Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 OTTOBRE 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Quale futuro per la sanità in Europa?

La ricerca dovrebbe fornire raccomandazioni e promuovere le migliori pratiche in termini di riforme dei sistemi sanitari per passare a sistemi di approccio basati sui risultati e ridurre le inefficienze e le disuguaglianze. Occorre una visione a livello europeo comune sia pur dentro la salvaguardia dell’autonomia degli Stati membri. Questo dibattito occorre aprirlo con franchezza proponendo soluzioni credibili e condivise.

09 GIU - Le domande che tutti ci dobbiamo porre e che mi pongo oggi per non trovarci domani in ritardo e subire risposte giocoforza imposte da altri. Anche se l'Europa ha i sistemi di welfare più avanzati al mondo e la sua comunità scientifica è all'avanguardia nella ricerca globale per affrontare le sfide sanitarie equitativamente e adeguatamente per la soddisfazione dei bisogni dei cittadini nell'UE, l'Europa invecchia rapidamente e l'aspettativa di vita sta raggiungendo livelli senza precedenti.

L'Europa sarà la "più antica" regione del mondo entro il 2030. Questo, insieme alla crescente diffusione delle malattie croniche, pone già oggi pesanti problemi strutturali quando si tratta del settore sanitario nell'UE.  È tempo di mettere la salute dei cittadini al centro dell'Europa del futuro, trasformandola in un polo di innovazione, garantendo l'accesso per tutti ai farmaci più innovativi e abbracciando la rivoluzione digitale nel settore sanitario.

Pertanto, ci sono sfide urgenti che devono essere affrontate. Qual è il ruolo dell'Europa rispetto agli stati membri? Qual è il ruolo dell'Europa nell'assistenza sanitaria? Queste sono alcune delle domande che abbiamo di fronte.


Come impostare sistemi sanitari basati sui risultati scientifici reali in Europa?  Qual è il ruolo dell'UE nella potenziale creazione di strumenti e soluzioni e nella diffusione delle migliori pratiche?

La ricerca dovrebbe fornire raccomandazioni e promuovere le migliori pratiche in termini di riforme dei sistemi sanitari per passare a sistemi di approccio basati sui risultati e ridurre le inefficienze e le disuguaglianze. A tal fine, il ruolo dei sistemi digitali per catturare i risultati - facendo leva sui pool di dati esistenti / registri, insieme ai progetti dell'Iniziativa sui medicinali innovativi (IMI) dovrebbe essere al centro delle raccomandazioni politiche. 
L'innovazione futura dovrebbe essere assicurata introducendo i giusti benefici per il giusto valore.

Qual è la promessa della robotica, dell'intelligenza artificiale e dei farmaci di precisione e in che modo l'UE potrebbe attivarla? A questo proposito, l'attenzione dovrebbe essere focalizzata sulla medicina digitale, la chirurgia, compresa la raccolta e l'analisi dei dati, nonché sull'apprendimento automatico. 

Parte della ricerca dovrebbe anche concentrarsi sull'accesso alla chirurgia robotica per tutti i pazienti e tutti gli interventi chirurgici aperti e laparoscopici. 
Il risultato finale è capire quali sono i benefici delle tecnologie digitali per i trattamenti di salute per aree critiche come il diabete, l'ictus e il cancro, così come l'auto-cura e l'alfabetizzazione sanitaria, portando a cure e qualità della vita radicalmente migliorate. Incentivi per stimolare la R & S in nuovi antibiotici / vaccini, partnership pubblico-private.

A tal fine, potrebbe essere presa in considerazione la creazione di nuovi incentivi per stimolare la ricerca e lo sviluppo in nuovi antibiotici, la necessità di approcci collaborativi in ​​materia di ricerca e sviluppo e di nuovi sistemi di premi a livello dell'UE.  Inoltre, l’UE dovrebbe definire e promuovere le migliori pratiche dei piani d'azione nazionali sulla resistenza antimicrobica e la loro attuazione. 
 
Di quali competenze hanno bisogno i futuri operatori sanitari per garantire la sostenibilità dei nostri sistemi sanitari? Quale e quanta forza lavoro / abilità / istruzione sulla salute, diversificazione professionale, prevenzione e cura di sé, responsabilizzazione di altri soggetti (ad esempio i farmacisti).
Rafforzare il ruolo dei farmacisti nell'aiutare pazienti e i consumatori a esercitare la cura di sé, in particolare per i disturbi minori.

Quale ruolo per l'UE nella creazione di un programma di vaccinazione paneuropeo?

L'azione comune dell'UE in materia di vaccinazione dovrebbe lavorare su raccomandazioni politiche per incoraggiare l'adozione della vaccinazione. L'esitazione della vaccinazione è una tendenza e avere idee dai giovani e aprire con loro un dibattito su come si gestisce è fondamentale per far avanzare conoscenze e lotta alle fake news ed evitare su temi così delicati per la salute di tutti di dividersi in provax e novax.

L'adozione della vaccinazione per adulti e il suo impatto hanno un grande potenziale e potrebbero essere affrontati esaminando la politica di R & S e le priorità per lo sviluppo di nuovi vaccini.

Questi sono problemi la cui grandezza ed ordine non possiamo risolvere da soli, occorre una visione a livello europeo comune sia pur dentro la salvaguardia dell’autonomia degli stati membri. Questo dibattito occorre aprirlo con franchezza proponendo soluzioni credibili e condivise, non si può relegarlo alla campagna elettorale del prossimo anno per le europee.

Grazia Labate
Ricercatore in economia sanitaria già sottosegretaria alla sanità 

09 giugno 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy