Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 22 OTTOBRE 2021
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

La politica sanitaria francese si concentra sulla prevenzione

di Grazia Labate

Trattamenti anti-fumo rimborsati come qualsiasi altra medicina, vaccinazione anti-influenzale in farmacia, screening per il cancro cervicale. Queste alcune delle strategie messe in campo per preservare diverse dozzine di migliaia di vite ogni anno. Il piano di "Prevenzione prioritaria", composto da 25 misure, investe 400 milioni di euro l’anno per 5 anni.

28 MAR - Il governo francese ha presentato il 26 marzo un piano per rafforzare la sua politica di prevenzione sanitaria. Si concentrerà sulla lotta contro il tabacco, la vaccinazione o lo screening per il cancro della cervice. Trattamenti anti-fumo rimborsati come qualsiasi altra medicina, vaccinazione anti-influenzale in farmacia, screening per il cancro cervicale ecc.
 
Il governo ha presentato la sua strategia sanitaria, con l'obiettivo di preservare diverse dozzine di migliaia di vite ogni anno. "La buona salute dipende dall'accesso alle cure, ma implica anche la prevenzione", ha affermato il primo ministro Édouard Philippe, presentando le 25 misure. Il ministro della Salute, Agnès Buzyn, afferma convintamente la necessità di riorientare il sistema sanitario a beneficio della prevenzione. In totale, questo piano di "Prevenzione prioritaria" investe 400 milioni di euro l’anno per 5 anni.
 
Il piano include alcune misure molto concrete. In primo luogo, i trattamenti anti-fumo che vengono totalmente rimborsati come qualsiasi altro medicinale.

Questo sostegno sostituirà il pacchetto di rimborso di 150 euro all'anno che attualmente copre i sostituti della nicotina (cerotti, gomme, pastiglie, inalatori...) prescritto su prescrizione medica. Inoltre, il piano prevede "l'ampliamento delle capacità vaccinali degli operatori sanitari". Il governo vuole "generalizzare dal 2019, su tutto il territorio francese la vaccinazione in farmacia contro l'influenza visto il successo dell’ esperimento condotto soprattutto sulla popolazione anziana con successo in due regioni, Nuova Aquitania e Alvernia-Rodano-Alpi, nel 2017. In tre mesi erano state vaccinate 155.944 persone. Inoltre il governo vuole "introdurre un terzo programma nazionale di screening organizzato, quello del cancro del “collo dell'utero" dopo quello introdotto sul cancro al seno e sul cancro del colon-retto.
 
Tutte le donne che non hanno mai fatto controlli all’utero negli ultimi 3 anni saranno invitate a farlo, con una copertura del 100%, secondo il piano.
Tra le altre misure degne di nota, il piano propone di espandere il pittogramma "vietato alle donne incinte" sulle bottiglie di alcol nel 2019 e di rafforzare lo screening per l'epatite C per eliminare questa malattia entro il 2025.

Infine, all'inizio del prossimo anno accademico, tutti gli studenti di medicina, farmacia, odontoiatria, ostetrica, infermieristica, fisioterapia, vale a dire 47.000 persone all'anno, dovranno condurre missioni di prevenzione di tre mesi nelle scuole, carceri, aziende ... su cinque temi di intervento "prioritari" ma non "esclusivi": buona nutrizione, attività fisica, dipendenze (alcol, tabacco, ecc.), sessualità e contraccezione.

"Una vera politica di prevenzione preserverebbe circa 100.000 vite all'anno", ha dichiarato il primo ministro Edouard Philippe. Ricorda anche che in Francia " fumano più di 13 milioni di persone "e che il tabacco è" responsabile di 73.000 morti ogni anno. Un altro cambiamento che è stato sottolineato è l'ampliamento delle capacità di vaccinazione dell’intero sistema sanitario francese che ha definitivamente rotto le meccaniche corporative tra medici e farmacisti. Sarà così possibile generalizzare dal 2019 " la vaccinazione contro l'influenza anche in farmacia.
 
L’altra sottolineatura riguarda "l’introduzione un terzo programma nazionale di screening organizzato, quello del cancro del collo dell'utero". In termini concreti, tutte le donne che non hanno fatto controlli negli ultimi tre anni saranno invitate a farlo, con una copertura del 100%", spiega il ministro della salute. Lo screening non è attualmente sistematico , con 3.000 donne diagnosticate ogni anno e più di 1.000 decessi all'anno.
Insomma i propositi del governo e soprattutto del ministro della salute hanno avviato una inversione di tendenza nella sanità francese investendo per la prima volta 2 miliardi di euro nella prevenzione dando finalmente più concretezza alla massima che prevenire è meglio che curare.
 
Grazia Labate
Ricercatore in economia sanitaria già sottosegretario alla sanità 


28 marzo 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy