Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 21 AGOSTO 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Disturbi mentali nell’Ue-28 responsabili del 3,7% di tutti i decessi (Italia a 2,9%). Negli uomini tasso autolesionismo 4 volte maggiore delle donne

L’analisi Eurostat indica per l’Italia un tasso di autolesionismo del 6,3 per centomila abitanti (in Lituania si supera il 31% mentre  Cipro si ferma al 4,5 per 100.000 abitanti.  Nel nostro paese il minore numero di letti per assistenza psichiatrica dell’Ue: 9 per 100mila abitanti.

26 GEN - Nel 2014 ci sono stati 183mila decessi nell'Ue-28 derivanti da disturbi mentali e comportamentali, equivalenti al 3,7% di tutti i decessi. La proporzione di decessi nel Regno Unito (8,2%) e nei Paesi Bassi (7,4%) da disturbi mentali e comportamentali era almeno il doppio della media Ue-28, mentre i disturbi mentali e comportamentali hanno inciso per almeno 1 su 20 decessi in Svezia, Danimarca e Lussemburgo. Il 7,7% di tutti i decessi in Svizzera è stato attribuito anche a disturbi mentali e comportamentali.
 
Tassi di mortalità standardizzati - disturbi mentali e comportamentali selezionati e malattia di Alzheimer, residenti, 2014
(per 100.000 abitanti) 


Al contrario, meno dell'1,0% di tutti i decessi proveniva da disordini mentali e comportamentali in sei degli Stati membri dell'Ue, con lo 0,1% in Romania e Bulgaria. L’Italia era al 2,9 per cento.

Una percentuale maggiore di donne (rispetto agli uomini) nell'Ue-28 è deceduta per disturbi mentali e comportamentali (4,7% delle donne rispetto al 2,8% degli uomini) e questo vale nella maggior parte degli Stati membri dell'Ue. La percentuale è maggiore nei Paesi Bassi e nel Regno Unito, dove la differenza tra i sessi era superiore a 4,0 punti percentuali. Al contrario, una percentuale più elevata del numero totale di decessi tra gli uomini (piuttosto che le donne) è stata attribuita a disturbi mentali e comportamentali in Slovenia, Estonia, Polonia e Austria. In Bulgaria, Lettonia e Romania le azioni erano simili per uomini e donne.

Il tasso di mortalità standardizzato dell'Ue-28 per disturbi mentali e comportamentali è stato di 38,3 decessi ogni 100 000 abitanti nel 2014. Il tasso di mortalità per gli uomini era solo leggermente superiore a quello delle donne. Questo vale nella maggior parte degli Stati membri dell'Ue, in particolare in Lussemburgo e Slovenia, dove la differenza era di almeno 15,0 morti ogni 100 000 abitanti.

Il tasso di mortalità standardizzato per disturbi mentali e comportamentali era più alto per le donne (rispetto agli uomini) in Italia, Spagna, Grecia, Irlanda, Paesi Bassi, Svezia, Malta, Regno Unito, e soprattutto a Cipro dove la differenza nelle tariffe era di 10,2 decessi per 100.000 abitanti.

Le morti in giovane età possono essere considerate premature. I disturbi mentali e comportamentali erano una causa particolarmente comune di morte in età avanzata. Il tasso di mortalità standardizzato dell'Ue-28 per i disturbi mentali e comportamentali per gli ultrasessantacinquenni era 55 volte più alto del tasso di mortalità standardizzato per le persone di età inferiore a 65 anni; questo può essere confrontato con lo stesso rapporto per tutte le cause di morte, in cui il tasso di mortalità per quelli di 65 anni e oltre era 20 volte più alto.

 
Cause di morte - disturbi mentali e comportamentali, residenti, 2014 

 

Tra i disturbi mentali e comportamentali, la demenza (compresi i dati per il morbo di Alzheimer) è stata la causa di morte più importante nell'Ue-28, anche se in Lettonia e Slovenia le morti dovute all'uso di alcol erano più comuni tra gli uomini.

Le principali cause di morte per disturbi mentali e comportamentali tra uomini e donne sono state la demenza e il morbo di Alzheimer. Tuttavia, il tasso di mortalità standardizzato per disturbi mentali e comportamentali dovuto all'uso di alcol è stato anche relativamente alto in alcuni Stati membri dell'Ue, in particolare tra gli uomini in Danimarca, Slovenia, Lettonia, Croazia, Germania e Austria.

I tassi di mortalità standardizzati per altri disturbi mentali e comportamentali erano relativamente bassi per uomini e donne, con tassi inferiori a 5,0 su 100.000 abitanti in tutti gli Stati membri dell'Ue tranne uno. L'eccezione a questo modello è stata la Croazia, dove il tasso per gli uomini era pari a 10,9 per 100.000 abitanti e quello per le donne era pari a 13,2 ogni 100.000 abitanti.

I tassi di mortalità standardizzati per tossicodipendenza e tossicomania erano ancora più bassi, con tassi nella maggior parte degli Stati membri dell'Ue inferiori a 1,0 ogni 100.000 abitanti. Le uniche eccezioni a questo modello sono state registrate in Austria e Germania per gli uomini e Lussemburgo per le donne.

Gli uomini hanno quasi quattro volte più probabilità delle donne di morire per autolesionismo intenzionale.

 
Tassi di mortalità standardizzati - autolesionismo intenzionale, residenti, 2014 (per 100.000 abitanti) 


Nel 2014, il tasso di mortalità standardizzato per autolesionismo intenzionale era di 11,3 per 100.000 abitanti per l'Ue-28, con un tasso per gli uomini di quasi quattro volte superiore a quello delle donne. La comparabilità dei dati sulle autolesioni intenzionali è però limitata a causa di una sottostima dei suicidi in alcuni Stati membri dell'Ue (probabilmente a causa di stigma culturale e altri motivi).

Il tasso di mortalità standardizzato più elevato per autolesionismo intenzionale tra gli Stati membri dell'Ue è stato registrato in Lituania (31,5 per 100.000 abitanti), seguita a una certa distanza da Ungheria, Lettonia, Slovenia ed Estonia, ciascuna con tassi compresi tra 18,3 e 19,4. per 100.000 abitanti.

I tassi compresi tra 8,2 e 17,3 per 100.000 abitanti sono stati registrati per la maggior parte degli altri Stati membri dell'Ue, con il Regno Unito (7,1 per 100.000 abitanti), l'Italia (6,3 per 100.000 abitanti), la Grecia (5,0 per 100.000 abitanti) e Cipro (4,5 per 100.000 abitanti) al di sotto di questo intervallo.

In tutti gli Stati membri dell'Ue, i tassi di mortalità standardizzati per autolesionismo intenzionale per gli uomini erano più alti di quelli delle donne, da 2,2 volte più alti in Svezia a 6,9 volte più alti in Polonia, con la maggiore differenza assoluta in Lituania dove il tasso per le donne era 9,4 per 100.000 abitanti e il tasso per gli uomini era 59,0 per 100.000 abitanti.

Il tasso di mortalità standardizzato per autolesionismo intenzionale nell'Ue-28 era più alto per le persone di età pari o superiore a 65 anni (16,8 per 100.000 abitanti) rispetto ai giovani (9,9 per 100.000 abitanti). Questa situazione è stata osservata in tutti gli Stati membri dell'Ue ad eccezione di Polonia, Regno Unito e Irlanda dove i tassi per i giovani erano più alti di quelli per gli anziani.

Le donne hanno riportato disturbi depressivi più spesso degli uomini.

Nel 2014, il 7,1% della popolazione dell'Ue-28 ha riferito di avere una depressione cronica. Con il 12,1%, l'Irlanda è in testa alla classifica. La percentuale di persone che denunciavano depressione era inferiore al 4,0% nella Repubblica ceca, a Cipro, in Bulgaria e in Romania.

La percentuale di persone con disturbi depressivi era più alta per le donne che per gli uomini in ciascuno degli Stati membri dell'Ue. La percentuale di donne che hanno riferito di depressione cronica ha raggiunto il picco in Portogallo al 17,2%, il che ha contribuito a registrare il maggiore divario di genere (la quota di donne portoghesi che denunciavano depressione cronica era di 11,3 punti percentuali in più rispetto alla quota corrispondente per gli uomini). Divari di almeno 5,0 punti percentuali sono stati registrati anche in Spagna, Lettonia e Svezia.

Per gruppi di età, la percentuale di persone che segnalano la depressione è generalmente aumentata con l'età. Nel 2014 c'era una prevalenza relativamente alta di depressione cronica tra i giovani (rispetto alla maggior parte delle altre malattie).

L'unica eccezione era per la classe compresa tra 65-74 anni, in cui la prevalenza della depressione era inferiore a quella per le persone di età compresa tra 45-54 e 55-64 anni.

In 15 Stati membri dell'Ue, la depressione cronica auto-percepita ha raggiunto il picco nella fascia di età pari o superiore a 75 anni e in altri sette Stati membri è stata la più alta tra le persone di età compresa tra 55 e 64 anni.

In Portogallo, più di una persona su cinque tra i 65 ei 74 anni ha riferito di avere una depressione cronica.

Al contrario, le più alte percentuali di persone che hanno riportato depressione cronica in Svezia sono state tra quelle di età compresa tra 25 e 34 anni (13,1%), mentre in Danimarca era tra i 35-44 anni (9,8%).

Nel 2015, c'erano 3,5 milioni di pazienti ricoverati con disturbi mentali e comportamentali che sono stati dimessi dagli ospedali nell'Ue (dati 2014 per Belgio, Danimarca ed Estonia, nessun dato recente per Grecia o Paesi Bassi).

Le dimissioni di pazienti trattati per disturbi mentali e comportamentali hanno rappresentato il 7,6% del numero totale di dimissioni ospedaliere in Svezia, il 7,5% in Lettonia e Lussemburgo e il 7,2% in Finlandia, mentre queste malattie rappresentavano meno dell'1,0% di tutti gli scarichi di ricovero in Irlanda (dati 2014).

 
Tassi di dimissione ospedaliera per degenti con disturbi mentali e comportamentali, 2015 (per 100.000 abitanti) 

 
Rispetto alla dimensione della popolazione, Germania, Austria, Romania, Lituania e Finlandia hanno registrato il maggior numero di dimessi ospedalieri per disturbi mentali e comportamentali, circa 1,2-1,7mila per 100.000 abitanti, oltre 10 volte più alti rispetto al rapporti equivalenti per Irlanda e Cipro, dove sono stati registrati i rapporti più bassi.

Durata media del soggiorno particolarmente lunga per degenti con disturbi mentali e comportamentali.

 
Durata media del ricovero in ospedale per disturbi mentali e comportamentali e malattia di Alzheimer, 2010 e 2015 (giorni)


In tutta l'Ue pazienti ricoverati con disturbi mentali e comportamentali hanno trascorso 83,1 milioni di giorni in ospedale.

Nel 2015, la durata media delle degenze ospedaliere per degenti ricoverati per disturbi mentali e comportamentali era compresa tra 5,8 giorni in Francia e 9,5 giorni in Belgio (dati 2014) fino a oltre 40,0 giorni nella Repubblica Ceca e a Malta. Per la maggior parte degli Stati membri dell'Ue questi erano i periodi di permanenza media più lunghi di tutte le categorie nella lista internazionale per la tabulazione di morbilità in ospedale , a eccezione di Cipro, Francia e Irlanda.

Per 16 dei 26 Stati membri dell'Ue per i quali sono disponibili dati, la durata media di una degenza ospedaliera per le persone trattate per disturbi mentali e comportamentali è diminuita tra il 2010 e il 2015. Le maggiori riduzioni sono state registrate a Cipro, in Finlandia, nel Regno Unito e nella Repubblica ceca (dove la permanenza media è diminuita di 12,5 giorni). Dei 10 Stati membri che hanno registrato un aumento del tempo medio trascorso in ospedale per queste malattie, gli aumenti sono stati costantemente inferiori a 4 giorni, tranne a Malta, dove la durata media del soggiorno è passata da 34,4 giorni a 47,3 giorni (aumento di 12,9 giorni).

I dati per i pazienti ricoverati per il morbo di Alzheimer sono di nuovo inclusi nei dati per la demenza. In generale, i pazienti ricoverati con schizofrenia, disturbi schizotipici e deliranti e con demenza e malattia di Alzheimer hanno trascorso il più alto numero medio di giorni in ospedale, mentre quelli con disturbi legati all'uso di alcol o sostanze psicoattive generalmente trascorrevano meno tempo in ospedale.

Numero in calo di letti psichiatrici negli ospedali ma un numero crescente di psichiatri.

 
Letti ospedalieri - letti di assistenza psichiatrica, 2010 e 2015 (per 100.000 abitanti) 

 
Nel 2015, nell'Ue-28 c'erano 367mila letti di assistenza psichiatrica negli ospedali, equivalenti al 14,0% di tutti i letti d'ospedale. Questa quota ha superato un quarto nei Paesi Bassi (30,3%, dati 2013), Belgio (28,1%) e Malta (27,9%), mentre era inferiore a un decimo in Polonia (9,8%), Bulgaria (9,5%), Austria (8.1 %), Cipro (6,4%) e Italia (2,9%).

Nel 2015 c'erano 72 letti ospedalieri per assistenza psichiatrica per 100.000 abitanti nell'Ue, pari al 14% di tutti i letti d'ospedale.

Il Belgio con 174 posti letto per cure psichiatriche per 100.000 abitanti aveva la quota maggiore, seguita da Malta (132) e Germania (127). Sul versante opposto l'Italia (9 letti di assistenza psichiatrica per 100.000 abitanti), Cipro (22) e Irlanda (35).

Nel 2015 c'erano circa 87mila psichiatri nei 26 Stati membri dell'Ue per i quali sono disponibili dati (dati 2014 per Danimarca e Svezia, dati 2013 per la Repubblica ceca, nessun dato recente per l'Ungheria o la Slovacchia).

 
Numero di psichiatri, 2010 e 2015 (per 100.000 abitanti) 

 
Nella maggior parte degli Stati membri dell'Ue la proporzione di persone che avevano consultato uno psicologo negli ultimi 12 mesi era più alta per le donne che per gli uomini: in Bulgaria e Romania le proporzioni erano quasi le stesse. La più grande differenza di genere era nella Repubblica Ceca, dove la percentuale di donne che avevano consultato uno psicologo era più del doppio della quota per gli uomini.

26 gennaio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy