Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 11 DICEMBRE 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

In diminuzione i “richiedenti asilo” nel primo trimestre 2018 ma ce ne sono in Europa ancora quasi un milione in sospeso. Italia seconda dopo la Germania. Report Eurostat

La maggior parte delle richieste arriva  da parte di siriani, iracheni, afghani e nigeriani. Con 15.800 richiedenti per la prima volta tra gennaio e marzo 2018, i siriani sono rimasti il ​​gruppo più numeroso di persone in cerca di protezione internazionale negli Stati membri. Per le "domande pendenti" con 420.300 domande in sospeso a alla fine di marzo 2018, quasi la metà del totale Ue (47%), la Germania deteneva la quota maggiore, davanti all'Italia (143.400, 16%) e Austria (51.400, 6%. La Grecia tuttavia, che non fa parte dell’Ue 28, aveva un valore più elevato).

19 GIU - Nel 2018, durante il primo trimestre, 131.000 richiedenti asilo per la prima accoglienza hanno presentato domanda di protezione internazionale negli Stati membri dell'Unione europea. Un valore che indica una riduzione del 15% rispetto al quarto trimestre del 2017, quando sono stati registrati 154.000 nuovi candidati.
 



La maggior parte delle richieste arriva  da parte di siriani, iracheni, afghani e nigeriani.

 

 
Con 15.800 richiedenti per la prima volta tra gennaio e marzo 2018, i siriani sono rimasti il ​​gruppo più numeroso di persone in cerca di protezione internazionale negli Stati membri.

I siriani sono in testa agli iracheni (9.200), agli afgani (7.700) e ai nigeriani (6.400). Nel primo trimestre del 2018, le persone provenienti da questi paesi rappresentano la maggioranza dei richiedenti asilo la prima volta negli Stati membri, pari al 30% di tutti i richiedenti.

La maggior parte delle domande di asilo in Germania, Francia e Italia.

Durante il primo trimestre del 2018, il numero più alto di richiedenti per la prima volta è stato registrato in Germania (con 34.400 richiedenti, pari al 26% del totale dei richiedenti negli Stati membri) e in Francia (25.300, 19%), seguita dall'Italia (17.800, 14%) e dalla Grecia (13.000, 10%).

Tra gli Stati membri con oltre 2.000 richiedenti asilo per la prima volta nel primo trimestre del 2018, il numero è diminuito di più rispetto al trimestre precedente in Austria (-30%), Germania (-25%), Svezia (-24%) e Italia (-22%). Per contro, gli aumenti sono stati registrati in Belgio e in Spagna (entrambi + 9%) e nei Paesi Bassi (+ 7%).

Rispetto alla popolazione di ciascuno Stato membro, invece, il tasso più alto di richiedenti registrati per la prima volta durante il primo trimestre 2018 è a Cipro (1.551 richiedenti la prima volta per milione di abitanti), seguito dalla Grecia (1.204), Malta (856 ) e Lussemburgo (753).

Per contro, i tassi più bassi sono stati osservati in Estonia (7 richiedenti per milione di abitanti), Slovacchia (8), Lituania (13), Polonia (15) e Romania (18).

Nel primo trimestre del 2018, ci sono stati in totale 257 richiedenti asilo per la prima volta per milione di abitanti nell'insieme dell'Ue.

Per quanto riguarda invece il totale delle persone in attesa di asilo (domande pendenti), alla fine di marzo 2018, oltre 892.000 domande di protezione dall'asilo negli Stati membri dell'Ue erano all'esame delle autorità nazionali, con una diminuzione del 10% rispetto a marzo 2017 e del 4% rispetto a dicembre 2017.

Con 420.300 domande in sospeso a alla fine di marzo 2018, ovvero quasi la metà del totale Ue (47%), la Germania deteneva la quota maggiore nell'Ue, davanti all'Italia (143.400, 16% del totale Ue) e Austria (51.400, 6%. La Grecia tuttavia, che non fa parte dell’Ue 28, aveva un valore più elevato) .

In fondo alla classifica invece Portogallo ed Estonia (55) e Lettonia (90).

La stessa classifica considerando le persone in attesa di asilo per milione di abitanti  cambia e in testa arriva l’Austria con 6.054 persone, seguita da Cipro con 5.227 e dalla Germania con 5.081. L’Italia per milione di abitanti registra 2.363 richiedenti in attesa a marzo 2018.

In fondo alla classifica per milione di abitanti c’è il Portogallo con 5 persone in attesa, seguito dall’Ungheria (22) e la Slovacchia (27).  

Le domande di protezione internazionale pendenti sono quelle che sono state fatte in qualsiasi momento e sono ancora all'esame delle autorità nazionali competenti alla fine del periodo di riferimento. In altre parole, si riferiscono allo "stock" di applicazioni per le quali le decisioni sono ancora in sospeso.
 

 

 

19 giugno 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy