Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 19 DICEMBRE 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Fumo/2. Dal 2000 è diminuito l’uso del tabacco. Ma l’obiettivo di riduzione del 30% nel 2025 è ancora lontano. Ecco l’ultimo report Oms pubblicato in occasione della Giornata mondiale

Il ritmo di azione per ridurre la domanda di tabacco e le relative morti e malattie è in ritardo rispetto agli impegni globali e nazionali di ridurre il consumo di tabacco del 30% entro il 2025 tra le persone di 15 anni e più. Se la tendenza continua così, il mondo raggiungerà solo una riduzione del 22% entro il 2025. Tedros (Dg Oms): "La maggior parte delle persone sa che l'uso del tabacco provoca cancro e malattie polmonari, ma molti non sono consapevoli che il tabacco causa anche malattie cardiache e infarto". IL RAPPORTO SULLE TENDENZE NELLA PREVALENZA DEL FUMO DI TABACCO 2000-2025. 

31 MAG - L'uso del tabacco è diminuito notevolmente dal 2000, secondo un nuovo rapporto dell'Oms pubblicato oggi, Giornata mondiale contro il tabacco 2018, ma la riduzione è insufficiente per raggiungere gli obiettivi concordati a livello globale volti a proteggere le persone dalla morte e dalle malattie cardiovascolari e non trasmissibili (NCD).

Per il World No Tobacco Day 2018, l'Oms si è unita alla World Heart Federation per evidenziare il legame tra il tabacco e le malattie cardiovascolari (CVD) - le principali cause di morte al mondo, responsabile del 44% di tutte le morti NCD o 17,9 milioni di decessi all'anno.

L'uso di tabacco e l'esposizione al fumo di seconda mano sono le principali cause di malattie cardiovascolari, tra cui infarti e ictus, che contribuiscono a circa 3 milioni di morti all'anno. Ma le prove rivelano una grave mancanza di conoscenza dei molteplici rischi per la salute associati al tabacco.

"La maggior parte delle persone sa che l'uso del tabacco provoca cancro e malattie polmonari, ma molte persone non sono consapevoli che il tabacco causa anche malattie cardiache e infarto, i principali assassini del mondo", ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms. "Questo World No Tobacco Day, l'Oms, sta richiamando l'attenzione sul fatto che il tabacco non causa solo il cancro, ma letteralmente infrange i cuori".

Mentre molte persone sono consapevoli del consumo di tabacco aumenta il rischio di cancro, ci sono lacune allarmanti nella conoscenza dei rischi cardiovascolari del consumo di tabacco. In molti paesi questa scarsa consapevolezza è sostanziale.

Per esempio in Cina, oltre il 60% della popolazione non sa che il fumo può causare attacchi di cuore, secondo il Global Adult Tobacco Survey. In India e Indonesia, più della metà degli adulti non sa che il fumo può causare ictus.

"I governi hanno il potere di proteggere i loro cittadini dalla sofferenza inutile delle malattie cardiache", afferma Douglas Bettcher, direttore dell'Oms per la prevenzione delle malattie non trasmissibili. "Le misure che riducono i rischi per la salute del cuore poste dal tabacco includono il fatto che tutti i luoghi pubblici e di lavoro interni siano completamente non fumatori e promuovano l'uso di avvertenze sui pacchetti di tabacco che dimostrano i rischi per la salute del tabacco".

Il tabacco uccide oltre 7 milioni di persone ogni anno, nonostante la costante riduzione dell'uso di tabacco a livello globale, come dimostra il nuovo Rapporto globale dell'Oms   sulle tendenze nella prevalenza del fumo di tabacco 2000-2025. Il rapporto mostra che nel mondo, il 27% di tabacco era utilizzato nel 2000, rispetto al 20% nel 2016.

Tuttavia, il ritmo di azione per ridurre la domanda di tabacco e le relative morti e malattie è in ritardo rispetto agli impegni globali e nazionali di ridurre il consumo di tabacco del 30% entro il 2025 tra le persone di 15 anni e più. Se la tendenza continua così, il mondo raggiungerà solo una riduzione del 22% entro il 2025.

Altri risultati principali del nuovo rapporto includono:

- cambiamenti nel fumo: oggi ci sono 1,1 miliardi di fumatori adulti nel mondo e almeno 367 milioni di consumatori di tabacco senza fumo. Il numero di fumatori nel mondo è cambiato poco in questo secolo: era anche di 1,1 miliardi nel 2000. Ciò è dovuto alla crescita della popolazione, anche se i tassi di prevalenza diminuiscono;

- per sesso: gli uomini di 15 anni e più utilizzavano il 43% di tabacco nel 2000 rispetto al 34% nel 2015. Per le donne, l'11% è stato fumato nel 2000, rispetto al 6% nel 2015;

- tabacco senza fumo: circa il 6,5% della popolazione mondiale di età compresa tra 15 e più anni usa tabacco senza fumo (8,4% di maschi e 4,6% di femmine);

- risposta del Paese: oltre la metà di tutti gli Stati membri dell'Oms ha ridotto la domanda di tabacco e quasi un ottavo dovrebbe raggiungere l'obiettivo di riduzione del 30% entro il 2025. Ma i paesi devono fare di più per monitorare l'uso del tabacco in tutte le sue forme, non solo tabacco da fumare. Attualmente, uno su quattro paesi non dispone di dati sufficienti per monitorare la propria epidemia di tabacco;

- giovani: in tutto il mondo, circa il 7%, o poco più di 24 milioni di bambini di età compresa tra 13 e 15 anni, fumano sigarette (17 milioni di ragazzi e 7 milioni di ragazze). Circa il 4% dei bambini di età compresa tra 13 e 15 anni (13 milioni) utilizza prodotti del tabacco senza fumo;

- paesi in via di sviluppo: oltre l'80% dei fumatori di tabacco vive in paesi a basso e medio reddito (LMICS). La prevalenza del fumo sta diminuendo più lentamente nei LMIC rispetto ai paesi ad alto reddito e il numero di fumatori è in aumento nei paesi a basso reddito.

Svetlana Axelrod, vice direttore generale dell'Oms per le malattie non trasmissibili e la salute mentale, afferma: "Sappiamo quali politiche e azioni possono aumentare i tassi di abbandono del tabacco, impedire alle persone di iniziare a usare il tabacco e ridurre la domanda , il divieto di commercializzazione e l'implementazione di imballaggi semplici. La nostra migliore possibilità di successo è attraverso l'unità globale e una forte azione multisettoriale contro l'industria del tabacco ".

I paesi si sono impegnati a ridurre la morte prematura delle malattie non trasmissibili di un terzo entro il 2030 come parte degli obiettivi di sviluppo sostenibile e  implementare la convenzione quadro dell'Oms per il controllo del tabacco (FCTC dell'Oms), entrata in vigore nel febbraio 2005 e che ha oggi 181 paesi aderenti che coprono oltre il 90% della popolazione mondiale.

31 maggio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy