Quotidiano on line
di informazione sanitaria
24 GIUGNO 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Fumo/3. Nel 2015 in UE 5,2 milioni di morti per cancro. Oltre 270 mila i decessi a causa del tumore ai polmoni. I dati Eurostat

Secondo Eurostat che ha diffuso i dati nella giornata mondiale senza tabacco, il cancro del polmone nel 2015 era il principale tipo di cancro mortale nell'Ue, rappresentando oltre un quinto (21%) di tutti i decessi correlati al cancro. Per quanto riguarda la produzione di sigarette inevece, una su tre in Europa viene dalla Germania che ne ha prodotte 168 miliardi. Italia a quota 1,3 miliardi.  

31 MAG - In occasione della Giornata mondiale senza tabacco, Eurostat pubblica due rilevamenti statistici per l’Europa.

Il primo riguarda le morti attribuibili al tabacco.

Il consumo di tabacco è uno dei maggiori rischi per la salute evitabili nell'Unione europea. Molte forme di cancro e malattie cardiovascolari e respiratorie sono legate all'uso del tabacco.

Dei 5,2 milioni di morti segnalati nell'Ue nel 2015, un quarto (1,3 milioni) era dovuto al cancro. 

Di quelle morti, 273.400 sono state causate da cancro ai polmoni, compreso il cancro della trachea e dei bronchi. 

In altre parole, il cancro del polmone era il principale tipo di cancro mortale nell'Ue, rappresentando oltre un quinto (21%) di tutti i decessi correlati al cancro. 

Gli uomini erano due volte più colpiti delle donne: 184.600 uomini morivano di cancro ai polmoni, rispetto a 88.800 donne.

Tra gli Stati membri dell'Ue, la quota di cancro al polmone tra tutti i tumori mortali è stata più alta in Ungheria (27%), seguita da Grecia, Danimarca, Polonia e Paesi Bassi (tutti il ​​24%), Belgio (23%) e Regno Unito (22%).

L’Italia ha raggiunto poco meno del 20 per cento.

All'estremo opposto della scala, le quote più basse sono state registrate in Portogallo e Lettonia (entrambe al 15%), Lituania, Svezia e Slovacchia (tutte il 16%).
 


 


 
Un altro dato fornito da Eurostat riguarda la produzione di sigarette.


Nell'Unione europea, nel 2016 sono state prodotte oltre 527 miliardi di sigarette, 36 miliardi in meno rispetto al 2015 e circa un terzo in meno (quasi 300 miliardi di sigarette in meno) rispetto alla produzione registrata dieci anni fa.

Nel 2016, la produzione dell'Ue era equivalente a più di 1000 sigarette, o circa 50 pacchetti di 20 sigarette, per abitante. Il valore della produzione era di circa 6,2 miliardi di euro.

Con quasi 168 miliardi di sigarette prodotte, la Germania è stata il primo produttore nel 2016.

La produzione di sigarette ha rappresentato il 32% del totale Ue. In altre parole, una sigaretta su tre prodotta nell'Ue è originaria della Germania.

La Polonia è al secondo posto (99 miliardi di sigarette prodotte nel 2016, ovvero il 19% del totale Ue) e la Romania al terzo posto (77 miliardi, il 15%). 
Grecia (31 miliardi), Portogallo (27 miliardi) e Bulgaria (21 miliardi) hanno ciascuno una quota pari a circa il 5% della produzione totale dell'Ue.

L’Italia ha raggiunto quota 1,3 miliardi, per un valore in euro di poco meno di 22 milioni.

 

 

 
 

31 maggio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy