Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 19 DICEMBRE 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Giornata mondiale salute/1: copertura sanitaria universale per tutti. Obiettivo Oms è ampliarla a un miliardo di persone entro il 2030. Italia premiata dall’Oms: è tra i paesi con i maggiori livelli di copertura sanitaria

Almeno la metà dei 7,3 miliardi di persone nel mondo non ha ancora una copertura completa dei servizi sanitari essenziali, anche se questa è aumentata dal 2000. La copertura sanitaria universale consiste nell'assicurare a tutte le persone di ottenere servizi sanitari di qualità, dove e quando ne hanno bisogno, senza subire difficoltà finanziarie. MONITORAGGIO OMS SU COPERTURA SANITARIA UNIVERSALE - IL KIT PER LA GIORNATA MONDIALE 2018 - DICHIARAZIONE DI TOKYO SU COPERTURA SANITARIA UNIVERSALE.

07 APR - Oggi è la Giornata mondiale della salute dell'Oms: l’argomento guida per il 2018 è la copertura sanitaria universale.

Secondo l’Oms almeno la metà dei 7,3 miliardi di persone nel mondo non ha ancora una copertura completa dei servizi sanitari essenziali, anche se questa è aumentata dal 2000, ma persistono disparità.

Più di 800 milioni di persone (quasi il 12% della popolazione mondiale, i paesi più ricchi dell'Europa, dell'America Latina e in alcune parti dell'Asia, che hanno raggiunto livelli elevati di accesso ai servizi sanitari) hanno speso almeno il 10% del budget familiare nel 2010 per spese sanitarie personali.

Circa 100 milioni di persone nel 2010 sono cadute in estrema povertà (vivendo con 1,90 dollari o meno al giorno) a causa di spese sanitarie personali.
Sono quelli che sostengono le cosiddette "spese catastrofiche". E le spese catastrofiche per l'assistenza sanitaria sono un problema globale.

La copertura sanitaria universale consiste nell'assicurare a tutte le persone di ottenere servizi sanitari di qualità, dove e quando ne hanno bisogno, senza subire difficoltà finanziarie.

Nessuno secondo l’Oms dovrebbe scegliere tra buona salute e altre necessità di vita.

L'UHC è la chiave per la salute e il benessere delle persone e delle nazioni. Alcuni paesi hanno fatto grandi progressi. La loro sfida è mantenere la copertura per soddisfare le aspettative della gente.

Tutti i paesi affronteranno UHC in diversi modi: non esiste una taglia adatta a tutti. Ma ogni paese può fare qualcosa per far avanzare l'UHC.

Rendere i servizi sanitari veramente universali richiede un passaggio dalla progettazione di sistemi sanitari intorno a malattie e istituzioni verso servizi sanitari progettati intorno e per le persone.

Tutti possono partecipare al percorso di UHC, prendendo parte a una conversazione UHC.

Che cos'è l'UHC

• UHC significa che tutte le persone e le comunità ricevono i servizi sanitari di cui hanno bisogno senza subire difficoltà finanziarie.

• UHC consente a tutti di accedere ai servizi che affrontano le cause più importanti di malattia e morte e garantisce che la qualità di tali servizi sia sufficiente per migliorare la salute delle persone che li ricevono.

Cosa UHC non è

• UHC non significa copertura gratuita per tutti i possibili interventi sanitari, indipendentemente dal costo, in quanto nessun paese può fornire tutti i servizi gratuitamente su base sostenibile.

• UHC non si occupa solo di assicurare un pacchetto minimo di servizi sanitari, ma anche di garantire una progressiva espansione della copertura dei servizi sanitari e della protezione finanziaria man mano che si rendono disponibili più risorse.

• L'UHC non riguarda solo le cure mediche per gli individui, ma include anche servizi per intere popolazioni come campagne di salute pubblica, ad esempio l'aggiunta di fluoro all'acqua o il controllo dei siti di riproduzione di zanzare che trasportano virus che possono causare malattie.

• L'UHC non riguarda solo l'assistenza sanitaria e il finanziamento del sistema sanitario di un paese. Comprende tutti i componenti del sistema sanitario: sistemi e fornitori di servizi sanitari che forniscono servizi sanitari a persone, strutture sanitarie e reti di comunicazione, tecnologie sanitarie, sistemi di informazione, meccanismi di garanzia della qualità e governance e legislazione.

"Universale" significa "per tutti", spiega l’Oms, senza discriminazione, senza lasciare indietro nessuno. Tutti, ovunque, hanno il diritto di beneficiare dei servizi sanitari di cui hanno bisogno senza cadere nella povertà quando li usano. L’obiettivo è quello di estendere la copertura sanitaria universale entro il 2030 a 1 miliardo di persone.

Secondo la dichiarazione di Tokyo di fine 2017 la realizzazione di questo obiettivo richiede di andare oltre il "business as usual" e impegnarsi a sviluppare e supportare strategie, politiche e sistemi a livello globale e nazionale per sfruttare e sostenere il potenziale di trasformazione dell'innovazione. Questo impegno riconosce la necessità per i paesi di articolare le loro priorità locali per UHC e condividere le migliori pratiche.
In questo senso la dichiarazione impegna i paesi a migliorare l'accesso ai medicinali e ai vaccini attraverso il lavoro collaborativo, la ricerca e lo sviluppo, anche durante le emergenze sanitarie, a realizzare piattaforme come il Global Health Innovative Technology Fund (GHIT), la Coalition for Epidemic Preparedness and Innovations (CEPI) e International International Vaccine Initiative (IAVI).

Accelerare i progressi verso l'UHC richiede un apprendimento sistematico dall'esperienza nazionale attraverso piattaforme come UHC2030, una maggiore attenzione alla coerenza delle politiche, affrontare le strettoie che limitano l'implementazione e sfruttare il potenziale delle innovazioni di sistema e una tecnologia efficace ed economica nel settore sanitario. I paesi a Tokio si sono impegnati a stimolare l'apprendimento dell'innovazione per UHC accelerando la generazione e la condivisione di conoscenza critica sviluppando e migliorando il coordinamento delle reti esistenti e future.

Per il 2018 l’obiettivo fissato e di ispirare , motivare e guidare le parti interessate all’UHC a prendere impegni precisi:

• Ispirare, mettendo in evidenza il potere dei decisori politici per trasformare la salute della loro nazione, inquadrando la sfida più ambiziosa, e invitandoli ad essere parte del cambiamento.

• Motivare, condividendo esempi di come i paesi stanno già progredendo verso l’UHC e incoraggiando gli altri a trovare la propria strada.

• Guidare, fornendo strumenti per un dialogo strutturato sulle politiche su come far avanzare l’UHC a livello nazionale o sostenere tali sforzi in altri paesi (ad esempio espandendo la copertura dei servizi, migliorando la qualità dei servizi, riducendo i pagamenti extra).

Il tema della Giornata mondiale della salute è quindi: Copertura sanitaria universale: tutti, ovunque. Lo slogan è "Salute per tutti".

L'hashtag principale che l’Oms utilizza è #HealthForAll, ma anche #WorldHealthDay.

Per l’Italia l’Oms dà 80 come voto della copertura dei servizi sanitari essenziali (il voto va a 1 a 100), collocandosi tra i Paesi che garantiscono la maggiore copertura sanitaria alla propria popolazione. Sempre in Italia è al 93% la percentuale di bambini di un anno che hanno ricevuto 3 dosi di vaccino contro la difterite-tetano-pertosse e il 79% di persone con tubercolosi trattate con successo. 

Secondo l’Oms, tutti hanno un ruolo da svolgere per contribuire a un dialogo strutturato verso politiche che aiutano il paese a raggiungere e mantenere l’UHC.

In particolare:

• i ministeri determinano un cambiamento delle politiche per migliorare la salute e stimolare la crescita economica e lo sviluppo sociale;

• le commissioni parlamentari per la salute e i gruppi sanitari mediano tra coloro che sviluppano la politica e coloro che la eseguono;

• i partiti politici inquadrano i loro programmi per soddisfare le esigenze espresse dei loro sostenitori;

• le associazioni professionali proteggono il benessere della forza lavoro;

• le organizzazioni della società civile lavorano sul terreno e rappresentano le preoccupazioni di diversi gruppi di popolazione;

• gli individui usano la propria voce per chiedere buoni servizi sanitari;

• i media possono aiutare a migliorare la comprensione di UHC, e la trasparenza e la responsabilità nel processo decisionale.

L’Oms ha dedicato all’UHC anche un sito tematico consultabile a questo link, la possibilità di analisi e ricerca on line della situazione per ogni singolo paese sulla UHC  in un Portale dati copertura salute universale e un quiz per auto-sondare quanto ciascuno sa della copertura universale e ha realizzato un video ad hoc per la giornata mondiale.
In occasione della Giornata mondiale della salute che corrisponde quest'anno anche al 70° anniversario dell'Oms, sono stati emessi anche dall'amministrazione postale delle Nazioni Unite (APNU) francobolli commemorativi di entrambi le ricorrenze.

 

 

 
I Poster della giornata mondiale

 

 

 

 

 

 

 

 


07 aprile 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy