SALUTEASBESTO-CRISOLITE.

28 AGO - Attualmente circa 125 milioni di persone nel mondo sono esposte all'amianto sul posto di lavoro. Nel 2004, il cancro polmonare, il mesotelioma e l'asbestosi provocati da esposizioni professionali hanno causato 107.000 morti e 1.523.000 anni di vita con disabilità. Inoltre, diverse migliaia di morti possono essere attribuite ad altre malattie legate all'amianto, nonché alle esposizioni non lavorative all'amianto.

 
L'eliminazione delle malattie correlate all'amianto, secondo la scheda informativa appena pubblicata dall’Oms, dovrebbe avvenire attraverso le seguenti azioni di sanità pubblica:
a. riconoscendo che il modo più efficace per eliminare le malattie legate all'amianto è quello di interrompere l'uso di tutti i tipi di amianto;
b. sostituendo l'amianto con sostituti più sicuri e sviluppando meccanismi economici e tecnologici per stimolare la sua sostituzione;
c. adottando misure per prevenire l'esposizione all'amianto e durante la sua rimozione  (abbattimento);
d. migliorando la diagnosi precoce, il trattamento, la riabilitazione sociale e medica delle malattie legate all'amianto e creando registri di persone con esposizioni passate e / o correnti all'amianto.
 
L’Oms definisce l’amianto come un gruppo di minerali fibrosi naturali, con utilità commerciale per la straordinaria resistenza alla trazione, la scarsa conduzione del calore e la relativa resistenza all'attacco chimico. Per questi motivi, l'amianto è utilizzato per l'isolamento negli edifici e come ingrediente di un certo numero di prodotti, quali tegole per coperture, linee di alimentazione idrica e coperte per fuoco e frizioni e fodere, guarnizioni e pastiglie per automobili.
 
Le principali forme di amianto sono crisotili (amianto bianco) e crocidolite (amianto blu). Altre forme includono l'amosite, l'anthophylite, tremolite e actinolite.
 
Tutte le forme di amianto sono cancerogene per gli esseri umani. L'esposizione all'amianto, compreso il crisotile, provoca cancro del polmone, della laringe e delle ovaie e anche del mesotelioma (cancro pleurico e peritoneale). L'esposizione all'amianto è anche responsabile di altre malattie come l'asbestosi (fibrosi dei polmoni) e le placche, l'ispessimento e l'effusione nella pleura.
 
Circa la metà delle morti da cancro professionale è stimata essere causata da amianto. Inoltre, si stima che diverse migliaia di decessi annualmente possano essere attribuiti all'esposizione all'amianto in casa.
 
È stato anche dimostrato che la coesposizione ai fumi del tabacco e alle fibre di amianto aumenta notevolmente il rischio per il cancro ai polmoni  e più è il fumo, maggiore è il rischio.
 
La risoluzione 58.22 dell'Assemblea mondiale sulla prevenzione del cancro sollecita gli Stati membri a prestare particolare attenzione ai tumori per i quali l'esposizione evitabile è un fattore, compresa l'esposizione a sostanze chimiche sul luogo di lavoro e nell'ambiente.
Con la risoluzione 60.26, l'Assemblea mondiale della sanità ha chiesto all'OMS di svolgere una campagna globale per l'eliminazione delle malattie legate all'amianto "... tenendo conto di un approccio differenziato per regolare le sue varie forme - in linea con gli strumenti giuridici internazionali pertinenti e le ultime prove Per interventi efficaci ... ". Gli interventi a basso costo per la prevenzione delle malattie polmonari occupazionali dall'esposizione all'amianto sono tra le opzioni politiche per l'attuazione del " Piano d'azione globale per la prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili " (2013-2020), come approvato dalla sesta sesta Assemblea in risoluzione WHA66.10 nel 2013.
 
L'eliminazione delle malattie correlate all'amianto è particolarmente mirata ai paesi che ancora usano l'amianto crisotile, oltre all'assistenza in relazione alle esposizioni derivanti dall'uso storico di tutte le forme di amianto.
 
L'Oms, in collaborazione con l'Organizzazione internazionale del lavoro e con altre organizzazioni intergovernative e la società civile, lavora con i paesi verso l'eliminazione delle malattie legate all'amianto:
riconoscendo che il modo più efficace per eliminare le malattie legate all'amianto è quello di interrompere l'uso di tutti i tipi di amianto;
fornendo informazioni sulle soluzioni per sostituire l'amianto con sostituti più sicuri e sviluppare meccanismi economici e tecnologici per stimolare la sua sostituzione;
adottando misure per prevenire l'esposizione all'amianto e durante la rimozione di amianto (abbattimento);
migliorando i servizi di diagnosi precoce, di trattamento e di riabilitazione per le malattie legate all'amianto;
La creazione di registri di persone con esposizioni passate e / o correnti all'amianto e l'organizzazione della sorveglianza medica dei lavoratori esposti; 
fornendo informazioni sui rischi associati a materiali e prodotti contenenti amianto e sensibilizzando la consapevolezza che i rifiuti contenenti amianto siano trattati come rifiuti pericolosi.
 
L'opposizione alla proposta di regolamentare l'amianto crisotile secondo la Convenzione di Rotterdam evidenzia tre grandi lacune rispetto alle prove scientifiche e alla politica globale di prevenzione delle malattie.
 
Il primo ostacolo riguarda decisioni politiche nel contesto dell'incertezza scientifica. Ad esempio, il rappresentante di un paese, secondo quanto riportato dall’Oms, ha sostenuto che non esistono dati scientifici sufficienti per sostenere l'amianto nell'ambito della convenzione di Rotterdam. Questa obiezione secondo l’Oms riflette una mancanza di comprensione delle complessità del processo scientifico e della variabilità intrinseca di fattori che contribuiscono al rapporto tra esposizioni tossiche ed effetti delle malattie. Ci sono piccole differenze nei risultati di studi osservazionali sugli effetti dell'esposizione all'amianto. Questi sono il risultato di complesse interazioni tra l'esposizione di amianto e fattori genetici, ambientali e sociali. La ricerca pubblicata in questo campo include studi condotti da laboratori che potrebbero avere un conflitto di interesse con l'industria dell'amianto. Questo complica ogni valutazione delle prove scientifiche. In pratica, una combinazione di diverse categorie di prove viene utilizzata per raggiungere decisioni politiche che proteggono le persone più vulnerabili. Il requisito proposto di consenso informato per l'uso del crisotile, aggiunge l’Oms, è basato su prove coerenti e affidabili da numerosi studi empirici e meccanici condotti da scienziati indipendenti.
 
Il secondo ostacolo è il ruolo delle valutazioni alternative nella selezione di materiali più sicuri utilizzati nei prodotti di consumo. Ad esempio, almeno due rappresentanti di paesi che si oppongono alla regolamentazione internazionale degli amianto-crisotili sostengono che materiali alternativi non sono stati sufficientemente testati per confrontare i rischi con la salute umana e con l'ambiente. Inoltre, è stato affermato che manca l'assistenza tecnica per i paesi che desiderano eliminare l'uso dell'amianto e sostituirlo con alternative più sicure. I metodi scientifici sviluppati per affrontare questo problema - inclusa la valutazione del ciclo di vita dei materiali e l'equivalenza funzionale - stanno lottando per fare confronti su caratteristiche molto diverse e potenziali impatti sulla salute e sull'ambiente. I metodi di valutazione devono anche confrontare una gamma di endpoint plausibili della malattia. Sebbene esistano legittime questioni scientifiche da risolvere con valutazioni alternative, queste non costituiscono, nel caso dell'amianto, motivi di bloccaggio delle procedure politiche che richiedono semplicemente il consenso informato. L'inclusione dell'amianto nell'ambito della Convenzione di Rotterdam aumenterebbe il ritmo della ricerca per scoprire materiali alternativi più sicuri e la loro adozione da parte delle industrie chiave.
 
Il terzo ostacolo nella traduzione delle prove scientifiche nella politica di prevenzione delle malattie, è la necessità di riconoscere i compromessi tra la sanità pubblica, lo sviluppo industriale, l'avanzamento economico, l'occupazione e l'autonomia politica. I rappresentanti dei paesi che si oppongono all'elenco dell'amianto sotto la Convenzione di Rotterdam riconoscono che questa inclusione non implica un divieto di produzione, ma sostengono che avrebbe un impatto negativo sul commercio internazionale e contribuirebbe alla disoccupazione. Senza il consenso politico, i regolamenti possono essere inefficaci poiché i detrattori identificano e utilizzano scappatoie e negoziazioni di backdoor per aggirare la politica internazionale. Ciò è avvenuto, ad esempio, con i rifiuti elettronici tossici e la Convenzione di Basilea per il controllo dei movimenti transfrontalieri e lo smaltimento di rifiuti pericolosi. Tuttavia, i paesi in via di avanzamento riescono a sopportare la pressione per proteggere gli interessi economici a scapito della salute pubblica. Ciò è esemplificato, conclude, dall'attuazione dei regolamenti più sicuri dei prodotti di consumo della California dopo cinque anni di osservazione e dibattito che riguardano questi compromessi.  
 
La diffusione dell'amianto


28 agosto 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy