Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 23 SETTEMBRE 2017
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Onu: più di un miliardo di persone vivono in zone degradate e sono a rischio fame

A causa di deforestazione, sfruttamento del suolo, siccità e inondazioni, sempre più persone potrebbero migrare dalle zone rurali, abbandonando i campi, fondamentali per sfamare la popolazione in crescita.
 

13 SET - (Thomson Reuters Foundation) – Sono più di 1,3 miliardi le persone che vivono su terreni agricoli in fase di deterioramento e sarebbero a rischio di soffrire di fame, carenza d'acqua e povertà. È quanto ha affermato ieri la United Nations Convention to Combat Desertification (Unccd), che promuove una buona gestione del suolo e rappresenta l'unico accordo internazionale vincolante sulle questioni relative ai terreni.
 
L'uso delle risorse naturali sarebbe raddoppiato negli ultimi 30 anni. Un terzo del pianeta è attualmente gravemente degradato e ogni anno 15 miliardi di alberi e 24 miliardi di tonnellate di terreno fertile vengono persi, secondo quanto dichiarato dalla Unccd. Pradeep Monga, vice segretario esecutivo di Unccd, ha spiegato che la deforestazione, lo sfruttamento, le inondazioni e la siccità, fanno sì che i terreni diventino meno produttivi. Le persone sono così costrette ad abbandonare le zone rurali per migrare nelle città o all'estero, il che rappresenta un duro colpo per le economie dei Paesi.
 
Se non si risolve il problema della degradazione del terreno “non si uscirà da un circolo vizioso in cui le persone stanno perdendo i loro mezzi di sussistenza, le loro case e i loro campi”, ha dichiarato Monga. E se la quantità di terreni produttivi si riduce, saranno meno disponibili le terre da coltivare per alimentare la popolazione mondiale, che si prevede aumenterà a più di nove miliardi di persone entro il 2050, dai sette miliardi attuali.

 
Piccole scelte come ridurre i rifiuti alimentari, migliorare lo sfruttamento del suolo, gestire in modo più intelligenti le fattorie e adottare politiche nazionali per fermare il degrado possono fare la differenza, ha spiegato Monga. La Cina, per esempio, che ha introdotto la prima legge mondiale per prevenire e contrastare la desertificazione nel 2002, ha reso verdi migliaia di ettari di deserto nella Mongolia Interna, con il risultato di avere più cibo, più posti di lavoro e una vita migliore per le popolazioni locali.
 
La siccità degrada la terra, ma se i Paesi hanno buoni programmi e agiscono per contrastarla, allora per persone possono essere protette”, ha concluso.

Fonte: Unccd
 
Alex Whiting

(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Popular Science)

13 settembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy