Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 17 AGOSTO 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Ogni anno un miliardo di minori subisce violenza. Ecco il piano INSPIRE dell’Oms. Sette strategie per stroncare una piaga planetaria

La violenza contro i bambini può essere prevenuta. Prevenire e rispondere alla violenza sui bambini richiede che gli sforzi affrontino sistematicamente i fattori di rischio e di protezione in tutti e quattro i livelli di rischio interconnessi (individuo, relazione, comunità, società). Oggi a livello globale fino a 1 miliardo di bambini di età compresa tra 2 e 17 anni ha subito violenze o negligenze fisiche, sessuali o emotive nell'ultimo anno. La violenza contro i bambini include tutte le forme di violenza contro le persone sotto i 18 anni, sia perpetrata da genitori o altri caregiver, colleghi, "partner romantici" o estranei. LE STRATEGIE INSPIRE.

06 FEB - Nell’ultimo anno l’Oms stima che a livello globale fino a 1 miliardo di minori di età compresa tra 2 e 17 anni abbiano subito violenze o negligenze fisiche, sessuali o emotive nell'ultimo anno sia perpetrate da genitori o altri caregiver, coetanei, partner romantici o estranei.

L'esperienza della violenza durante l'infanzia influisce sulla salute e sul benessere per tutta la vita e anche per questo l'obiettivo 16.2 dell'Agenda 2030 dell'Oms per lo sviluppo sostenibile è "porre fine all'abuso, allo sfruttamento, alla tratta e a tutte le forme di violenza e tortura nei confronti dei bambini e dei minori".

LOms descrive sei principali tipi di violenza interpersonale che tendono a verificarsi in fasi diverse dello sviluppo di un bambino.

• Il maltrattamento (compresa la punizione violenta) implica violenza fisica, sessuale e psicologica / emotiva; e trascuratezza di neonati, bambini e adolescenti da parte di genitori, operatori sanitari e altre figure di autorità, più spesso a casa, ma anche in strutture come scuole e orfanotrofi.


• Il bullismo (compreso il cyberbullismo) è un comportamento aggressivo indesiderato di un altro bambino o di un gruppo di bambini che non sono né fratelli né in una relazione romantica con la vittima. Comporta ripetuti danni fisici, psicologici o sociali e spesso si svolge nelle scuole e in altri ambienti in cui i bambini si riuniscono e online.

• La violenza giovanile è concentrata tra i bambini e i giovani di età compresa tra 10 e 29 anni, si verifica più spesso in contesti comunitari tra conoscenti e sconosciuti, include bullismo e aggressione fisica con o senza armi (come pistole e coltelli) e può comportare violenza di gruppo.

• La violenza domestica intima (o violenza domestica) implica violenza fisica, sessuale ed emotiva da parte di un partner intimo o ex-partner. Sebbene i maschi possano anche essere vittime, la violenza del partner intimo colpisce in modo sproporzionato le donne. Di solito si verifica contro le ragazze all'interno di matrimoni infantili e matrimoni precoci / forzati. Tra gli adolescenti romanticamente coinvolti ma non sposati viene a volte chiamato "dating violence".

• La violenza sessuale include il contatto sessuale non consensuale completato o tentato e atti di natura sessuale che non comportano contatto (come voyeurismo o molestie sessuali); atti di traffico sessuale commessi contro qualcuno che non è in grado di acconsentire o rifiutare; e lo sfruttamento online.

• La violenza emotiva o psicologica include la limitazione dei movimenti di un bambino, denigrazione, ridicolo, minacce e intimidazioni, discriminazione, rifiuto e altre forme non fisiche di trattamento ostile.

Se diretti contro ragazze o ragazzi a causa del loro sesso biologico o dell'identità di genere, uno qualsiasi di questi tipi di violenza, sottolinea l’Oms, si caratterizza anche come violenza di genere.
 
La violenza contro i bambini ha impatti per tutta la vita sulla salute e il benessere di chi l'ha subita, della famiglia, della comunità e della società intera.
 
Essa può infatti avere ricadute molto pesanti, come sottolinea l’Oms che indica 6 principali conseguenze:
• portare alla morte. L'omicidio, che spesso coinvolge armi come coltelli e armi da fuoco, è tra le prime tre cause di morte negli adolescenti, con ragazzi che rappresentano oltre l'80% delle vittime e degli autori;
• portare a gravi lesioni. Per ogni omicidio, ci sono centinaia di vittime prevalentemente maschili di violenza giovanile che subiscono lesioni a causa di combattimenti fisici e aggressioni;
• compromettere sviluppo del sistema nervoso. L'esposizione alla violenza in tenera età può compromettere lo sviluppo del cervello e danneggiare altre parti del sistema nervoso, così come il sistema endocrino, circolatorio, muscolo-scheletrico, riproduttivo, respiratorio e immunitario, con conseguenze per tutta la vita. Come tale, la violenza contro i bambini può influenzare negativamente lo sviluppo cognitivo e porta a risultati scolastici e professionali insufficienti;
• comportamenti a rischio per la salute. I bambini esposti alla violenza e ad altre avversità hanno maggiori probabilità di fumare, abusare di alcool e droghe e di impegnarsi in comportamenti sessuali ad alto rischio. Hanno anche più alti tassi di ansia, depressione, altri problemi di salute mentale e suicidio;
• portare a gravidanze indesiderate , aborti indotti, problemi ginecologici e infezioni trasmesse sessualmente, incluso l'HIV;
• contribuire a una vasta gamma di malattie non trasmissibili quando i bambini invecchiano. L'aumento del rischio di malattie cardiovascolari, cancro, diabete e altre condizioni di salute è in gran parte dovuto ai comportamenti negativi per la salute associati alla violenza;
• opportunità d'impatto e generazioni future. I bambini esposti alla violenza e ad altre avversità hanno maggiori probabilità di abbandonare la scuola, hanno difficoltà a trovare e mantenere un lavoro, e sono ad alto rischio per la successiva vittimizzazione e / o perpetrazione della violenza interpersonale e auto-diretta, con la quale la violenza contro i bambini può influenzare la prossima generazione.

La violenza contro i bambini è un problema diversificato con cause a livello individuale, a stretto rapporto, a livello di comunità e di società.
I fattori di rischio importanti sono:

Livello individuale:
• aspetti biologici e personali come sesso ed età;
• minori livelli di istruzione;
• reddito basso;
• avere una disabilità o problemi di salute mentale;
• essere lesbiche, gay, bisessuali o transgender;
• uso dannoso di alcool e droghe;
• una storia di esposizione alla violenza.

Livello di relazione ravvicinata:
• mancanza di legame emotivo tra bambini e genitori o assistenti;
• cattive pratiche genitoriali;
• disfunzione e separazione della famiglia;
• essere associato a colleghi delinquenti;
• assistere alla violenza tra genitori o assistenti;
• matrimonio precoce o forzato.

Livello di comunità:
• povertà;
• alta densità di popolazione;
• bassa coesione sociale e popolazioni transitorie;
• facile accesso ad alcool e armi da fuoco;
• alte concentrazioni di bande e traffico illecito di droga.

Livello di società:
• norme sociali e di genere che creano un clima in cui la violenza è normalizzata;
• politiche sanitarie, economiche, educative e sociali che mantengono disuguaglianze economiche, di genere e sociali;
• protezione sociale assente o inadeguata;
• situazioni post-conflitto o disastro naturale;
• impostazioni con governance debole e scarsa applicazione della legge.

La violenza contro i bambini può essere prevenuta. Prevenire e rispondere alla violenza sui bambini richiede che gli sforzi affrontino sistematicamente i fattori di rischio e di protezione in tutti e quattro i livelli di rischio interconnessi (individuo, relazione, comunità, società).

Sotto la guida dell'Oms, un gruppo di 10 agenzie internazionali ha sviluppato e approvato un pacchetto di misure chiamato INSPIRE, in tutto sette strategie per porre fine alla violenza contro i bambini.
 

Ogni lettera della parola INSPIRE rappresenta una delle strategie, e la maggior parte ha dimostrato di avere effetti preventivi su diversi tipi di violenza, oltre a benefici in settori come la salute mentale, l'educazione e la riduzione della criminalità.

Le sette strategie sono:

• (Implementation and enforcement of laws) Attuazione e l'applicazione delle leggi (ad esempio, il divieto di disciplina violenta e limitando l'accesso a alcool e armi da fuoco);

• (Norms and values) Norme e valori cambiano (per esempio, modificando le norme che perdonano l'abuso sessuale delle ragazze o il comportamento aggressivo tra i ragazzi);

• (Safe environments) Ambienti ripuliti (come l'identificazione di quartiere “punti caldi” per la violenza e poi affrontare le cause locali attraverso una politica che risolva i problemi e altri interventi);

• (Parent and caregiver support) Parenti e il sostegno del caregiver (ad esempio, fornendo formazione dei genitori per i giovani, i genitori di prima volta);

• (Income and economic strengthening) I risultati e il rafforzamento economico (come la microfinanza e la formazione sull'equità di genere);

• (Response and support services) Servizi a disposizione (per esempio, garantire che i bambini che sono esposti alla violenza possono accedere efficaci cure d'emergenza e di ricevere un adeguato sostegno psico-sociale);

• (Education and life skills) Istruzione e abilità per la vita (come garantire che i bambini frequentano la scuola, e fornendo la vita e le competenze sociali di formazione).

Una risoluzione dell'Assemblea Mondiale della Sanità del maggio 2016 ha approvato il primo piano globale di azione dell'Oms sul rafforzamento del ruolo del sistema sanitario nell'ambito di una risposta multisettoriale nazionale per affrontare la violenza interpersonale, in particolare contro le donne e le ragazze, e contro i bambini.

Secondo questo piano, l'Oms, in collaborazione con gli Stati membri e altri partner, si impegna a:
• monitorare l'entità globale e le caratteristiche della violenza contro i bambini e sostenere gli sforzi del paese per documentare e misurare tale violenza;
• mantenere un sistema di informazione elettronica che riassume i dati scientifici sull'onere, i fattori di rischio e le conseguenze della violenza sui minori e le prove della sua prevenibilità;
• sviluppare e diffondere documenti, norme e standard di orientamento tecnico basati sull'evidenza per prevenire e rispondere alla violenza contro i bambini;
• pubblicare periodicamente relazioni di stato globali sugli sforzi dei paesi per affrontare la violenza contro i bambini attraverso politiche nazionali e piani d'azione, leggi, programmi di prevenzione e servizi di risposta;
• sostenere i paesi e i partner nell'implementazione di strategie di prevenzione e risposta evidence-based, come quelle incluse in INSPIRE: Sette strategie per porre fine alla violenza contro i bambini .
• collaborare con agenzie e organizzazioni internazionali per ridurre ed eliminare la violenza contro i bambini a livello globale, attraverso iniziative come il Global Partnership to End Violence against Children, Together for Girls e la Violence Prevention Alliance.

06 febbraio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy