Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 31 OTTOBRE 2020
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Mortalità infantile in calo. Ma nel 2017 i decessi degli under 15 sono stati 6,5 milioni. Nuovo rapporto Oms, Unicef, UN e World Bank 


La maggior parte dei bambini sotto i 5 anni muoiono per cause prevenibili o curabili come complicazioni durante la nascita, polmonite, diarrea, sepsi neonatale e malaria. Tra i bambini di età compresa tra 5 e 14 anni, invece, le lesioni sono la causa di morte più importante, in particolare per l'annegamento e il traffico stradale. All'interno di questa fascia di età esistono anche differenze regionali, con il rischio di morire per un bambino dall'Africa subsahariana 15 volte superiore rispetto all'Europa. IL RAPPORTO 2018.

18 SET - Circa 6,3 milioni di bambini sotto i 15 anni sono morti nel 2017: uno ogni 5 secondi, principalmente per cause prevenibili, secondo le nuove stime sulla mortalità  Oms, UNICEF, United Nations Population Division e World Bank Group. 
 
La stragrande maggioranza di questi decessi - 5,4 milioni - si verifica nei primi 5 anni di vita, e  i neonati rappresentano circa la metà dei decessi. 
 
"Senza un'azione urgente, 56 milioni di bambini sotto i 5 anni moriranno da qui al 2030, metà dei quali neonati", ha detto Laurence Chandy, Direttore dei dati dell'UNICEF, Ricerca e Politica. "Abbiamo compiuto notevoli progressi nel salvare i bambini dal 1990, ma milioni stanno ancora morendo a causa di chi sono e dove sono nati. Con soluzioni semplici come medicine, acqua pulita, elettricità e vaccini, possiamo cambiare quella realtà per ogni bambino”.

A livello mondiale, nel 2017, la metà dei decessi sotto i 5 anni si è registrata  nell’Africa sub-sahariana e un altro 30% nell'Asia meridionale. Nell'Africa sub-sahariana, 1 su 13 bambini è morto prima del quinto compleanno. Nei paesi ad alto reddito, questo numero era pari a 1 su 185.   

 
"Milioni di neonati e bambini non dovrebbero morire ogni anno a causa della mancanza di accesso all'acqua, ai servizi igienico-sanitari, all'alimentazione adeguata o ai servizi sanitari di base", ha detto Principessa Nono Simelela, Direttore generale aggiunto per la famiglia, le donne e la salute dei bambini dell'Oms. "Dobbiamo dare la priorità all'accesso universale a servizi sanitari di qualità per ogni bambino, in particolare nel periodo della nascita e durante i primi anni, per dare loro la migliore possibilità di sopravvivere e prosperare".
 
La maggior parte dei bambini sotto i 5 anni muoiono per cause prevenibili o curabili come complicazioni durante la nascita, polmonite, diarrea, sepsi neonatale e malaria. 

Tra i bambini di età compresa tra 5 e 14 anni, invece, le lesioni sono la causa di morte più importante, in particolare per l'annegamento e il traffico stradale. All'interno di questa fascia di età esistono anche differenze regionali, con il rischio di morire per un bambino dall'Africa subsahariana 15 volte superiore rispetto all'Europa.
 
"Più di sei milioni di bambini che muoiono prima del loro quindicesimo compleanno rappresenta anche un costo che semplicemente non possiamo permetterci", ha affermato Timothy Evans, Senior Director e responsabile della salute, nutrizione e popolazione, Global Practice presso il World Bank Group. "La fine delle morti prevenibili e l'investimento nella salute dei giovani sono le basi fondamentali per il capitale umano dei paesi edificabili, che guideranno la loro crescita futura e la loro prosperità". 
 
Per i bambini di tutto il mondo il più rischioso periodo di vita è il primo mese. Nel 2017 sono morti 2,5 milioni di neonati nel loro primo mese. Un bambino nato nell'Africa sub-sahariana o nell'Asia meridionale aveva nove volte più probabilità di morire nel primo mese di un bambino nato in un paese ad alto reddito. E i progressi per il salvataggio dei neonati sono stati più lenti di quelli di altri bambini al di sotto dei 5 anni dal 1990. 
 
Perfino all'interno dei paesi ci sono disparità. I tassi di mortalità al di sotto dei 5 anni nelle aree rurali sono mediamente superiori del 50% rispetto ai bambini nelle aree urbane. Inoltre, quelli nati da madri non istruite hanno più del doppio delle probabilità di morire prima di compiere 5 anni rispetto a quelli nati da madri con un'istruzione secondaria o superiore.
 
Nonostante queste sfide, ogni anno muoiono meno bambini in tutto il mondo. Il numero di bambini che muoiono sotto i 5 anni è crollato da 12,6 milioni nel 1990 a 5,4 milioni nel 2017. Il numero di decessi nei bambini più grandi di età compresa tra 5 e 14 anni è sceso da 1,7 milioni a meno di un milione nello stesso periodo. 
 
"Questo nuovo rapporto mette in evidenza i notevoli progressi compiuti dal 1990 nella riduzione della mortalità tra bambini e giovani adolescenti", ha dichiarato il Sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari economici e sociali Liu Zhenmin. "Ridurre la disuguaglianza aiutando i neonati, i bambini e le madri più vulnerabiliè essenziale per raggiungere l'obiettivo degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile sul termine prevenibile di morti nell’infanzia e per garantire che nessuno rimanga indietro". 

18 settembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy