Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 11 AGOSTO 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Infortuni mortali sul lavoro: Italia al 14° posto nell’Ue per numero di casi ogni 100mila lavoratori


Secondo la rilevazione Eurostat nell'Ue il tasso standardizzato di incidenti mortali sul lavoro ogni 100mila lavoratori è del 2,4, in Italia del 3,11. Il tasso maggiore si registra in Romania (7,49), quello minore nei Paesi Bassi (0,76).

01 MAG - Nel 2015, 3.497 incidenti mortali si sono verificati sul lavoro nell'Unione europea.  Il dato numerico rappresenta un tasso di incidenza standardizzato di 2,4 incidenti mortali ogni 100.000 lavoratori. 

Eurostat ha pubblicato questi dati in occasione della Giornata mondiale per la sicurezza e la salute sul lavoro, una campagna internazionale annuale per promuovere un lavoro sicuro, salutare e dignitoso, che si tiene il 28 aprile.

Secondo le statistiche europee sugli infortuni sul lavoro (ESAW), gli "incidenti mortali" sono definiti come quelli che portano alla morte della vittima entro un anno dall'incidente. In termini più generali, un infortunio sul lavoro è definito come un evento nel corso del lavoro, che porta a danni fisici o mentali della persona interessata.

I tassi di incidenza standardizzati presuppongono che le dimensioni relative delle attività economiche all'interno di ciascuna economia nazionale siano le stesse di tutta l'Ue nel suo insieme. L'obiettivo è eliminare le differenze nelle strutture delle economie dei paesi, in modo che i dati possano essere interpretati più facilmente.

Tra gli Stati membri, i tassi di incidenza standardizzati più bassi sono stati registrati nei Paesi Bassi (0,8 per 100.000 lavoratori, Svezia (1,2), Germania (1,3), Danimarca (1,4), Cipro (1,5) e Regno Unito (1,6), mentre i più alti il tasso è stato registrato in Romania (7,5), prima del Portogallo (4,6), del Lussemburgo (4,4), della Bulgaria e della Lituania (4,3 ciascuno).

Il tasso standardizato in Italia è di 3,11, al quattordicesimo posto nella classifca Eurostat dei Paesi Ue.

Il numero di incidenti in un determinato anno è probabilmente correlato in una certa misura al livello generale dell'attività economica di un paese e al numero totale di persone impiegate nella sua economia.
 

 
 

 

01 maggio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy