Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 25 SETTEMBRE 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Nella UE salari minimi (dove esistono) molto diversi tra loro: mediamente nel Nord Ovest sono più del doppio di quelli dell’Est

Nei 22 Stati membri interessati, il salario minimo più elevato nell'Ue è stato in valori assoluti quasi 8 volte superiore al più basso. Tuttavia, le disparità  sono considerevolmente minori una volta eliminate le differenze di potere d'acquisto: variavano da 546 SPA (standard di potere d'acquisto) al mese in Bulgaria a 1.597 SPA in Lussemburgo. Mediamente sono comunque inferiori a 500 euro nell'Est e arrivano a ben oltre 1.000 euro nel Nord-ovest dell'Ue

26 FEB - Periodo di contratti in Italia. E il dibattito sugli aumenti non tiene conto spesso del livello generale dei salari e del loro valore rispetto al potere di acquisto. Ma nell'Ue non è così e quasi tutti i paesi - l'Italia no - prevedono salari minimi per i lavoratori, che Eurostat ha messo a confronto.

A partire dal 1° gennaio 2018, 22 dei 28 Stati membri dell'Unione europea hanno salari minimi nazionali: solo Danimarca, Italia, Cipro, Austria, Finlandia e Svezia non ne hanno. I 22 Stati membri dell'Ue che hanno un salario minimo nazionale possono essere divisi in tre gruppi principali in base al livello in euro.

Salari minimi mensili generalmente inferiori a 500 euro nell'est e ben oltre 1.000 euro nel nord-ovest dell'Ue

Nel gennaio 2018, la Bulgaria ha avuto il salario minimo lordo più basso (261 euro) in tutta l'Ue. Nove Stati membri, tutti situati a Est dell'Ue, hanno seguito salari minimi compresi tra 400 e circa 500 euro al mese: Lituania (400), Romania (408), Lettonia (430), Ungheria (445 ), Croazia (462), Repubblica ceca (478), Slovacchia (480), Estonia (500) e Polonia (503).

In altri cinque Stati membri a Sud dell'Ue, i salari minimi variavano tra 600 e 900 euro al mese: Portogallo (677), Grecia (684), Malta (748), Slovenia (843) e Spagna (859).

I restanti sette Stati membri, tutti a Ovest e Nord Ue, i salari minimi erano superiori a 1.400 euro al mese: Regno Unito (1.401), Germania e Francia (entrambi 1.498), Belgio (1.563), Paesi Bassi (1.578), Irlanda (1.614) e Lussemburgo (1.999).

Per confronto, il salario minimo federale negli Stati Uniti è stato di 1.048 euro al mese a gennaio 2018.

Minori divari nei salari minimi una volta eliminate le differenze di livello dei prezzi

Nei 22 Stati membri interessati, il salario minimo più elevato nell'Ue è stato quasi 8 volte superiore al più basso. Tuttavia, le disparità nei salari minimi negli Stati membri dell'Ue sono considerevolmente minori una volta eliminate le differenze di livello dei prezzi: i salari minimi negli Stati membri con livelli di prezzo più bassi diventano relativamente più elevati se espressi in standard di potere d'acquisto (SPA) e relativamente inferiori negli Stati membri con livelli di prezzo più elevati. Eliminando le differenze di prezzo, i salari minimi variavano da 546 SPA al mese in Bulgaria a 1.597 SPA in Lussemburgo, il che significa che il più alto salario minimo era quasi 3 volte superiore al più basso.

· Gruppo 1 , dove i salari minimi nazionali erano inferiori a 500 euro al mese nel gennaio 2018. Gli Stati membri dell'UE in questo gruppo comprendevano: Bulgaria, Lituania, Romania, Lettonia, Ungheria, Croazia, Repubblica ceca e Slovacchia; il loro salario minimo nazionale variava da 261 euro in Bulgaria a 480 euro in Slovacchia.

· Gruppo 2 , dove i salari minimi nazionali erano almeno 500 euro ma inferiori a 1 000 euro al mese nel gennaio 2018. Gli Stati membri dell'Ue in questo gruppo comprendevano: Estonia, Polonia, Portogallo, Grecia, Malta, Slovenia e Spagna; il loro salario minimo nazionale variava da 500 euro in Estonia a 859 euro in Spagna.

· Gruppo 3 , dove i salari minimi nazionali erano almeno 1.000 euro al mese nel gennaio 2018. Gli Stati membri dell'Ue in questo gruppo comprendevano: Regno Unito, Germania, Francia, Belgio, Paesi Bassi, Irlanda e Lussemburgo; il loro salario minimo nazionale variava da 1 401 euro nel Regno Unito a 1.999 euro in Lussemburgo.

Tutti i paesi candidati all'adesione all'Ue avevano retribuzioni minime simili a quelle del gruppo 1, che andavano da euro 181 in Albania a euro 446 in Turchia. Il livello negli Stati Uniti (con un salario minimo nazionale di 1.048 euro al mese) rientra nell'intervallo indicato nel gruppo 3.

Per gli Stati membri dell'Ue con salari minimi nazionali che non fanno parte dell'area dell'euro (Bulgaria, Repubblica ceca, Croazia, Ungheria, Polonia, Romania e Regno Unito), nonché i paesi candidati all'adesione all'Ue e gli Stati Uniti, il livello di i salari minimi e la classifica espressa in euro sono influenzati dai tassi di cambio utilizzati per convertire dalle valute nazionali in euro.

I salari minimi nazionali espressi in euro sono stati assunti a partire dal 1 ° luglio 2014 e divisi per i guadagni lordi medi misurati dalla struttura dell'indagine sugli utili (SES 2014). A luglio 2014, la percentuale delle retribuzioni minime nei guadagni mediani tra gli Stati membri dell'Ue variava dal 39% al 64%. Ai fini di questa analisi, i pagamenti per gli straordinari e il lavoro a turni sono stati esclusi dal calcolo dei guadagni mensili lordi mensili.
 
Nel caso della Germania, della Francia, dell'Irlanda e del Regno Unito, i cui salari minimi sono fissati su base oraria, il rapporto è stato calcolato come percentuale del reddito orario medio. Per gli altri 18 Stati membri dell'Ue, che hanno salari minimi mensili nazionali, il rapporto è stato calcolato come percentuale dei guadagni mensili medi.

La percentuale di dipendenti che percepiscono il salario minimo può variare notevolmente da un paese all'altro. Collegando i microdati delle due ultime indagini quadriennali sulla struttura delle retribuzioni (SES) con il livello delle retribuzioni minime in vigore all'epoca (ottobre 2010 e 2014), è possibile ricavare una stima di tali proporzioni. A fini di comparabilità, il campo di applicazione è stato limitato ai lavoratori a tempo pieno di età pari o superiore a 21 anni, che lavorano in imprese con 10 dipendenti e più, esclusi la pubblica amministrazione, la difesa e la sicurezza sociale obbligatoria. Inoltre, i guadagni mensili calcolati dal SES escludono qualsiasi guadagno legato agli straordinari e al lavoro a turni.

Nell'ottobre 2014, la percentuale di dipendenti pagati meno del 105% del salario minimo nazionale era superiore al 7,0% in dieci degli Stati membri dell'Ue che applicavano un salario minimo, vale a dire: Slovenia (19,1%), Romania (15,7%), Portogallo (13,0%), Polonia (11,7%), Bulgaria (8,8%); Francia (8,4%), Lituania (8,1%), Lettonia (7,9%), Grecia (7,7%) e Croazia (7,1%). Il Belgio (0,4%) ha registrato la percentuale più bassa di dipendenti che percepiscono meno del 105% del salario minimo nazionale, mentre la percentuale di dipendenti nei restanti dieci Stati membri che hanno ottenuto un reddito inferiore a tale importo si è attestata tra l'1,0% (Spagna) e il 5,8% (Lussemburgo).

Tra il 2010 e il 2014, la percentuale di dipendenti che guadagnano meno del 105% del salario minimo nazionale è aumentata di oltre 2,0 punti percentuali in Romania (11,7 punti), Bulgaria (5,4 punti), Polonia (3,6 punti) e Ungheria (2,3 punti) , mentre è diminuita di oltre 2,0 punti in Lituania (-5,6 punti), Irlanda (-5,1 punti), Lussemburgo (-4,1 punti), Lettonia (-4,0 punti), Portogallo (-3,8 punti), Croazia (-2,6 punti ) e Slovacchia (-2,2 punti).
 

 
Salari minimi, gennaio 2008 e gennaio 2018 (euroal mese e %)

 
 
Retribuzioni minime proporzionali dei guadagni lordi mediani, 2014 (%)


26 febbraio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy