Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 20 APRILE 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Eurostat. Nell’Ue il 41% medio dei bimbi è nato fuori dal matrimonio nel 2016. I picchi: Francia 59,7%, Grecia 9,4%. Italia si attesta al 28%

Rispetto alla situazione del 2000, Eurostat evidenzia che la percentuale di nati vivi al di fuori del matrimonio è aumentata in tutti gli Stati membri, anche se in misura diversa. Da un lato, la percentuale di bambini nati fuori dal matrimonio è cresciuta significativamente negli Stati membri del Mediterraneo, dall'altro è rimasta pressoché stabile nell'Europa settentrionale.

16 APR - Oltre 5,1 milioni di bambini sono nati nell'Unione europea nel 2016 e in otto dei 28 Stati membri, la maggior parte dei bambini è nata al di fuori dal matrimonio, mentre in altri otto i due terzi dei bambini sono nati da genitori sposati.

La proporzione di nascite al di fuori del matrimonio è maggiore in Francia e più bassa in Grecia, con una media degli Stati in cui Eurstat ha registrato il dato nel 2016 del 41%, contro il 13,3% di trenta anni fa, nel 1986.

Con sei bambini su dieci nati da genitori non sposati, la Francia ha avuto la maggior proporzione (59,7%) di nati vivi al di fuori del matrimonio nell'Ue nel 2016.

La Francia è seguita da vicino dalla Bulgaria e dalla Slovenia (entrambi al 58,6%).

Oltre la metà delle nascite si è verificata anche al di fuori del matrimonio in Estonia (56,1%), Svezia (54,9%), Danimarca (54,0%), Portogallo (52,8%) e Paesi Bassi (50,4%).

Al contrario, meno di 1 bambino su 10 era nato da genitori non sposati in Grecia (9,4%).

Nascite al di fuori del matrimonio hanno rappresentato anche un quarto o meno di tutti i bambini nati in Croazia (18,9%), Cipro (19,1%) e Polonia (25,0%), e per meno di un terzo dei bambini nati in Lituania (27,4%), Italia ( 28,0%), Romania (31,3%) e Malta (31,8%).

Rispetto alla situazione del 2000, Eurostat evidenzia che la percentuale di nati vivi al di fuori del matrimonio è aumentata in tutti gli Stati membri, anche se in misura diversa.

Da un lato, la percentuale di bambini nati fuori dal matrimonio è cresciuta significativamente negli Stati membri del Mediterraneo.

È aumentata di otto volte a Cipro (dal 2,3% nel 2000 al 19,1% nel 2016), si è triplicata a Malta (dal 10,6% al 31,8%) e in Italia (dal 9,7% al 28,0%), mentre è circa 2,5 volte più alta in Spagna (dal 17,7% al 45,9%), Grecia (dal 4,0% al 9,4 %) e in un altro Stato membro meridionale: il Portogallo (dal 22,2% al 52,8%).

In Italia il picco si è avuto tra il 2000 e il 2006: nel primo anno la percentuale di bambini nati fuori del matrimonio era del 9,7%, mentre nel 2006 è salita al 16,4% e da quell’anno è andata aumentando raggiungendo il 30% nel 2015 e calando al 28% nel 2016.
La percentuale di nati vivi al di fuori del matrimonio è rimasta invece relativamente stabile tra il 2000 e il 2016 nell'Europa settentrionale, in particolare negli Stati membri nordici (Svezia, Finlandia e Danimarca), in Irlanda e nel Regno Unito e nel Baltico (Lettonia, Estonia e Lituania).
 
 

 


16 aprile 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy