Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 28 NOVEMBRE 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Chiusa l’Assemblea Oms Europa: ecco gli impegni per i prossimi 15 anni. Fallito obiettivo eradicazione morbillo e rosolia entro il 2020


Tedros (DG Oms): "Tutte le misure di cui si è parlato  richiedono investimenti. Niente è gratis. Ma è fondamentale che i Paesi li vedano come investimenti, e non come costi. Sono investimenti in un'Europa più sana. Sono investimenti in un'Europa più equa. E sono investimenti in un'Europa più sicura". Oltre il 50% della cattiva salute all'interno dei paesi della regione è stato spiegato da 6 fattori: disuguaglianza nell'accesso all'assistenza sanitaria; mancanza di accesso a cibo adeguato; livelli più elevati di isolamento sociale in gruppi più svantaggiati; insicurezza del reddito; alloggi poveri; disoccupazione.

21 SET - Si è concluso a Roma il summit europeo dell’Oms, quattro giorni di confronto e dibattito tra ministri ed esperti della salute.

La linea guida degli argomenti trattati è stato il lavoro dell'Oms sul rafforzamento dei sistemi sanitari.

In questo senso diversi temi comuni sono emersi dagli interventi, tra cui:
- un impegno a muoversi verso l’UHC (la copertura sanitaria universale) e a rinvigorire l'assistenza sanitaria di base;

- lo slancio crescente dei lavori a livello di singolo paese sull'agenda 2030;

- la necessità di solidarietà nell'affrontare i problemi di salute dei migranti;

- l'importanza di una maggiore attenzione alla salute digitale;

- la necessità di mantenere livelli di finanziamento regionali alti per affrontare le sfide sanitarie tra cui l'HIV, la tubercolosi multiresistente e il morbillo;

- la promozione del trattamento dell'epatite C;
- l'adozione di un approccio al corso della vita per affrontare i fattori di rischio per la salute, incluso l'uso del tabacco;

- l’apprezzamento per il ruolo potenziato dell'Oms nella preparazione e risposta alle emergenze;

- il riconoscimento del lavoro tecnico svolto dai 5 uffici geograficamente distribuiti della Regione e del lavoro degli uffici nazionali.

Il direttore generale Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus ha dettagliato gli elementi chiave dell'agenda della 68esima assemblea Oms Europa, compresa la protezione finanziaria, l’impulso a far progredire il piano d'azione europeo sui vaccini per il periodo 2015-2020 e il progetto di strategia sulla salute e il benessere degli uomini.

"Tutte le misure di cui si è parlato questa settimana – ha detto - richiedono investimenti (e l'Oms ha di recente presentato la sua richiesta di finaziamento agli Stati membri, non solo europei) . Niente è gratis. Ma è fondamentale che i Paesi li vedano come investimenti, e non come costi. Sono investimenti in un'Europa più sana. Sono investimenti in un'Europa più equa. E sono investimenti in un'Europa più sicura ".

Il direttore generale ha ricordato agli Stati membri i 3 obiettivi del terzo programma di lavoro generale Oms 2019-2023:

- 1 miliardo di persone in più beneficiano di UHC;

- 1 miliardo di persone in più meglio tutelate dalle emergenze sanitarie;

- 1 miliardo di persone in più godono di una salute e di un benessere migliori.

E in conclusione ha esortato gli Stati membri a raccogliere 3 sfide:

- lavorare a livello governativo per proteggere e promuovere la salute; 

- combattere il calo dei tassi di vaccinazione; 

- garantire la copertura universale "assicurando che le persone di questa regione siano liberate da spese sanitarie catastrofiche. Festeggia i tuoi successi, impara dai tuoi errori e condividi quelle lezioni con la Regione e il mondo: l'Europa è la casa di UHC", ha detto.
 
Durante i lavori i rappresentanti degli Stati della Regione europea hanno analizzato anche lo stato dell’arte dei principali target Oms.

Per quanto riguarda l’Agenda 2030 che raccoglie i 17 SDG, obiettivi di sviluppo sostenibile, tutti i paesi hanno previsto una tabella di marcia, ma nell’Agenda 2030 ci sono anche le malattie non trasmissibili e, sull’altro versante, le vaccinazioni.

Per le prime (NCD)  c’è bisogno di maggiore attraverso empowerment delle persone, di una trasformazione dell'educazione alla salute pubblica, ma soprattutto dell'aumento di investimenti.

Per i vaccini  - importanza fondamentale è stata data al piano d’azione europea sui vaccini 2015-2020 (EVAP) -  sono positivi i risultati per l’eradicazione della polio, ma , la Regione europea nel suo complesso non raggiungerà l'eliminazione del morbillo e della rosolia entro il 2020 e rischia di non raggiungere gli obiettivi di copertura della vaccinazione.

Sull’allarme tubercolosi che in questo periodo si fa sentire più forte nella regione europea, L’Assemblea di Roma ha sottolineato che vanno rafforzati i sistemi sanitari di prevenzione e cura e anche in questo caso con meccanismi di finanziamento della sanità rafforzati e un nuovo modello di erogazione dei servizi attraverso un impegno più attivo dell'assistenza sanitaria di base.

Gli obiettivi per la salute delle persone che ha sottolineato l’Assemblea sono soprattutto tre:

- ridurre la mortalità prematura da NCD e lesioni non intenzionali e intenzionali;

- ridurre le disuguaglianze nella salute fisica e mentale e il benessere di tutte le età in tutta la Regione e all'interno dei paesi;

- migliorare l'uguaglianza di genere coinvolgendo le persone nell'autosufficienza, nella paternità, nella cura non retribuita, nella prevenzione della violenza e nella salute sessuale e riproduttiva.
 
I delegati Oms hanno chiarito che a influenzare i sistemi sanitari in futuro ci sono vari fattori da riorientare, al di là del consueto rapporto con il PIL. Tra questi ad esempio gli eventi avversi che si verificano in 1 ospedale su 10 e fino al 50% delle prescrizioni antimicrobiche non necessarie), ma soprattutto la prevenzione.

E non poteva mancare tra gli argomenti quello delle malattie trasmesse da vettori e i relativi rapporti sullo stato di avanzamento dei vari piani di intervento.

Molta colpa dell’acuirsi delle patologie derivate da zanzare&Co è dei cambiamenti climatici, della globalizzazione e del movimento delle persone con cui anche i vettori si spostano verso aree nuove e più vaste.

Quindi sono necessari un maggiore impegno politico e finanziario; sorveglianza, monitoraggio e valutazione; formazione degli operatori sanitari; un approccio multisettoriale; l'impegno della comunità; collaborazione transfrontaliera; controllo vettoriale supportato dalla legislazione. 

Ma la salute degli europei è a rischio anche per altre cause. Ad esempio il trasporto urbano che dovrebbe essere  ecologicamente sostenibile, mentre l’eccesso di motorizzazione ha influito influisca negativamente sulla salute: riduce i livelli di attività fisica rendendo il camminare e il ciclismo difficili e non sicuri; provoca lesioni; abbassa la qualità dell'aria; crea rumore. 
 
Tirando le somme sulla salute della popolazione nella Regione europea Oms, l’Assemblea di Roma ha sottolineato che oltre il 50% della cattiva salute all'interno dei paesi è dovuto a 6 fattori:


- disuguaglianza nell'accesso all'assistenza sanitaria; 

- mancanza di accesso a cibo adeguato;
 
- livelli più elevati di isolamento sociale in gruppi più svantaggiati; 

- insicurezza del reddito; 

- alloggi poveri; e disoccupazione.
 
Tuttavia alla base di tutto c’è ancora una volta il problema finanziario e quello delle disuguaglianze. A gennaio 2019 il punto si farà con il Rapporto sullo stato patrimoniale della salute in Europa, non esaminando le cause e le fonti di ingiustizia, ma anche fornendo ai responsabili delle decisioni, strumenti per aiutarli ad agire per affrontarli.

Il rapporto verrà prodotto ogni 4 anni con lo scopo di:

- migliorare la responsabilità e la priorità del patrimonio sanitario;

- sostenere i paesi ad agire per l'equità della salute;

- aumentare l'attenzione prestata all'equità della salute come obiettivo e misura di sostenibilità, inclusione, sicurezza e progresso in Europa.

Il suo scopo sarà quello di contribuire a garantire che le discussioni sui piani nazionali di sviluppo sostenibile includano l'equità della salute. Il rapporto sarà accompagnato da un atlante interattivo, orientamenti politici interattivi e una serie di strumenti per supportare l'azione.

Durante l’Assemblea c’è stata anche una parte di verifica operativa per i delegati che hanno testato le loro conoscenze sugli SDG con un quiz in 18 domande che collegano la salute a ciascuno degli obiettivi. 

Il quiz è disponibile online a questo indirizzo https://www.research.net/r/WHO_SDG_Quiz


Ecco le risoluzioni dell'Assemblea Oms Europa 2018

Relazione del direttore regionale sul lavoro dell'OMS nella regione europea nel 2016-2017

 
Rapporto del venticinquesimo comitato permanente del comitato regionale

 
Riaffermare l'impegno a rafforzare i sistemi sanitari per una copertura sanitaria universale, risultati migliori e ridotte disparità sanitarie

 
Strategia sulla salute e il benessere degli uomini nella Regione europea dell'OMS

 
Promuovere la salute pubblica per lo sviluppo sostenibile nella Regione europea dell'OMS

 
Piano d'azione per migliorare la preparazione e la risposta alla salute pubblica nella Regione Europea dell'OMS

 
Date e luoghi delle sessioni regolari del comitato regionale per l'Europa nel 2019-2021

 
Quadro comune di monitoraggio nel contesto della tabella di marcia per l'attuazione dell'agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, sulla base di Salute 2020, la politica europea per la salute e il benessere

 
Decisione sull'impegno con attori non statali: accreditamento di attori regionali non statali non in relazioni ufficiali con l'OMS per partecipare alle riunioni del comitato regionale per l'Europa dell'OMS


21 settembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy