Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 17 AGOSTO 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Cancro. Nei Paesi emergenti calcolati per la prima i costi della perdita di produttività: nel 2012 in fumo 46 miliardi di dollari 

Guidato dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) in collaborazione con i principali istituti di ricerca sul cancro di questi paesi, il nuovo studio pubblicato sulla rivista Cancer Epidemiology  dimostra che le perdite di produttività in Brasile, Federazione Russa, India, Cina e Sud Africa, conosciuti collettivamente come i paesi BRICS, hanno raggiunto 46,3 miliardi di dollari nel 2012.

05 FEB - Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Cancer Epidemiology valuta per la prima volta il costo della produttività persa a causa di morti premature per cancro in diversi importanti economie emergenti.

Guidato dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) in collaborazione con i principali istituti di ricerca sul cancro di questi paesi, lo studio dimostra che la perdita di produttività in Brasile, Federazione Russa, India, Cina e Sud Africa, conosciuti collettivamente come i paesi BRICS, hanno raggiunto 46,3 miliardi di dollari nel 2012.

"Lo studio dell'impatto economico del cancro nelle economie in rapido sviluppo evidenzia l'urgenza di affrontare i tumori prevenibili in questi paesi e l'alto costo del cancro non solo in termini di vite ma anche in termini del suo impatto sull'economia ", dice l'autore principale dell'articolo, Alison Pearce.

I paesi BRICS rappresentano oltre il 40% della popolazione mondiale, il 25% del totale lordo globale prodotto interno (Pil) e il 42% delle morti per cancro nel mondo.


Anche se hanno diversi livelli di ricchezza e indicatori di salute, i paesi BRICS hanno tutti subìto un aumento demografico particolarmente rapido e una rapida crescita economica.

I loro cittadini sono affetti da tumori correlati alle infezioni e tumori associati a cambiamento dello stile di vita (cambiamenti nella dieta, mancanza di attività fisica, obesità, schemi riproduttivi, ecc.).
In tutti i paesi BRICS, il cancro del fegato e il cancro del polmone hanno il maggiore impatto sulla produttività totale perduta. La più grande perdita totale di produttività (28 miliardi di dollari) era in Cina, che è particolarmente colpita dal cancro del fegato.

L'infezione da virus dell'epatite B e l'esposizione alimentare alle aflatossine sono i principali fattori che contribuiscono a questa perdita di produttività. Nella Federazione Russa, il notevole contributo del cancro al fegato e dei tumori della testa e del collo a la mortalità precoce del cancro nel complesso era probabilmente associata ad un consumo elevato di alcol.

L'impatto del fumo di tabacco sulla mortalità per cancro del polmone è stato osservato anche in Sudafrica e in Brasile.

Nonostante il successo delle politiche di controllo del tabacco, come quelle attuate in Brasile, il tabacco rimane un significativo fattore di rischio in questi paesi e in futuro è atteso l'aumento delle perdite di produttività legate al tabacco.

In India, l'uso del tabacco da masticare era una delle principali cause di perdita economica dovuta a premature mortalità da tumori del labbro e della cavità orale.
Altri fattori di rischio legati allo stile di vita hanno anche dimostrato di avere un effetto sul carico del cancro, come ad esempio aumentando rapidamente i tassi di obesità in Brasile.

"Le politiche per incoraggiare i cambiamenti dello stile di vita per ridurre il rischio di cancro nei paesi BRICS potrebbero essere importanti impatti economici e in definitiva sociali ", afferma Isabelle Soerjomataram della sezione IARC per la Sorveglianza sul cancro. "Il nostro studio mostra anche l'enorme vantaggio economico di implementare una prevenzione efficiente strategie per ridurre il grande carico di tumori associati all'infezione, per esempio".

Il grande potenziale in termini di benefici economici derivanti dall'introduzione o dalla crescente copertura della vaccinazione include vaccini contro il virus dell'epatite B, per la prevenzione del cancro del fegato, nonché contro l'uomo papillomavirus (HPV), per la prevenzione del cancro cervicale e potenzialmente altri anogenitali e cancri orofaringei.
Il cancro cervicale ha un grande impatto economico tra le donne in tutti i paesi BRICS (1,6 miliardi di dollaro l'anno), in particolare in Sud Africa.

Le prove sul potenziale costo da ritardi nell'attuazione dei programmi di immunizzazione, come la vaccinazione contro l'HPV, meritano considerazione pianificazione della politica di controllo del cancro.

"Lo studio dimostra l'importanza economica di attività mirate di prevenzione primaria incorporate in politiche nazionali di controllo del cancro. Concentrandosi sul controllo del tabacco, i programmi di vaccinazione e lo screening per il cancro, combinato con l'accesso a un'adeguata terapia antitumorale, produrrebbe una salute significativa e guadagni economici per i paesi BRICS ", afferma il direttore della IARC Christopher Wild. "Investire in base alle evidenze in interventi preventivi come parte dei piani nazionali di controllo del cancro non è solo economicamente vantaggiosi e salvavita, ma anche una potente leva per uno sviluppo economico sostenibile".
 

05 febbraio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy