Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 20 OTTOBRE 2017
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Eurostat. Il 37% di morti nell’Ue è per patologie cardiocircolatorie. Prima la Bulgaria (66%), in coda la Danimarca (24%), l’Italia (36.78%) è in media Ue. Il 29 settembre giornata mondiale del cuore

Statistiche Eurostat sui decessi per patologie cardiocircolatorie in occasione della giornata modniale del cuore (29 settembre): Le donne (994.600 morti) sono state più colpite degli uomini (838.100). Inoltre, le malattie cardiache fatali sono state responsabili del 40% di tutte le morti della popolazione dell'Ue oltre i 65 anni e per meno di un quarto (22%) per la popolazione più giovane (di età inferiore ai 65 anni).

28 SET - Le malattie del sistema circolatorio sono state nel 2014 causa di morte per 1,833 milioni di persone nell'Unione europea: oltre un terzo (37%) di tutte le morti nell'Ue.

Le donne (994.600 morti) sono state più colpite degli uomini (838.100). Inoltre, le malattie cardiache fatali sono state responsabili del 40% di tutte le morti della popolazione dell'Ue oltre i 65 anni e per meno di un quarto (22%) per la popolazione più giovane (di età inferiore ai 65 anni).

Gli attacchi cardiaci sono rimasti il ​​principale tipo di patologia cardiaca fatale nell'Ue e hanno portato alla morte di quasi 623.100 persone (il 34% di tutte le morti causate da malattie del sistema circolatorio), mentre gli ictus hanno ucciso quasi 422.000 persone (il 23% ).

Eurostat pubblica le statistiche sulle morti per patologie cardiache in occasione della giornata mondiale del cuore del 29 settembre.

Malattie cardiache e ictus sono stati la causa di due terzi di tutte le morti in Bulgaria (66%) e di oltre 1 su 2 decessi in Romania (59%), Lettonia (57%), Lituania (56%), Estonia (53%) e Ungheria (50%).


Al contrario, le malattie del sistema circolatorio hanno rappresentato un quarto o meno di tutte le cause di morte in Danimarca (24%) e in Francia (25%) e meno di un terzo nel Regno Unito (27%), nei Paesi Bassi ( 28%), Belgio (29%), Irlanda e Spagna (entrambi del 30%), Lussemburgo e Portogallo (entrambi del 31%).

In quasi tutti gli Stati membri dell'Ue le malattie del sistema circolatorio hanno ucciso più donne rispetto agli uomini. La Slovenia (60%), l'Estonia (59%), la Lettonia, la Lituania, l'Austria (58%) e (57%) sono stati gli Stati membri che hanno registrato le percentuali maggiori di donne decedute per tutte le malattie cardiache fatali nel 2014.

Il dato dell’Italia fornito nella classifica Eurostat pone il nostro paese esattamente nella media Ue con il 37% (il 36,78% per essere esatti) di decessi per questo tipo di patologie che rappresenta il 12% delle morti nell’Ue per patologie cardiocircolatorie . Anche in Italia le più colpite (56,37%) sono le donne mentre gli uomini si fermano al 43,63 per cento.

 

 


28 settembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy