Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 07 OTTOBRE 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Morbillo. In Italia il 25% dei casi registrati in tutta l’Ue. Coperture vaccinali insufficienti in quasi tutti gli Stati. L’ultimo report ECDC


L'Italia ha registrato 260 casi a giugno 2018, in calo rispetto ai 413 di maggio e ai 465 di aprile. A livello europeo, la maggior parte delle segnalazioni tra luglio 2017 e giugno 2018 sono arrivate dal nostro Paese (3.341), seguito dalla Grecia (3.193), dalla Francia (2.740) e dalla Romania (1.354). In tutto i casi in Europa sono stati oltre 13mila. Tra gli 11.957 casi di cui è noto lo stato di vaccinazione, l'83% è risultato non vaccinato, il 10% vaccinato con una dose di morbillo vaccino. IL REPORT ECDC.

20 AGO - Diminuiscono i casi di morbillo in Italia, ma il nostro Paese resta comunque tra quelli dove la malattia è più diffusa, tanto che i casi registrati rappresentano ben il 25% di tutti i casi registrati in Ue. E' quanto emerge dall'ultimo aggiornamento sul morbillo dell’Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, che il 13 agosto ha pubblicato i dati nel periodo 1 ° luglio 2017 e il 30 giugno 2018 (i precedenti erano di marzo).

Nel solo mese di giugno 2018 sono 17 (su 30) i paesi UE / SEE che hanno segnalato casi di morbillo, per un totale di 1.054 (fonte: TESSy, il sistema di sorveglianza internazionale). Francia, Germania, Grecia, Italia e Regno Unito hanno continuato a riportare elevati numeri di casi, ma con una tendenza decrescente.
 


La Slovacchia ha registrato un marcato aumento nel giugno 2018. La Repubblica ceca, la Lituania e il Portogallo non hanno riportato dati per giugno 2018.

L'Italia ha segnalato 260 casi a giugno 2018, in diminuzione rispetto ai 413 e 465 casi segnalati per maggio e aprile 2018.

A giugno 2018, la Francia ha segnalato 181 casi, che sono diminuiti da 251 e 623 casi (compreso un decesso) segnalato per maggio e aprile 2018.

La Grecia ha segnalato 155 casi per il giugno 2018, una diminuzione rispetto a 290 casi segnalati a maggio 2018 e 352 casi (compreso un decesso) ad aprile 2018.

Novanta casi sono stati segnalati dalla Germania a giugno 2018, rispetto a 100 casi a maggio e 95 casi ad aprile 2018.

Il Regno Unito ha segnalato 89 casi a giugno 2018, un calo rispetto a 174 (maggio 2018) e 207 casi (aprile 2018).

La Slovacchia ha segnalato 72 casi a giugno 2018, un netto aumento da 18 e 3 casi segnalati a maggio e aprile 2018.


Tra il 1 ° luglio 2017 e il 30 giugno 2018, 29 Stati membri dell'UE / del SEE hanno segnalato 13.234 casi di morbillo. Solo Malta ha riportato zero casi durante questo periodo.

 


Il numero di casi di morbillo segnalati a TESSy può essere una sottostima, in particolare per la Romania. L'epidemia sostenuta nel paese ha causato ritardi nel riferire i casi all'ECDC e i dati più aggiornati sono disponibili presso l'Istituto nazionale rumeno di Salute pubblica del Paese.

L'ECDC ha pubblicato in precedenza una rapida valutazione del rischio sull'epidemia rumena a marzo 2017.

Nel periodo compreso tra il 1 ° luglio 2017 e il 30 giugno 2018, la maggior parte dei casi è stata segnalata dall'Italia (3.341), Grecia (3. 193), Francia (2.740) e Romania (1 354), che rappresentano rispettivamente il 25%, il 24%, il 21% e il 10% di tutti i casi segnalati dai paesi UE / SEE.

La diagnosi di morbillo è stata confermata da risultati di laboratorio positivi (sierologia, virus rilevazione o isolamento) nel 69% di tutti i casi segnalati.
 
 

 
Diciotto morti attribuibili al morbillo sono stati segnalati a TESSy durante il periodo di 12 mesi, con sei in Romania, cinque in Italia, quattro in Grecia e tre in Francia.

La situazione dell'importazione di morbillo è stata segnalata da 28 paesi e nota per 12.186 casi (92%). Tra i casi noti, 8.316 (68%) erano endemici, 3.332 (27%) erano legati alle importazioni e 538 (4%) sono stati importati I casi sono stati classificati come importati se ci sono prove virologiche e / o epidemiologiche di esposizione al di fuori della regione o del paese 7-18 giorni prima dell'eruzione cutanea, mentre i casi sono stati classificati come correlati all'importazione per infezioni acquisite localmente causate da virus importati, come supportato da prove epidemiologiche e/o virologiche.

Di 13.233 casi con età nota, 3.924 (30%) erano bambini di età inferiore ai 5 anni, mentre 6 796 casi (51%) erano all'età di 15 anni o più.

La più alta incidenza è stata riportata nei bambini al di sotto di un anno di età (257,3 casi per milione) e bambini da 1 a 4 anni (123,7 casi per milione).

Di tutti i casi, 1.276 (10%) aveva uno stato di vaccinazione sconosciuto.

La proporzione di casi con vaccinazione sconosciuta ha raggiunto il 19% tra gli adulti di età pari o superiore a 30 anni.

Di 11.957 casi (il 90% di tutti i casi) con età e stato di vaccinazione conosciuto, l'83% non era vaccinato, il 10% era vaccinato con una dose di morbillo vaccino, il 6% è stato vaccinato con due o più dosi e l'1% è stato vaccinato con un numero sconosciuto di dosi.

La proporzione di casi non vaccinati era più alta tra i bambini al di sotto di un anno di età (94%). I bambini di età inferiore a un anno sono particolarmente vulnerabili alle complicanze del morbillo e sono meglio protetti dall'immunità di gregge.

Tra i casi di età compresa tra uno e quattro anni, l'82% dei casi non era vaccinato, il 13% era vaccinato con una dose, 2% con due dosi o più e il 3% ha uno stato di vaccinazione sconosciuto.

Il morbillo continua a diffondersi in tutta Europa perché la copertura vaccinale in molti paesi è subottimale.

Solo quattro paesi UE / SEE hanno riportato almeno il 95% di copertura vaccinale per entrambi dosi di vaccino contenente il morbillo per il 2017. Se si vuole raggiungere l'obiettivo di eliminazione, secondo l’Ecdc la copertura vaccinale per i bambini e gli adulti deve aumentare in un certo numero di paesi perché la copertura vaccinale per entrambi i primi e la seconda dose deve essere almeno del 95% a tutti i livelli subnazionali e in tutte le comunità per interrompere il morbillo circolazione.

Rosolia

Anche per la rosolia, per quanto i casi siano inferiori, la situazione non è milgioe.

Tra il 1 ° luglio 2017 e il 30 giugno 2018, 13 Stati membri dell'UE / SEE hanno riferito un totale di 624 casi di rosolia. Belgio e Francia non segnalano casi di rosolia a TESSy. Lituania e Portogallo non hanno segnalato dati a giugno 2018; la Repubblica ceca non ha riferito a marzo, aprile, maggio e giugno 2018.

In questo periodo di 12 mesi, il più alto numero di casi è stato segnalato da Polonia (490), Germania (60), Italia (27) e Austria (21), che rappresentano rispettivamente il 79%, il 10%, il 4% e il 3% dei casi segnalati. Nel mese di giugno 2018, quattro stati UE / SEE (Germania, Italia, Polonia e Romania) hanno segnalato un totale di 65 casi, di cui 55 segnalati da Polonia. La diagnosi di rosolia è stata confermata da risultati di laboratorio positivi nel 10% di tutti i casi riportati nel periodo di 12 mesi.

La maggior parte dei casi in Polonia si è verificato nei bambini, con il 45% dei casi nei bambini sotto i cinque anni e il 30% nei bambini tra i cinque ei nove anni.

20 agosto 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy