Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 07 FEBBRAIO 2023
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Eurostat. Turnover della popolazione: Italia tra i fanalini di coda d’Europa per nascite/morti, ma anche per immigrazione/emigrazione


In valori assoluti (complessivi) nel 2016, il Lussemburgo (con un turnover totale di 84,6 per 1000 abitanti residenti) e Malta (81,1‰) hanno registrato i più alti tassi di turnover; Slovacchia (22,4 ‰) e Polonia (22,9 ‰) i più bassi, davanti all'Italia (24,2 ‰)

08 SET - Turnover demografico: vanno al massimo in Europa Lussemburgo e Malta, sono fanalini di coda Slovacchia e Polonia seguite dall’Italia.
Il turnover demografico delle popolazioni misura tutti i cambiamenti demografici: i "guadagni" (nascite e immigrazioni) e le "perdite" (morti ed emigrazione) delle persone.

È diverso secondo Eurostat che lo analizza per gli Stati europei al 2016, dal "saldo netto della popolazione " che significa semplicemente la differenza tra le dimensioni della popolazione in due diversi punti nel tempo.

Il valore aggiunto della misura del turnover della popolazione è secondo Eurostat spiegabile così: una certa popolazione potrebbe apparire relativamente stabile, tuttavia la sua composizione è comunque soggetta a cambiamenti. Il turnover quindi valuta le dinamiche demografiche e aiuta a capire cosa stia cambiando nella struttura della popolazione anche se il numero totale di persone rimane pressoché uguale.
Per consentire il confronto tra paesi, Eurostat utilizza il rapporto per 1000 abitanti residenti relativo alla popolazione di ciascuno Stato membro.

Nel 2016, il Lussemburgo (con un turnover totale di 84,6 per 1000 abitanti residenti) e Malta (81,1‰) hanno registrato i più alti tassi di turnover della popolazione. Sono seguiti a distanza da Cipro (55,4‰), Austria (53,1‰), Germania (52,9‰), Irlanda (50,5‰) e Lituania (49,6‰).
Al contrario, sul versante opposto c’è la Slovacchia (22,4 ‰) e la Polonia (22,9 ‰), che  hanno registrato i più bassi tassi di crescita della popolazione, davanti all'Italia (24,2 ‰), al Portogallo (25,8%) e alla Repubblica Ceca (26,1 ‰).

Analizzando i componenti del turnover della popolazione, nel 2016, la Lettonia, la Lituania e la Bulgaria avevano i più alti tassi di turnover naturale (somma di nascite e decessi), mentre Lussemburgo e Malta avevano i più alti volumi di migrazione (somma di immigrazione e di emigrazione).

L’Italia in questo senso ha fatto registrare un basso tasso di turnover per nascite e decessi (tra i più bassi: 18‰ contro la media Ue28 di 20‰) e un ancora più basso  tasso di turn over per immigrazione/emigrazione (6,3‰).
 

 


08 settembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy