Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 23 NOVEMBRE 2017
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Il cambiamento climatico entro il 2050 potrebbe causare 250mila morti in più all’anno.  Intesa Oms-Onu per combatterlo

L'accordo coincide con la conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico (COP23) a Bonn e ha come obiettivo la necessità di garantire che i paesi con un'infrastruttura sanitaria debole o inadeguata ricevano un sostegno per proteggere la salute umana e costruire la resilienza del clima per rispondere a tali minacce. Eventi climatici estremi e clima variabile influenzano l'aria pulita, l'acqua potabile sicura, la sicurezza alimentare e il riparo sicuro  e potrebbero causare circa 250.000 morti in più all'anno oltre lo stress, la malnutrizione, la diarrea e la malaria, tra il 2030 e il 2050. L'ACCORDO - LA GUIDA OMS - ATLANTE SULLA SALUTE DEI BAMBINI E L'AMBIENTE.

14 NOV - L' Oms e il segretariato delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico (UNFCCC) hanno firmato il 12 novembre  un nuovo memorandum d'intesa per rinnovare l'impegno comune delle due istituzioni per affrontare le sfide di salute pubblica che emergono dalle crescenti temperature e per aiutare i paesi ad aumentare l'efficienza della loro risposta cambiamento climatico.

L'accordo coincide con la conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico (COP23) a Bonn e ha come obiettivo la necessità di garantire che i paesi con un'infrastruttura sanitaria debole o inadeguata ricevano un sostegno per proteggere la salute umana e costruire la resilienza del clima per rispondere a tali minacce.

La firma del documento riconosce che la protezione e il miglioramento della salute costituisce un pilastro essenziale dello sviluppo sostenibile, che richiede la più ampia cooperazione possibile da tutti i paesi e da altri soggetti interessati.

Patricia Espinosa, segretario esecutivo del cambiamento climatico delle Nazioni Unite, ha dichiarato: "Sono lieto che le nostre due istituzioni stiano accrescendo il rapporto sia ai livelli più alti che a quelli più orientati all'azione. L'accordo sul cambiamento climatico di Parigi ha bisogno di tutte le forze se vogliamo garantire un mondo sano e cittadini sani adesso e in futuro ". "Molte persone sperimentano il cambiamento climatico attraverso gli impatti sulla loro salute, dall'inquinamento atmosferico e dalle onde di calore alla contaminazione dell'acqua potabile a eventi meteorologici estremi. Se insieme e con molti partner possiamo realizzare gli obiettivi climatici del mondo, possiamo anche svolgere il nostro ruolo per una grande spinta sanitaria a miliardi di persone ", ha detto.

Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms, ha dichiarato: "Il cambiamento climatico è una delle minacce più urgenti per la salute pubblica del nostro tempo. La salute delle generazioni future ovunque dipende da tutti noi che lavoriamo insieme per intraprendere azioni concrete oggi". L’Oms in questo senso ha pubblicato una guida su “Prevenire la malattia attraverso ambienti sani. Una valutazione globale dell'onere della malattia da rischi ambientali”

La collaborazione avviene in un momento in cui il cambiamento climatico costituisce una minaccia significativa per la salute pubblica. Eventi climatici estremi e clima variabile influenzano l'aria pulita, l'acqua potabile sicura, la sicurezza alimentare e il riparo sicuro  e potrebbero causare circa 250.000 morti in più all'anno oltre lo stress, la malnutrizione, la diarrea e la malaria, tra il 2030 e il 2050.

L'accordo garantirà che la salute sia rappresentata nell'agenda globale del cambiamento climatico, consentendo alle due istituzioni di adottare un approccio più integrato e intersettoriale per migliorare la salute globale e contribuire all'attuazione dell'accordo di Parigi.

Il MoU (Memorandum of Understanding di Rio) fornirà un quadro comune per la collaborazione strategica tra l'Oms e l'UNFCCC per sostenere la creazione di capacità, in particolare nel mondo in via di sviluppo, e aiutare i paesi a ridurre la vulnerabilità alla salute ai cambiamenti climatici:

• fornire indicazioni sui rischi per la salute derivanti dai cambiamenti climatici e beneficiare delle politiche di attenuazione;
• migliorare la capacità dei paesi di affrontare la salute nei piani nazionali di azione sul clima e nei piani nazionali di adattamento;
• sostenere l'integrazione dei rischi climatici nell’ambito dell’azione  Oms sulla politica sanitaria e sui programmi anche in materia di salute ambientale con il rafforzamento del sistema sanitario e la preparazione alle catastrofi;
• informare i responsabili delle politiche in materia di clima e di salute, i professionisti, la società civile e il grande pubblico per la comunicazione e la prevenzione dei rischi climatici;
• monitoraggio e segnalazione dell’entità e della natura degli investimenti nella protezione della salute dai rischi climatici e dello sviluppo che promuove la salute, riduce le emissioni di carbonio e aumenta la resilienza agli impatti del cambiamento climatico;
• misurare il progresso che i paesi stanno facendo per proteggere la salute dai cambiamenti climatici.
 
MAPPA INTERATTIVA OMS SULL'INQUINAMENTO DELL'ARIA
 

 

 


14 novembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy