Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 28 GENNAIO 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

L’Europa del lavoro: nel 2017 tasso di occupazione (20-64 anni) al 72,2%. Italia staccata di 10 punti si ferma al 62,3%. I dati Eurostat


I tassi di occupazione superiori al 75% sono stati registrati in Svezia (81,8%), Germania (79,2%), Estonia (78,7%), Repubblica Ceca (78,5%), Regno Unito (78,2%), Paesi Bassi (78,0%), Danimarca (76,9%), Lituania (76,0%) e Austria (75,4%). Dall'altra parte, il tasso di occupazione più basso è stato osservato in Grecia (57,8%), sebbene sia cresciuto nel corso dell'anno (+1,6%), seguita dall'Italia (62,3%, +0,7%), Croazia (63,6%, +2,2%), così come dalla Spagna (65,5%, +1,6 %).

01 MAG - In occasione della Festa dei lavoratori del 1 ° maggio, Eurostat ha aggiornato la visualizzazione dei dati interattivi sul mercato del lavoro nell'UE, gli Stati membri e i paesi EFTA con dati per il 2017.
 
Nel 2017, il tasso di occupazione delle persone tra i 20 ei 64 anni nell'Unione europea è stato del 72,2%, in aumento rispetto al 2016 (71,1%).
 
L'obiettivo della strategia Europa 2020 è raggiungere un tasso di occupazione totale per le persone di età compresa tra i 20 ei 64 anni di almeno il 75% entro il 2020.
 
Un target tradotto in diversi obiettivi nazionali al fine di rispecchiare la situazione e le possibilità di ciascuno Stato membro di contribuire all'obiettivo comune.
 

Il confronto con il 2016
Rispetto al 2016, il tasso di occupazione tra i 20 ei 64 anni è aumentato nel 2017 in tutti gli Stati membri tranne la Danimarca, dove è diminuito (-0,5%). È cresciuto più forte in Bulgaria (+3,6%), Slovenia (+3,3), Portogallo (+2,8), Romania (+ 2,5), Croazia (+2,2) ed Estonia (+2,1).
 
I tassi di occupazione superiori al 75% sono stati registrati in Svezia (81,8%), Germania (79,2%), Estonia (78,7%), Repubblica Ceca (78,5%), Regno Unito (78,2%), Paesi Bassi (78,0%), Danimarca (76,9%), Lituania (76,0%) e Austria (75,4%).
 
Tra questi Stati membri, Repubblica ceca, Germania, Estonia, Lituania e la Svezia hanno già raggiunto o superato i loro obiettivi nazionali per il 2020, così come l'Irlanda, Croazia, Lettonia e Malta.
 
Dall'altra parte, il tasso di occupazione più basso è stato osservato in Grecia (57,8%), sebbene sia cresciuto nel corso dell'anno (+1,6%), seguita dall'Italia (62,3%, +0,7%), Croazia (63,6%, +2,2%), così come dalla Spagna (65,5%, +1,6 %).
 
La situazione italiana
Su 45.278.000 di persone tra 15 e 74 anni, in Italia ce ne sono 25,8 milioni economicamente attive e 19,5 milioni economicamente inattive.
Delle persone economicamente attive quasi 23 milioni sono occupate, mentre poco meno di 3 milioni disoccupate. Tra gli occupati 17,7 milioni sono dipendenti, poco meno di 5 milioni autonomi e circa 289mila lavorano da casa.
 

 
Ore di lavoro e tipo di lavoro
La quota di dipendenti in part time varia dall'1% circa di tutti i dipendenti in Romania al 27% in Spagna. L'8% degli occupati nell'Ue ha lavorato almeno occasionalmente di notte. Questo va dal 3% in Italia al 15% in Croazia e Polonia.
 
La quota di dipendenti che lavoravano per molte ore (49 ore o più a settimana) è più alta nel Regno Unito e a Cipro (12% e 11% rispettivamente) e più bassa nei Paesi Bassi , Lituania e Bulgaria (meno dell'1%).
 
La proporzione di lavoratori autonomi varia dall'8% in Danimarca  al 30% in Grecia. La quota di dipendenti che di solito lavora da casa è più alta in Lussemburgo (10%) e più bassa in Romania , Lettonia , Croazia , Cipro e Lituania (meno dell'1%).
 
La proporzione della forza lavoro Ue-28 nella fascia di età 20-64 anni che riferisce che il lavoro principale era nel 2016 a tempo parziale è aumentata lentamente ma costantemente dal 14,9% nel 2002 al 19,0% nel 2015, per poi scendere marginalmente al 18,9% nel 2016.

La percentuale più alta di lavoratori part-time nel 2016 è nei Paesi Bassi (46,6%), seguiti da Austria, Germania, Belgio, Regno Unito, Svezia, Danimarca e Irlanda, dove il lavoro part-time ha riguardato più di un quinto degli occupati.

Per contro, il lavoro a tempo parziale era relativamente raro in Bulgaria (1,9% degli occupati), in Ungheria, Croazia, Repubblica ceca e Slovacchia (tra 4,8% e 5,7%).

L'incidenza del lavoro a tempo parziale differisce significativamente tra uomini e donne. Poco meno di un terzo (31,4%) delle donne di età compresa tra i 20 ei 64 anni occupate nell'Ue-28 ha lavorato a tempo parziale nel 2016, una proporzione molto più elevata della corrispondente quota di uomini (8,2%).
 
Quasi tre quarti (il 74,8%) delle donne occupate nei Paesi Bassi ha lavorato a tempo parziale nel 2016. Il lavoro part-time è aumentato nettamente tra il 1993 e il 2016 in Germania, Irlanda, Italia e Austria, mentre è diminuito notevolmente in Islanda.

La percentuale di persone che hanno più di un posto di lavoro è piccola e le persone con un'istruzione superiore hanno maggiori probabilità di avere un secondo lavoro rispetto alle persone con un'istruzione di livello medio o basso.
 

 
Occupazione e istruzione
I tassi di occupazione variano in misura considerevole a seconda del livello di istruzione. Le percentuali analizzate per livello di rendimento scolastico si basano sulla fascia di età da 25 a 64, in quanto le persone più giovani possono ancora essere in formazione, in particolare nell'istruzione terziaria, e questo può riflettersi sui tassi di occupazione.

Il tasso di occupazione delle persone di età compresa tra 25 e 64 anni che avevano completato un ciclo di istruzione terziaria, laurea, master o dottorato (o equivalenti) era dell'84,8% in tutta l'Ue-28 nel 2016, molto più alto del tasso (54,3 %) per chi aveva raggiunto non più di un'istruzione primaria o secondaria inferiore. Il tasso di occupazione nell'Ue-28 delle persone con un'istruzione superiore o post-secondaria non terziaria era pari al 74,8 per cento.

01 maggio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy